Assunzioni dei precari in bilico | I sindacati: "Servono regole certe" - Live Sicilia

Assunzioni dei precari in bilico | I sindacati: “Servono regole certe”

La Corte dei Conti: "Per ogni stabilizzato, un nuovo assunto". Il parere richiesto da tre comuni

ENTI LOCALI
di
11 Commenti Condividi

PALERMO –  Stabilizzazione dei precari sì, ma la Corte dei Conti spiega come. “Si possono assumere i precari negli enti locali ma solo nel limite del 50%”. I pareri della magistratura contabile sono arrivati dopo che tre sindaci siciliani, di San Pier Niceto, Milazzo e Custonaci, hanno chiesto come muoversi per avviare le procedure per le stabilizzazioni. E se siano legittime. Tre le direttive fissate dai giudici di via Notarbartolo.

Per la sezione di controllo della Corte dei Conti non possono essere fatti concorsi interamente riservati per i precari degli enti locali. Occorre, infatti, che i piani per l’assunzione dei lavoratori nei Comuni prevedano procedure aperte in cui la metà dei posti siano riservati all’assunzione dei precari da stabilizzare.

A stabilire il numero delle unità di personale da potere assumere -spiega poi la Corte – non è la pianta organica dell’amministrazione comunale ma lo “spazio finanziario disponibile”. I Comuni devono quindi calcolare le spese che possono impegnare per l’assunzione del nuovo personale e poi calcolare la quota da riservare ai precari da stabilizzare che non deve essere superiore al 50%  .

Infine, i giudici contabili spiegano che i fondi messi a disposizione dalla Regione servono per aumentare il budget di cui i Comuni hanno bisogno per bandire i concorsi. Fermo restando che le risorse comunali devono costituire la parte prevalente dell’impegno finanziario.

Per ogni precario stabilizzato insomma, stando al parere della Corte dei Conti, dovrà essere assunto a tempo indeterminato un nuovo dipendente. Una circostanza che complica di gran lunga i piani per l’assorbimento di tutto il precariato storico degli enti locali.

Le incertezze sorte con la pubblicazione dei pareri ha messo i sindacati in allerta. “Governo regionale e Corte dei Conti dialoghino e definiscano regole certe e uniformi per la stabilizzazione dei precari negli enti locali”, hanno detto i segretari generali di Fp Cgil, Gaetano Agliozzo, della Cisl Fp, Paolo Montera, e della Uil Fpl, Enzo Tango. “Dal mancato confronto tra le due istituzioni – hanno continuato – potrebbe derivare un’incertezza insostenibile. Servono regole chiare e standardizzate ed è opportuno, quindi, avviare al più presto un confronto sul tema, così da definire criteri inequivocabili e validi per tutti, che le amministrazioni comunali possano seguire alla lettera, senza scappatoie”.

“La stabilizzazione dei precari degli enti locali – hanno poi concluso Agliozzo, Montera e Tango – processo avviato a livello nazionale con la legge Madia e, successivamente, perfezionato in Sicilia con la legge di Stabilità regionale, non può adesso interrompersi o regredire a causa dell’incertezza delle regole da seguire. I lavoratori precari da troppi anni vivono in un limbo e hanno diritto a trovare finalmente una soluzione per la loro vertenza”


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

11 Commenti Condividi

Commenti

    Ne vedremo delle belle. Dobbiamo ancora capire chi lo prende

    Ollanto fa PIP e la Regione li deve pagare!

    Dopo 20 e passa anni nn si può sentire dire che nn si possono stabilizzare i precari in generale, è una vera vergogna perché la stragrande maggioranza di loro svolge ruoli e mansioni indispensabili per i vari enti dove lavorano e lo fanno anche in nero senza avere uno straccio di contratto,vedi gli ex Pip,gli asu e così via

    per fortuna che esistono Organi dello Stato a controllare la Sicilia.
    Non ne posso più di questo buonismo verso i precari che sono entrati di soppiatto nella Pubblica amministrazione scavalcando chi credeva nelle regole fissate dalla legge.

    Affunnà u papuri…

    E nella sanità ??

    Articolo 3 e 97 della Costituzione cancellati per sempre. Meno male che c’è la Corte dei Conti!

    Ha perfettamente ragione

    Gli ex contrattisti art. 23 al Comune di Palermo assunti al 100% senza alcun posto nè ad esterni nè agli interni di ruolo. C’è chi può e c’è chi non può, complimenti al nostro Sindaco.

    E la MAGICA Bernardette GRASSO e le ESTERNAZIONI TRIONFALISTICHE alle quali solo sprovveduti potevano CREDERE? Per la verità in ottima compagnia di un contesto generale LUDICO….

    I sindacati servono esclusivamente ad accompagnare alla DISOCCUPAZIONE – NON ALTRO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *