Al via i cantieri lavoro | Stanziati 70 milioni di euro - Live Sicilia

Al via i cantieri lavoro | Stanziati 70 milioni di euro

I bandi sono già stati pubblicati.

Regione
di
6 Commenti Condividi

PALERMO – Stanziati settanta milioni di euro per il finanziamento di cantieri lavoro per disoccupati. Lo ha deciso il governo Musumeci per contrastare gli effetti della crisi economica e favorire l’inserimento nel mondo del lavoro. I bandi sono già stati pubblicati sul sito web dell’assessorato della Famiglia. Le risorse fanno parte del terzo ambito di intervento del Piano di azione e coesione 2014/2020. In particolare, cinquanta milioni di euro sono destinati ai comuni siciliani fino a 150 mila abitanti (a eccezione di Leni e Militello Rosmarino nel Messinese e Motta Sant’Anastasia in provincia di Catania, che non hanno manifestato interesse verso l’iniziativa) e venti milioni in favore degli enti di culto della Sicilia (il 70 per cento per quelli cattolici, mentre la restante parte per tutti gli altri). Si tratta di una misura importante – affermano il presidente della Regione, Nello Musumeci e l’assessore alla Famiglia, Mariella Ippolito – dalla doppia utilità. Da un lato, rappresenta una piccola boccata d’ossigeno per i numerosi disoccupati siciliani, che potranno così tornare a lavorare, dall’altro i cantieri serviranno a realizzare diverse opere pubbliche nei vari comuni dell’Isola e quindi anche con un’utilità per tutta la cittadinanza. In un momento di particolare crisi, abbiamo voluto dimostrare grande attenzione verso i problemi reali della Sicilia. Obiettivo dei cantieri di lavoro è quello di sviluppare percorsi integrati di inserimento o reinserimento lavorativo dei disoccupati con attività di orientamento, formazione e work experience direttamente sul campo. Tra le esercitazioni pratiche sono previste anche la sistemazione di strade comunali, la costruzione e la sistemazione di altre opere di pubblica utilità e di interesse pubblico e sociale. Destinatari dei bandi sono disoccupati o inoccupati, ex detenuti, ex tossicodipendenti in uscita dalle comunità protette e tutti quei soggetti a rischio di esclusione dal mercato del lavoro per età e per scarsa qualificazione professionale. Il finanziamento servirà a coprire le spese per la retribuzione del personale di direzione e degli allievi, per il costo degli oneri assicurativi, per il materiale didattico, per le spese di progettazione, per le visite mediche, per gli attrezzi da lavoro, per la sicurezza, per gli eventuali noli, per i materiali, per i trasporti e per le spese di collaudo. L’intera procedura si svolgerà in tre fasi: la prima prevede la raccolta dei progetti da ammettere a finanziamento; poi si procederà all’individuazione dei soggetti da utilizzare nel programma di lavoro selezionati dai Centri per l’impiego; e infine si avvierà la work experience, con l’effettivo inserimento nel mondo del lavoro. Per accedere al finanziamento, sia i comuni che gli enti di culto dovranno fare pervenire l’istanza di finanziamento entro novanta giorni dalla data di pubblicazione dell’avviso sulla Gazzetta ufficiale della Regione, presso l’assessorato regionale della Famiglia, delle politiche sociali e del lavoro.

(ANSA).


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

6 Commenti Condividi

Commenti

    Una bella elemosina che non risolve alcun problema né genera occupazione reale. Chi ha esperienza nel settore sa come andrà a finire. I settanta milioni saranno divisi a pioggia ed i destinatari svolgeranno sommariamente il loro compito perché a nessuno può essere chiesto di essere stakanovista in un lavoro a termine che finanzierà enti ed associazioni varie pronti a cogliere l’occasione. Un mare di milioni ai luoghi culto che negli altri paesi si finanziano con le dazioni dei fedeli!!

    Altri soldi buttati nel cesso!!!
    Complimenti!

    Fategli ripristinare le strisce pedonali della città che non esistono più?

    fumo negli occhi………….cantieri che occuperanno 1/4 di operai di quelli del 2011 con ogni cantiere finanziato con 25.000 euro a fronte di oltre i 100.000 euro del 2011

    ………ogni ficutu di musca fa sustanza……………..

    Puro assistenzialismo. Nulla può cambiare qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *