"Albergheria, non si fermi il percorso del mercato dell'usato" - Live Sicilia

“Albergheria, non si fermi il percorso del mercato dell’usato”

La posizione di Franco Miceli e del gruppo Progetto Palermo
PALERMO
di
2 Commenti Condividi

“Non possiamo che fare nostro l’appello delle associazioni che chiedono di non fermare il percorso verso la formalizzazione e l’organizzazione del mercato dell’usato e del libero scambio dell’Albergheria. È un processo che non può essere interrotto, innanzitutto nel rispetto del lavoro finora svolto dalle associazioni del territorio, ma soprattutto dei mercatari che hanno scelto di intraprendere questo percorso di cui beneficerà la città tutta, in ottica di partecipazione, inclusione, legalità ed economia circolare. Chiediamo al Sindaco Lagalla di riconoscere questo lavoro, fruttuoso nonostante le difficoltà imposte dalla pandemia, e di dare un impulso alla presenza del Comune, in stretta sinergia con le realtà che chiedono un’interlocuzione costruttiva e proficua.“ Lo dichiarano Franco Miceli, Valentina Chinnici, Mariangela Di Gangi e Massimo Giaconia per “Progetto Palermo”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI
2 Commenti Condividi

Commenti

    Scusatemi , ma non vi rendete conto della porcheria che è questo mercato . Del degrado
    tutto intorno , che qualsiasi regolamentazione non ha futuro . Partecipazione, inclusione ,
    poi legalità , si vabbè , e poi che ne beneficerà tutta la città , è un linguaggio vecchio di una
    vecchia amministrazione . Avete perso , non indicate voi un percorso , che la città ha
    bocciato . Ricordatevi , che lì siamo dentro la ZTL , unica realtà di zetatiellizazione del
    suk e poi , e poi , lasciate lavorare questa amministrazione , non intromettetevi con
    progetti che non sono condivisi dalla cittadinanza .

    Tornate in via Libertà, please

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.