A Palermo nasce Officium, “È tempo del fare, basta bla, bla, bla ..” - Live Sicilia

A Palermo nasce Officium, “È tempo del fare, basta bla, bla, bla ..”

Giulia Noera - Isabella Munda - Marcello Caruso
Condividi

Aspirare ad una normalità, puntare ad una contemporaneità. E’ questo il ruolo che uomini e donne di officium desiderano avere per la città di Palermo”. 

Così Isabella Munda, segretario generale dell’associazione Officium, ha presentato, ieri pomeriggio, alle Officine Baronali, il nuovo progetto per la città di Palermo. 

Circa 250 persone, tra imprenditori, professionisti, dirigenti regionali, docenti universitari, artigiani, dipendenti, lavoratori autonomi, operatori sociali e culturali, hanno accolto l’invito del presidente e del vice-presidente di Officium, rispettivamente Giulia Noera e Marcello Caruso, per un brindisi di auguri, in prossimità delle feste natalizie. 

Un’occasione per ribadire la mission della nuova associazione Officium. “È giunto il momento di impegnarsi per la città. Basta girare la faccia, non possiamo far finta di nulla, dobbiamo attivarci – hanno affermato con enfasi gli organizzatori. Tutti noi siamo chiamati a tentare, a provare a dare una mano per ricostruire questa città”. 

Officium è un’associazione culturale, il cui obiettivo è quello di promuovere, attraverso eventi, iniziative e progetti sul territorio, il coinvolgimento e la partecipazione attiva dei cittadini nelle dinamiche sociali ed economiche.

Per il nuovo anno – ha spiegato il presidente Giulia Noera abbiamo già programmato i ‘caminetti’. In pratica, riprendendo l’idea delle chiacchierate di Roosevelt, organizzeremo degli incontri con tematiche specifiche, funzionali al miglioramento della città. Questi appuntamenti verranno affidati ad esperti del settore, così da fare vedere concretamente come in altre città d’Italia, di fronte a differenti problematiche cittadine, sono state trovate e messe in pratica soluzione reali ed effettive”.

Con i caminetti di Officium si parte ufficialmente venerdì 21 gennaio, con l’incontro culturale dal titolo “Angolature di trasgressione culturale”,  che vedrà l’intervento del professore Salvatore La Rosa.

Nel mese di  febbraio, invece, seguiranno appuntamenti con focus sport, urbanistica, project financing.

Officium racchiude il senso del dovere, il servizio, il compito orientato a livello morale, sociale e politico, per il miglioramento della vita pubblica. – ha ribadito il vice presidente Marcello Caruso – Ecco perché un gruppo di 450 traimprenditori, professionisti, operatori sociali e culturali stanno facendo squadra: ascoltare, studiare, confrontarsi per proporre alla nostra bellissima Palermo non solo soluzioni concrete a problemi semplici e normali, ma anche progetti innovativi. Vogliamo disegnare una città contemporanea nella tradizione. Oltre ai caminetti, – ha concluso – ci impegneremo socialmente, con iniziative rivolte ai meno fortunati, grazie alle azioni e al contributo degli imprenditori che fanno parte di Officium“.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI
Condividi

Commenti

    Finalmente concretezza, progettualità, competenza e coinvolgimento! Grande partenza per un progetto sociale e culturale con attori di spessore ed esperienza!

    Bella serata, contenuti importanti per la città, gente serie e onesta forse per Palermo é la
    Volta giusta!

    Complimenti, bellissimo progetto. Tante idee interessanti ed innovative. Ci vediamo ai caminetti.

    Tutta carbonella.

    cancia città allora!

    Complimenti, idee nuove per la nostra amata città.

    Amo la mia città e sono un sognatore, buon lavoro a officium

    Serata veramente piacevole e culturalmente stimolante.
    È stato veramente piacevole vedere un incontro così propositivo al punto dal sentire parlare più di idee che dei problemi che affliggono questa città. Impresa non facile visto il brutto momento che la città sta passando.
    Che dire…in associazione culturale che mancava in città.
    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.