Ucraina: bombardamenti russi nella notte, allarme in tutte le regioni

Ucraina: bombardamenti russi nella notte, allarme in tutte le regioni

La centrale nucleare di Zaporizhzhia senza elettricità dopo i raid
I RAID
di
0 Commenti Condividi

Ancora una notte di bombardamenti russi su diverse località ucraine. Esplosioni sono state segnalate nella notte nelle città ucraine di Dnipro e di Kirovohrad e nella regione di Mykolaiv. Lo riportano i media locali aggiungendo che l’allarme antiaereo è stato attivato in tutti gli oblast ucraini. L’amministrazione militare della regione di Kiev ha avvertito i residenti di possibili minacce aeree e ha affermato che la difesa aerea è pronta a proteggere la regione. Hanno anche esortato i residenti a rimanere nei rifugi.

I bombardamenti


I bombardamenti russi hanno colpito nella notte le regioni ucraine di Kharkiv e di Odessa, secondo quanto riportano i media locali. Le forze russe hanno attaccato l’oblast di Kharkiv almeno 15 volte prendendo di mira infrastrutture critiche, ha riferito il governatore regionale Oleh Syniehubov su Telegram, specificando che una residenza privata è stata danneggiata. Nell’oblast di Odessa sono state prese di mira invece infrastrutture energetiche, secondo il governatore Maksym Marchenko. La fornitura di elettricità è stata parzialmente interrotta. Al momento non si segnalano vittime. 

Le esplosioni a Kiev



Altre esplosioni si sono verificate stamattina a Kiev nel distretto occidentale di Sviatoshynskyi. Lo ha dichiarato il sindaco della capitale ucraina Vitali Klitschko su Telegram. Due persone sono rimaste ferite e sono state curate sul luogo dell’attacco, ha specificato Klitschko aggiungendo che alcune auto sono andate in fiamme nel cortile di un edificio residenziale dopo il raid russo.

Il sindaco Klitschko: “Il 40% dei consumatori senza riscaldamento”

Una delle esplosioni udite questa nella capitale ucraina è stata un attacco a un impianto energetico e il 40% degli abitanti della capitale è ora senza riscaldamento, ha informato il sindaco Klitschko:  “Dopo l’attacco missilistico, a causa dell’interruzione di emergenza dell’energia elettrica, il 40% dei consumatori della capitale è attualmente senza riscaldamento. L’erogazione dell’acqua funziona normalmente”, ha speigato. Attualmente la temperatura nella città è di 4 gradi.

Blackout preventivi in tre regioni ucraine

Blackout preventivi sono stati introdotti in tre regioni ucraine a causa dei danni alle infrastrutture energetiche provocati dai bombardamenti russi della notte scorsa: lo ha reso noto Ukrenergo, come riportano i media ucraini. “Restrizioni sono state applicate nelle regioni di Zhytomyr, Kharkiv e Odessa”, si legge nella nota dell’l’operatore energetico ucraino. I tecnici sono già al lavoro per ripristinare l’erogazione di corrente elettrica, ha aggiunto la società, sottolineando che “l’approvvigionamento energetico viene gradualmente ripristinato”.

Centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhia tagliata fuori dalla rete elettrica

La centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhia è stata tagliata fuori dalla rete elettrica dopo un attacco russo. Lo ha comunicato stamani l’operatore ucraino per il nucleare, avvertendo del rischio di un incidente. “L’ultima linea di comunicazione tra la centrale nucleare occupata di Zaporizhzhia e la rete elettrica ucraina è stata interrotta a causa di attacchi missilistici russi”, ha dichiarato Energatom in un comunicato, aggiungendo che sono stati attivati generatori diesel di emergenza per garantire l’alimentazione minima della centrale.

L’Onu è pronta a offrire i suoi uffici

Ieri il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha indicato che l’Onu è pronta a offrire i suoi buoni uffici come mediatore nella smilitarizzazione della centrale nucleare di Zaporizhzhia.  “La sicurezza intorno alla centrale nucleare di Zaporizhzhia è fondamentale. Credo che sarebbe importante anche una possibile mediazione per cercare la completa smilitarizzazione dell’area, garantendo al contempo che la centrale possa tornare a funzionare normalmente”, ha dichiarato Guterres, in una conferenza stampa con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky a Kiev.

Zelensky: “La centrale nucleare di Zaporizhzhia deve tornare sotto il pieno controllo dell’Ucraina”

Zelensky, da parte sua, ha detto che con Guterres “abbiamo discusso su come fermare il ricatto nucleare della Russia e ripristinare la sicurezza di tutte le centrali nucleari ucraine, che è stata violata dalla Russia, in particolare la sicurezza della centrale nucleare di Zaporizhzhia. La centrale nucleare di Zaporizhzhia deve tornare sotto il pieno controllo dell’Ucraina: è una questione di sicurezza globale, non solo di
sicurezza ucraina”.

(Foto di repertorio)


0 Commenti Condividi

Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *