Agrigento, rimosso il commissario Asp | "Anomalie nella gestione" - Live Sicilia

Agrigento, rimosso il commissario Asp | “Anomalie nella gestione”

L'assessore regionale alla Salute, Lucia Borsellino

L'assessore alla Salute, Lucia Borsellino, in raccordo col governatore Rosario Crocetta, ha deciso di adottare il provvedimento "per il venir meno del rapporto fiduciario la cui sussistenza costituisce il presupposto necessario per la continuità dell'incarico"

La scelta
di
15 Commenti Condividi

AGRIGENTO – Revocato l’incarico di commissario straordinario dell’Asp di Agrigento, a Salvatore Roberto Messina. L’assessore alla Salute, Lucia Borsellino, in raccordo col governatore Rosario Crocetta, ha deciso di adottare il provvedimento “per il venir meno del rapporto fiduciario la cui sussistenza costituisce il presupposto necessario per la continuità dell’incarico”. Alla base della scelta “il persistere di alcune gravi criticità gestionali, sia sotto il profilo dell’assistenza sanitaria che per taluni aspetti relativi alle procedure di approvvigionamento di beni e servizi; queste ultime, in gran parte non osservanti le normative in materia di certificazione antimafia”. L’incarico dell’Asp di Agrigento è stato affidato ad interim all’attuale commissario straordinario dell’Asp di Enna, Giuseppe Termine, senza alcun compenso aggiuntivo.

(IFonte ANSA)


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

15 Commenti Condividi

Commenti

    Non so chi sia l avv.arnone , ma ho visto il video .complimenti e ‘uno tosto. Crocetta impara ad ascoltare la gente. Arnone e’ un esempio !!!!

    gestione dittatoriale dell res pubblica, degli incarichi ( non hanno espletato concorsi quando avrebbero potuto) con il risultato che nei reparti più importati vedi pronto soccorso, Medicina, Rianimazione etc ………….ci sono un botto di precari, alcuni giovani e inesperti, senza un guida idonea, bene hanno fatto a rimuoverlo

    Crocetta necessita di 5 auto blindate per il suo autoparco personale, questo non e spreco? ma se lui fosse sfiduciato e andasse a casa, gli “autoblindo” verranno comprati ugualmente? poi dicono che gli sprechi sono i precari e forestali che producono reddito e che pagano le tasse.

    Bocciati strategicamente dalle selezioni come direttori generali Aliquò, il “cocco” della Borsellino e Virgilio il “cocco” di Crocetta per andare alla Seus uno e al Giglio l’altro…alla faccia della meritocrazia!

    Poverino il commissario rimosso, si sarà limitato all’arruolamento dei segnalati, purchè giovani, solo per abbassare l’età media del personale. Non pensate male, è il rinnovamento. Scommetto che farà ricorso e sarà indennizzato, con tante scuse. Siciliano è.

    E ancora non avete visto niente… io ho votato crocetta pensando che forse qusta volta il cambiamento si poteva avere e invece quello che si sta vedendo è lo schifo più assoluto…. Quelli cge sta togliendo crocetta sono “mafiosi” solo per fare posto ai suoi…. verificatr a villa sofia cosa succede con il sig. tutino primario di chirugia palstica… che comanda anche al commissario….

    per informazione: area DEA di una regione del centro nord in paesino di 20.000 abitanti
    num 5 infermieri per turno(mattina e pomeriggio) e 2 di notte, 2 medici per turno
    num 2 monitor sempre funzionanti
    num 4 posti di OBI e 2 salette visita 1 sala codici rossi
    macchina per EGA, Macchina per prelievi in urgenza, ECO FAST, 1 pompa per infusione, macchina per C-PAP, Bi-BAP
    La tac non si guasta, i codici bianchi pagano il ticket, i trasferimenti a carico del 118, riunioni con cadenza mensile del personale per affrontare le criticità
    Questo è quello che dovrebbe essere un pronto soccorso

    che io sappia ha già fatto ricorso per non aver passato le prove, che paradosso….., non aveva nessuna intensione di lasciare la sua poltrona

    E’ ovvio che i problemi ci sono, che non sempre tutto va come dovrebbe ma le cose si affrontano con uno spirito diverso e comunque consapevole di avere alle spalle una struttura idonea

    Non conosco il personaggio certo è che la l’Asp di Agrigento è una catastrofe. Ma siete sicuri che la prossima gestione sia migliore? A questo punto non era meglio nominare subito il manager per Agrigento piuttosto che affidare l’incarico al Commissario di un’altra ASP che non brilla certo per efficienza?

    prontosoccorso agrigento: due sale visita, un elettrocardiografo spesso rotto. no emogasanalizzatore, no monitor, no c-pap, no ecofast, no tac di prontosoccorso, spesso no ferri sutura, medicina d’urgenza sempre stracolma di pazienti, no defibrillatore in sale visita
    E’ come sparare sulla croce rossa

    Chicco, per quello che dici e ti credo, non dobbiamo necessariamente dare la colpa al Manager, se il Pronto Soccorso è sfornito di materiale per le urgenze, la responsabilità è del Primario che non ha provveduto a richiederlo. Se l’elettrocardiografo si rompe non è certo colpa del Manager ( ma dalla strafottenza degli operatori), se come successo la TC si rompe cosa c’entra il Manager, io ho visto apparecchiature che si rompono dall’oggi al domani per motivi a volte fraudolenti. Il Dott. Messina lo conosco di vista, però posso dirvi che quando era Direttore dell’economato di Enna è riuscito a farmi avere ( senza conoscerlo) un defibrillatore multifunzione in Sala Operatoria, di ultimissima generazione, in meno di quindici giorni. Il funzionario prima di lui aveva una richiesta datata di tre anni. Questo per carità non vuole dire nulla, però anche se piccolo il gesto, non ho mai visto in nessun altro funzionario una solerzia del genere; motivo per il quale sono rimasto un pò perplesso per la sua cacciata. Ma evidentemente ci saranno altri tipi di problemi.

    non so che dire è tutta una classe dirigente che non funziona e questo ,purtroppo non solo nella asp di agrigento, nella mischia si esonera l’allenatore e a volte si tralascia la squadra è vero. Il risultato è che a farne le spese siamo noi op. sanitari e i pazienti

    che cosa pretendete da una asp che continua a mantenere una pletora di precari, alcuni troppo inesperti, senza espletare concorsi

    circa 100 aperatori del 118 presi senza esperienza quando serve molta professinalità , si che entra in gioco il commissario e lui che firma accordi,
    i pazienti chi sono! semplici numeri……….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *