Aggressione all'imam di Mazara del vallo, telefonata del vescovo Mogavero

Aggressione all’imam di Mazara del vallo, telefonata del vescovo Mogavero

"Atto intollerabile"
TRAPANI
di
11 Commenti Condividi

MAZARA DEL VALLO (TRAPANI) – “L’aggressione subita e le offese a sfondo razzista nei confronti dell’imam della moschea di Mazara del Vallo e dei suoi figli è un atto intollerabile che va condannato”. Lo ha detto il vescovo di Mazara del Vallo (Trapani), monsignor Domenico Mogavero, dopo aver appreso che Ahmed Tharwa, la figlia e il figlio minorenne sono stati vittime di un’aggressione da parte di quattro persone che stavano tentando di entrare nel garage di casa dell’imam, a Marsala. Mogavero ha chiamato al telefono l’imam esprimendogli “vicinanza e solidarietà”. “L’imam mi ha riferito che nei suoi confronti e dei suoi figli sono state gridate parole di offesa con riferimento alla loro nazionalità – ha detto ancora Mogavero –. Tutto ciò è solo violenza, segno di un malessere evidente da parte di alcune persone”.

“Non consentiremo a pochi ignoranti di mettere in discussione quella capacità di integrazione tra popoli e quel rispetto tra culture diverse che, da sempre, contraddistinguono la Sicilia e i siciliani nel mondo”. Lo dice il deputato Carmelo Miceli (Pd) sull’aggressione subìta dall’imam della moschea di Mazara del Vallo, Ahmed Tharwa e da due dei suoi tre figli. “Episodi come questi impongono una seria riflessione sull’intolleranza che continua ad annidarsi nelle nostre comunità e obbligano chi ha responsabilità e funzioni pubbliche a condannarli senza indugi”, aggiunge.

E intanto arrivano anche le parole del sindaco di Mazara del Vallo, Salvatore Quinci: “Esprimo la mia vicinanza all’imam della moschea di Mazara del Vallo Ahmed Tharwa e ai suoi figli per l’aggressione subita la notte scorsa. Condanno fortemente questi gesti di violenza assurda, aggravata da frasi offensive”. Così in un post Facebook Quinci.

CONTINUA A LEGGERE SU LIVESICILIA


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

11 Commenti Condividi

Commenti

    cominciate voi ad avere rispetto x le altre culture .

    Dovrebbero fare i mafiosi per assimilarsi a te?

    io non sono un mafioso non lo sono mai stato e non lo saro’ mai. prima di dire cazz… pensa.

    Spiace constatare questi avvenimenti, suggerirei all’imam di ricordare a tutti che sulle due sponde dello stretto di sicilia, la convivenza è una pratica millenaria. Inoltre che per secoli si è vissuti ciascuno con la propria religione, con le proprie usanze, mangiando lo stesso cibo. Oggi in questo clima, ancor più ogni asprezza dovuta a differenza religiosa va accantonata per aiutare la pace.

    Solidarietà all’imam e a tutta la comunità islamica.
    La solidarietà del vescovo e di tutta la comunità dimostra come i cattolici e i siciliani in genere sono amici degli islamici.
    4 trogloditi razzisti e islamofobi sono avversati dal resto della popolazione

    Signor roberto cominci lei a rispettare l’identità multiculturale, multietnica, interreligiosa, pluralista, antirazzista, meticcia della Sicilia. I siciliani discendono proprio dagli arabi e dagli islamici.

    sig. palermo e’ bella, i siciliani discebdono da tante dominazioni non solo da quelle arabe x fortuna…

    Gli aggressori sono talmente ignoranti da non avere nemmeno studiato la storia della Sicilia, i fasti della dominazione islamica e araba. Non sanno nemmeno che grazie agli islamici in Sicilia sono stati introdotti matematica, scienze, astronomia, geologia, dolci, agrumi e tanto altro.

    Non parliamo a sproposito di mafia e tralasciamo questi aspetti, perché nei paesi arabi ci sono delle aggregazioni di controllo del territorio di natura tribale che hanno qualcosa in comune con la struttura dei clan !

    A Mazara e Marsala sembrano frequenti ormai questi atti vergognosi…

    sig. palermo e’ bella, le ricordo che la sicilia e’ stata colonizzata da diverse etnie purtroppo anche da quelle arabe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *