"Vicepresidente alla Provincia?| No, mi candido al Parlamento" - Live Sicilia

“Vicepresidente alla Provincia?| No, mi candido al Parlamento”

Marianna Caronia declina l'offerta di un posto da vicepresidente alla Provincia di Palermo e annuncia la candidatura alle Politiche del 2013. "E la lista Amo Palermo già lavora per le prossime Provinciali".

marianna caronia
di
29 Commenti Condividi

PALERMO – Entrare in giunta alla Provincia? No, grazie. Questa la risposta di Marianna Caronia all’offerta del suo partito, il Cantiere popolare, che nel rimpasto di Palazzo Comitini aveva riservato alla già candidata a sindaco di Palermo il posto di vice di Giovanni Avanti. Una sistemazione “dorata” da qui alle Politiche che però la Caronia ha deciso di rifiutare.

“Indubbiamente sarebbe per me un grande onore assumere quell’incarico – si legge in una nota della Carnonia – e l’aver ricevuto alle scorse Regionali 7.128 consensi che, comunque non sono stati, per una manciata di voti, sufficienti alla mia rielezione all’Assemblea Regionale Siciliana, darebbe peraltro più che legittimità all’eventuale nomina. Tuttavia, in ragione della mia contrarietà a perseguire “posizioni di comodo” in coerenza con la mia personale storia politica, ho deciso di non accettarla”.

Un’offerta che era venuta direttamente da Saverio Romano e da Giovanni Avanti, decisi a ricompensare la prima dei non eletti all’Ars con una posizione di prestigio che fino a qualche settimana fa era stata appannaggio del Pdl ma che sarebbe andata al Cantiere popolare nel quadro di un più ampio ragionamento che assegna un posto in più ai berlusconiani. Tutto da rifare, quindi, visto che i progetti della Caronia sono ben altri e permetteranno a Paolo Porzio di restare così in giunta.

“L’importante incarico non mi permetterebbe di dedicarmi compiutamente alla campagna elettorale per le prossime Politiche – aggiunge la Caronia – che mi vedranno candidata nella speranza di poter continuare in Parlamento il mio impegno a sostegno degli interessi della Sicilia. Sottrarrebbe inoltre tempo prezioso all’impegnativo e delicato lavoro di ‘Amo Palermo’ di cui sono Presidente, per la preparazione della lista delle future Provinciali”.

Grandi manovre, quindi, che vedranno l’ex deputata impegnata nella corsa per un seggio a Roma e soprattutto per radicare il suo movimento sul territorio che, dopo la buona affermazione delle Comunali, dove è riuscita a conquistare due scranni, si misurerà con le urne per il rinnovo di Sala Martorana.

 

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

29 Commenti Condividi

Commenti

    Comune, Regione, Roma, chista si porta pure al Conclave a prossima vota..

    i piatti no?????

    E in tutto questo trambusto il presidente giovanni Avanti quando si decidera’ a fare questo benedetto rimpasto visto che e da circa sei mesi che ne parla e ancora oggi non se ne sa nullaa…

    Beh più che altro cara Caronia è incompatibile, altrimentinti saresti presa l’una e l’altra carica. Ma scusa con le liste bloccate chi ti candida?

    ma quanto trucco ha addosso la caronia?

    Forse e’ proprio il caso di dire “ccu nesci arrinesci” e chissa’ che non sia lavorare da roma la soluzione per poter lavorare autonomamente e bene assieme a partner affidabili con obiettivi e strategie comuni

    a casa a badare a suo marito e sua figlia non è cosa sua

    papà lasciala stare a casa ora basta!!!!

    ragazzi ma è la stessa Caronia che si candidava a sindaco? in questa foto sembra più figa…

    Avrà pensato: ma che sono “cretina”??? meglio in parlamento con: auto blu, benefits di tutti i tipi viaggi aggratis e non ultimo stipendio nettamente superiore!!!

    CHE COSA BRUTTA L’INVIDIA!

    Aboliamo le province, recuperiamo denaro e risorse umane in luoghi piú utili alla societá civile: tribunali, scuole e ospedali, biblioteche pubbliche, asili…ce ne sarebbe lavoro vero da far fare!

    A casa a lavare i pavimenti!

    Brava Marianna.Dopo aver perso le elezioni a sindaco e quelle a deputato regionale NON CAPISCI CHE ORMAI SEI POLITICAMENTE BRUCIATA E CHE NON TI SEGUE PIU’NESSUNO?

    Alcuni punti sono da chiarire: 1. Con questa legge elettorale il Pid alle politiche non prenderebbe neanche un seggio quindi anche se ti nominassero capolista non credo che la Caronia approderebbe a Roma, per non parlare di Saverio Romano che con tutta probabilità sarà lui il capolista. 2. Alle provinciali di giugno 2013 la legge elettorale prevede lo sbarramento al 5 % per accedere alla ripartizione dei seggi con metodo d’hont, quindi il movimento Amo Palermo privo pure di un proprio candidato presidente che cmq traina la lista rimarrebbe fuori. 3. Cambiare partito mi sembra impossibile visto che ti manca solo l’udc per aver militato in tutti i partiti di centro-destra e non. Sig.ra Caronia lei è un politico-politicante abbastanza scarso sia nelle scelte che ha compiuto nella sua breve carriera politica, sia nelle idee progetti e persone che le stanno accanto e che fanno squadra con lei…. non penso lei abbia molto futuro politico…

    . . . CHE COSA BRUTTA E’ L’INVIDIA! ! ! . . .

    Francesco Buffa ma invidia de che? Se leggi il mio commento è un analisi politica senza offendere nessuno, capisco siete in difficoltà….

    Non mi ha mai convinto, meno che meno adesso…

    MA COME AVRESTI , FATTO AD ANDARE D’ACCORDO CON IL GEOMETRA AVANTI ?

    Prima candidata a sindaco , poi all’ARS, ora alle politiche….Per carità, datele una poltrona e uno stipendio ché quello della ex Siremar non le basta più…

    @Francesco Buffa Designer. “Che cosa brutta l’invidia”: abbiamo capito. Ma lei per il resto cosa pensa? Non penserà mica solo questo no?

    Signora Caronia,

    si dedichi per anni al volontariato poi ne riparliamo… dopo tutti questi insuccessi mi sembra poco serio mirare da subito alla ” prossima poltrona” si astenga per ripresentarsi magari dopo.

    Basterà leggere il livello generale di questi commenti e delle “conversazioni” non ci vuole molto a capire che si tratta di persone nella maggior parte invidiose e in qualche caso incattivite . . . e cosa replicare agli a queste persone? . . . . e in questo contesto senza interlocutori, forse qualcuno ha espresso un pensiero politico al quale replicare? O ha cercato un confronto politico serio? Questo è quello che penso . . . CHE COSA BRUTTA E’ L’INVIDIA! . . .

    Quella di francesco buffa forse é un auto analisi del tipo ” bocca mia taci” ! Chissa cosa avrebbe da dire alla spumeggiante Caronia

    buon inizio.di buon lavoro..

    Cara signora Caronia, non capisce che ormai la sua immagine è bruciata? finché verrà circondata da collaboratori poco affidabili che la consigliano o la rappresentano male,lei non potrà ambire a nessuna poltrona. Prima di pensare alle prossime elezioni ragioni sui motivi dei suoi successi prima e poi insuccessi dopo e soprattutto valuti cosa gli sia rimasto in termini di consensi. Le posso solo consigliare di cercare di avere qualcuno molto più professionale, e uno staff capace di di trattare le persone in modo serio e non con le prese in giro, ma per poi ricominciare nuovamente da capo.

    peccato, non sai cosa ti perdi alla provincia, tanti catering e cene luculliane…..peggio per te

    prima di insinuare qualcosa sull ‘ operato dei collaboratori, almeno abbi il coraggio e l onesta di dire chi sei, (NEOMOFITA),

    Vorrei solo sapere da Neomofita se intende presentare il proprio curriculum alla sig.ra Caronia così magari le faciliterà una nuova candidatura.
    Se poi è così certo che l’errore arrivi da qualche membro dello staff, perchè non indicare chi è e soprattutto quale sia l’errore che ha commesso.
    Le critiche se sono costruttive aiutano a migliorare, se restano sterili attacchi ad anonimi, non servono a nessuno. Buona giornata

    Cara Sig,Ra Caronia,continui pure a sfidare il fato tanto non puo’ vincere,non ha le qualita’ per fare politica,e’ non ha un collaboratore in grado di garantirle un aiuto.
    E’ rispettabile la sua volonta’ ma le scorse battaglie hanno consacrato la pochezza del suo essere ,il pressapochismo di una segreteria composta da quattro improvvisati,per non parlare dei vari consulenti davvero scarsi e sconosciuti.
    Oggi e’ tempo che la politica torni a chi ne ha qualita’ e competenza,pertanto ringraziando per le opportunita’ che le sono in passato date non per meriti,si ritiri in buon ordine,lasciando le cose grandi ai grandi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.