Amministrative: Faraone, mettersi in riga? Evitate di sprecare fiato - Live Sicilia

Amministrative: Faraone, mettersi in riga? Evitate di sprecare fiato

Il senatore di Italia Viva in un post su Facebook
PALERMO
di
3 Commenti Condividi

PALERMO – Nella “cultura” politica che va per la maggiore, nella “comunità dei politici”, chi fa una “fuga in avanti”, chi non “rispetta la fila” organizzata dal “notabile” per stabilire le carriere per aspiranti futuri notabili, chi decide di candidarsi a qualcosa “senza chiedere il permesso” è un insubordinato da isolare. Io faccio politica da tanti anni, ho fatto tanti errori e tanti ne continuerò a fare, ma nessuno potrà dire di me che ho accettato questa regola non scritta dalla “comunità politica”. Semplicemente perché la considero sbagliata. Potrete attaccarmi su tutto, dire di me le cose peggiori, ma nessuno potrà mai tacciarmi di incoerenza e mancanza di coraggio. (Segui la sezione speciale elezioni a Palermo 2022)

Potevo stare comodamente al Senato e lavorare alla mia comoda conferma, ho deciso con grande umiltà ed amore di occuparmi della mia città, così piegata ed umiliata dalla sporcizia, dalle strade groviera, dalle bare senza degna sepoltura e senza un euro in cassa. Per 10 anni, ero giovane e avevo più capelli, ho fatto il Consigliere Comunale a Palermo, conoscono la macchina amministrativa e i problemi della città come le mie tasche. Nei 10 anni successivi ho fatto esperienza a Roma, al Governo ed in Parlamento, ho costruito un bagaglio importante di competenze e relazioni che a 46 anni posso adesso mettere a disposizione della mia città.

Credo che i cittadini apprezzino questa “insubordinazione”, segno chiaro di libertà. Quanto ti fai condizionare oggi da aspirante candidato, ti farai condizionare domani da Sindaco. Non farai gli interessi dei cittadini che ti vogliono libero di scegliere ma quelli di chi ti ha permesso di stare seduto in quel posto e quegli interessi spesso non combaciano. Per questo mentre i partiti di ogni schieramento, destra, sinistra, centro, che rispetto intendiamoci, chiacchierano, convocano tavoli, tavolini, annunciano primarie, propongono accordi, accordicchi, alleanze, auspicano sindaci prigionieri degli accordi di palazzo, noi abbiamo deciso di girare la città, i quartieri, i mercati, incontriamo i cittadini, li ascoltiamo e scriviamo con loro i progetti per la Palermo di domani”.

Così, in un post su Facebook, il presidente dei senatori di Italia Viva, Davide Faraone.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Ma con quale coraggio o sfacciataggine scrivi che “mai nessuno potrà tacciarti di incoerenza”
    Dimentichi che un giorno gridavi: mai con i 5 stelle e il giorno dopo tu e il tuo partito siete stati i primi ad allearvi, alla faccia dell’incoerenza.
    Continua pure a prenderti in giro, sei giovane e farai carriera(?)

    Fin adesso l’unico politico coerente è Giorgia Meloni.

    Lieto di aver pronosticato il 4 aprile scorso la saggia scelta di oggi di Davide Faraone di convergere sulla candidatura civica di Roberto Lagalla nell’ottica di un centro moderato e riformista e da me già da tempo incitato e sostenuto. Mi auguro che presto altri raggruppamenti centristi si orientino in tal senso.
    Resta la mia stima personale nei confronti di Franco Miceli che ha accettato con spirito di servizio di farsi carico delle pesanti contraddizioni della Sinistra, a cui un turno di riposo nel governo della Città non potrebbe che giovare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.