Agrigento, nulla da fare a Verona |La Fortitudo torna a mani vuote - Live Sicilia

Agrigento, nulla da fare a Verona |La Fortitudo torna a mani vuote

La capolista è troppo forte per la squadra di coach Ciani: dopo aver toccato anche il +21, gli scaligeri crollano soltanto nel finale, a risultato praticamente acquisito. Piazza riesce ad evitare un passivo più pesante.

basket - serie a2 gold
di
0 Commenti Condividi

VERONA – Era dura, si sapeva. Agrigento continua il periodo negativo in una trasferta non certo agevole. La Fortitudo sbatte contro il muro della capolista Verona nonostante una partita di grande intensità e continua a non uscire da un tunnel pericoloso. La classifica non sorride, ma non era certo contro la Tezenis che dovevano arrivare i due punti a tutti i costi. Nonostante ciò, l’atteggiamento della squadra di coach Ciani è stato assolutamente da lodare: mai domi e mai rassegnati, i ragazzi della Fortitudo escono a testa alta da un match sulla carta proibitivo.

Verona spinge subito sull’acceleratore e mette un parziale 12-6 nei primi minuti. Monroe e Umeh spaccano la difesa agrigentina e col loro apporto la Tezenis riesce a raddoppiare il vantaggio, che tocca le dodici lunghezze dopo una tripla dello stesso Umeh. Alla prima sirena Umeh e Monroe sono già in doppia cifra e gli scaligeri chiudono avanti con sei possessi di vantaggio e un irreale 91% al tiro. Agrigento sembra fuori ma già nel secondo quarto prova a riprendersi. La Fortitudo evita dapprima la fuga dei padroni di casa, che però restano sempre sulla doppia cifra di vantaggio e arrivano anche sul +15 con una tripla di Boscagin. Lo strapotere veronese continua a farsi vedere con due canestri di Ndoja che portano il massimo vantaggio a +17, dando però la sveglia alla squadra di Ciani. Dieci punti messi a segno da Piazza, Saccaggi e Williams riavvicinano la squadra agrigentina, Monroe evita sorprese e all’intervallo lungo Verona è avanti di tredici lunghezze.

Nel terzo parziale Verona chiude virtualmente il match, ritornando sul +17 con il canestro di Monroe e senza andare mai sotto la doppia cifra di vantaggio. Agrigento reagisce solo nel finale: prima De Laurentiis sigla il canestro del -12, poi Piazza ha il pallone per aprire l’ultimo parziale sotto la doppia cifra di svantaggio. Il suo tiro termina sul ferro e nel parziale conclusivo Verona riesce ad arginare il ritorno di Agrigento. La Tezenis alza il proprio massimo vantaggio a ventuno punto con i canestri di De Nicolao e Reati e solo nel finale il sussulto d’orgoglio della Fortitudo evita un passivo eccessivamente pesante. Gli ospiti recuperano nove punti e a due minuti dalla sirena sono sotto di dodici lunghezze. Piazza prova ad avvicinare quanto più possibile i suoi fino all’ultimo secondo, riuscendo solo ad addolcire lo svantaggio a nove punti.

TEZENIS VERONA-FORTITUDO MONCADA AGRIGENTO 83-74

VERONA: Umeh 22, De Nicola 7, Boscagin 6, Ndoja 10, Monroe 20, Reati 8, Bartolozzi, Mazzantini, Gandini, Giuri 10. All. Ramagli

AGRIGENTO: Evangelisti 2, Williams 13, Chiarastella 10, Piazza 10, Dudzinski 11, Vai 3, Tartaglia, De Laurentiis 10, Saccaggi 6, Udom 9. All. Ciani


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *