Accordo tra Orlando e Bianco| Si lavora alla lista "Arcipelago" - Live Sicilia

Accordo tra Orlando e Bianco| Si lavora alla lista “Arcipelago”

I due sindaci hanno concordato di presentare la formazione politica il prossimo 6 ottobre.

Verso le regionali
di
21 Commenti Condividi

PALERMO – Alla presenza del sindaco Enzo Bianco, sarà presentata a Catania il 6 ottobre la lista Arcipelago Sicilia, voluta da Leoluca Orlando, che appoggia il candidato del centrosinistra alla presidenza della Regione siciliana. Data e luogo sono stati concordati oggi da Orlando e Bianco. Sempre stamane si è tenuto un incontro in municipio, a Palermo, per discutere delle strategie politiche ed elettorali e pianificare le candidature nelle varie province della lista. All’incontro erano presenti il candidato alla presidenza della Regione Fabrizio Micari, il vice presidente vicario dell’Ars Antonio Venturino, capogruppo di Arcipelago Sicilia; il sindaco Leoluca Orlando, Fabio Giambrone, il sindaco di Troina Fabio Venezia, il sindaco di Terrasini Giosuè Maniaci; Giuseppe Firrarello, ex sindaco di Gangi, Tonino Russo del Pd, l’ex consigliere provinciale Toti Zuccaro, Nicola Barbalace, primo dei non eletti alle scorse regionali nella lista Pd a Messina, ed altri rappresentanti delle province siciliane.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

21 Commenti Condividi

Commenti

    Suggerisco “arcipelago…deserto” direi che è più descrittivo come nome.

    in effetti in un “arcipelago” ci sta anche un accordo tra …perdenti!!!

    Mi sa di armata brancaleone!

    I nomi pesanti hanno preferito non correre il rischio di candidarsi con Arcipelago Sicilia. Non si vedono più i Lentini, gli Apprendi, i Ferrara, i Vallone, i Lo Biundo, i Riini – hanno scelto liste più rassicuranti se non addirittura di fare il salto della quaglia e andare con Musumeci e Fava.

    La scadenza è ormai prossima: gira e rigira e su Palermo si fanno sempre gli stessi nomi; non arrivano i candidati per le liste delle altre provincie e il 6 ottobre Orlando e Bianco si presenteranno in braghe di tela per affrontare le intemperie del viaggio, arrivando nudi alla meta.

    Ad Orlando rimane la magra consolazione di condividere la sconfitta con Enzo Bianco. Si infrangono i sogni e le aspirazioni nazionali:- finiranno per rimanere a Palermo e Catania ed alla fine del mandato potranno godersi la pensione e i nipotini ai giardinetti.

    Quello che non capisco e’ che fine hanno fatti i “big” del PD a Catania come Beretta, Giuffrida, etc.
    Non ritengono di candidarsi e quindi dare supporto alla lista o preferiscono stare defilati senza metterci la faccia?
    Sono anni che ppaiono sui media ed ora che c’e’ da lavorare scompaiono ???

    Arcipelago SICILIA é la lista del candidato presidente Micari. Che vi siano difficoltà é pressoché normale non trattandosi di un partito o movimento strutturato.
    D’altro canto Musumeci é candidato da 6 anni Micari da 1 mese.
    Il fatto che vi si stanno riconoscendo persone serie e apprezzate per il loro impegno come l’ex sindaco di Gangi, Giuseppe Ferrarello, e il sindaco di Troina, Fabio Venezia, mi sembra un fatto da guardare con grande attenzione.
    In questa lista potrebbero trovare spazio anche altri candidati che in un sistema politico-elettorale come questo non avrebbero spazi. Mi sembra che quasi dovunque si conoscono già i candidati che saranno eletti… credo che in questo ci sia qualcosa che non va.

    Questo non è arcipelago è una oakude di scaldapoltrone. Metteteci pure Crocetta e avrete un successone.

    Orlando pensa alla città’ di cui sei stato
    eletto Sindaco…(immondizia ovunque, illegalita’ senza freni, ECC)

    Anche il sindaco di Baucina vi ha lasciato.. ..vi rimane Il sindaco di Ventimiglia che deve decidere tra una candidatura di servizio o la candidatura a sindaco del suo paesino ..

    Orlando e Bianco sono in politica da almeno 40 anni e candidati praticamente da sempre, quindi se non riescono a fare le liste si vede che la loro capacità o grado di attrazione è uguale o pari a zero, tolto i fedelissimi mi sembra che al richiamo non risponde quasi nessuno.

    I siciliani una volta per tutte alzino la voce e si facciano rispettare.Questi 2 fanno i sindaci per professione da 25 anni,i risultati sono sotto gli occhi di tutti,Catania e Palermo sono le città, fra le grandi,peggiore amministrate.Adesso non contenti questi 2 vogliono mettere le mani alla Regione siciliana,per allargare l’inettitudine l’approssimazione il potere.SICILIANI SVEGLIA NON VOTIAMO QUESTI SQUALI CI SIAMO CADUTI ALTRE VOLTE ORA BASTA.

    Non capisco perchè Bianco si va a cercare una sicura “mala fiura”.

    Non pensavo che Bianco fosse ridotto così male politicamente da andare dietro ad Orlando.

    L’arcipelago è buono per le vacanze…

    Muriu u cani.

    Quindi il comune di Palermo è sede di un comitato elettorale..ma è lecito?

    Sbaglio, o la fotografia con Micari è stata scattata dentro Palazzo delle Aquile? Il nostro Municipio è stato trasformato in segreteria di in movimento politico? In Comitato elettorale? Nessuno protesta, nè i consiglieri comunali nè gli altri candidati alla regione siciliana? E’ scandaloso!

    Perchè non candidate anche il sindaco di Vigata è una persona perbene

    @ dubbioso e vifia, vi meravigliate per così poco e non vedete ciò che accade da mesi a Villa Niscemi. Non credo che Orlando possa avere impedito a Forza Italia o Rifondazione Comunista di avere in uso le sale di Palazzo di Città.
    E comunque non sono queste le cose che portano consenso, perchè i cittadini sono più maturi di quanto pensiate. Il rettore Micari si piazzerà in terza posizione (dopo Musumeci e Cancelleri) anche se Orlando e Bianco se lo portano in processione per le vie di Palermo e Catania.

    Perchè non quarto, dietro Fava? Sarebbe una bella lezione per tutti quanti hanno tributato una disgustosa, penosa, umiliante standing ovation a Crocetta.

    Anche DIVENTERA’ BELLISSIMA non è un partito ma un movimento ma i numeri sono altri.
    Primo perché Musumeci non ha il peso di Micari e poi perché quest’ultimo è stato catapultato in questa avventura con la targhetta di vittima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.