"Alla stazione criminalità e rifiuti" | La denuncia di un sacerdote - Live Sicilia

“Alla stazione criminalità e rifiuti” | La denuncia di un sacerdote

L'atto d'accusa di don gaetano Morreale

Palermo
di
6 Commenti Condividi

PALERMO – “L’ennesimo atto vandalico ai danni di una tabella informativa della Parrocchia Sant’Antonino in corso Tukory a Palermo ha evidenziato come il quartiere della stazione sia diventato ormai terra di nessuno. Uno dei punti nevralgici della città, ad oggi, non ha un presidio fisso delle forze dell’ordine che garantisca durante il giorno, ma soprattutto dopo il tramonto la sicurezza del territorio. Cittadini che frequentano il mercato di Ballarò, turisti, fedeli che partecipano alle attività parrocchiali organizzate dai frati e numerosi studenti che studiano al Centro Linguistico d’Ateneo mettono a rischio la loro incolumità per svolgere semplici attività di routine”. E’ l’atto d’accusa del parroco Gaetano Morreale.

“La piazzetta antistante la chiesa è una discarica a cielo aperto – aggiunge il prete – dove è possibile riscontrare episodi di accattonaggio e spaccio, questi ultimi favoriti dalla mancata illuminazione notturna”. Fra Gaetano Morreale ha già presentato due esposti alle autorità ricevendo riscontri solo dal sindaco il quale ha fatto istituire un presidio di polizia municipale durante le ore diurne. “La situazione è tragica anche nella zona dietro la chiesa – conclude Fra Gaetano – dove l’illuminazione pubblica non è sempre attiva e ciò porta al brulicare di episodi, sempre più frequenti, di microcriminalità. per non parlare della sosta selvaggia e dei rifiuti organici lasciati da chi porta a passeggio i propri animali. La situazione è diventata insostenibile”.

(ANSA).


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

6 Commenti Condividi

Commenti

    Un plauso a don Gaetano Morreale.
    Biasimo per il Sindaco e le forze dell’ordine che non sono capaci di garantire la sicurezza in questa città e ognuno per strada fa quello che vuole.
    Sono rispuntati perfino i banchetti con le sigarette di contrabbando.
    Vergogna!

    ma nooo, che scrivete, invece è un luogo ameno e gioioso, sono solo illazioni!!!

    anche il sinnaco conferma le tue stesse parole è solo folklore

    Un plauso va a frate Gaetano Morreale della chiesa S. Antonino che con il suo operare ha dato conforto materiale e spirituale ai tanti diseredati del quartiere sia essi italiani che extra comunitari appartenenti anche a confessioni religiose diverse. Siamo solidali inoltre per il suo impegno civile nel portare avanti e alla ribalta della cronaca le criticità del quartiere da troppo tempo abbandonato ad un continuo e progressivo degrado, un degrado che tra l’ altro investe anche l’intera città. Una città che vive solo di apparenza, di parole roboanti, di manifestazioni espressione soltanto di fumosità politica, capitale di quella cultura altisonante avuta nel corso dei secoli da dinastie e dominazioni diverse, ma che oggi amaramente trova solo riscontro nei tanti monumenti disseminati nella città. Una città che si erge a città europea, ma basta poco guardandosi intorno per essere smentita dalla realtà, l’ incuria, la desolazione, la sporcizia, i servizi precari, il mancato controllo del territorio da parte degli organi preposti, lo stato di abbandono in cui versa già da diversi anni. Dott. Paolo Caruso (PALERMO)

    Ma no, ma che dite? Palermo, gia’ capitale della cultura. Palermo felicissima. Palermo pulita. Palermo strade asfaltate e lisce come l’olio. Ma dove vedete tutte queste magagne.? Grande Palermo ma…Ancora più grande il suo sindaco.

    Lo slogan Palermo felicissima fa ridere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *