Assunzioni dopo la scadenza | Enti di formazione nel mirino - Live Sicilia

Assunzioni dopo la scadenza | Enti di formazione nel mirino

In 37 avrebbero aggirato i divieti
di
25 Commenti Condividi

A pochi giorni dalla chiusura della seconda tranche di indagine dell’assessorato, sono già 37 gli enti di formazione professionale finiti sotto i riflettori per aver reclutato nuovo personale oltre il termine massimo, del 31 gennaio 2008, fissato dalla giunta.

La prima parte delle indagini aveva interessato 45 enti e, secondo quanto riporta in Giornale di Sicilia, ed erano emerse (dal gennaio 2009 a oggi) un totale di 111 assunzioni a tempo indeterminato, 73 a tempo determinato e 748 contratti a progetto, questi ultimi quasi sempre rinnovati.

Adesso le indagini riguardano altri 300 enti che organizzano corsi finanziati con i fondi regionali, anche in questo caso non mancherebbero le irregolarità: Ciaforam,  Issvir, Isas, Microset e Mediazioni srl, sono soltanto alcuni dei nomi che nel corso dell’ultimo biennio hanno assunto personale con contratti a tempo indeterminato o determinato , o l’Accademia Palladium che svetta nella classifica dei co.co.pro con ben 73 contratti nel 2009 e 37 nel 2010, suscitando la preoccupazione degli ispettori del lavoro, che temono la trasformazione di questi ultimi in contratti definitivi. Alcuni lavoratori, assunti con contratti a tempo indeterminato, avrebbero poi firmato contratti a progetto rimpolpando così i loro stipendi.

Il direttore della Formazione, Ludovico Albert, è però chiaro: la Regione verificherà tutta la documentazione prodotta dai diversi enti. Una volta accertatata la situazione non verranno dati i contributi per le assunzioni che risultano irregolari e si chiederà il rimborso dei contributi già erogati.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

25 Commenti Condividi

Commenti

    ma vitti sta pellicula….

    DEVE ESSERE LA POLITICA DIRETTAMENTE A GESTIRE LA FORMAZIONE…!!!!!!!!! LA REGIONE SICILIA DEVE GESTIRE 250 MILIONI DI EURO ALL’ANNO!!!!!!! FATE UNA LEGGINA AD HOC PERCHE’ ALTRIMENTI TUTTI QUESTI SOLDI FINIRANNO NELLE MANI DI SIGLE SINDACALI E PRIVATI… A DANNO DEI LAVORATORI!!!!!!!!

    MA CHI PAGA PER TUTTO QUESTO????????????????? SEMPLICE. NOI OPERATORI DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE. E, I MAGNACCI (I POLITICI) STANNO A GUARDARE E A PREDERE ATTO. TANTO ADESSO PENSANO DI ESSERE DIVENTATI PULITI SEMPLICEMENTE PERCHE’ HANNO CAMBIATO I NOMI AI LORO PARTITI.

    Francesca Gioia

    Occorre riformare completamente questo settore . L’assessore lo sa benissimo. Ci sono tantissimi insegnanti e impiegati senza professionalità assunti perche con il padrino politico. E tanbti corsi sono inutili e poco formativi, quindi inutili. Sfoltiamo gli enti presto e spenderemo di meno

    belle parole . fatto sta che tanti come me assunti moltto prima del 2008 devono ancora percepire 7 mensilita vergogna….

    ma dove e la legge italiana finiamola di improgliare tutti controlli finanza , non e vero nulla e solo una mega truffa…..

    Vorrei sapere dove, come e da chi sono stati eseguiti i controlli di regolarità in occasione delle autorizzazione dei mandati per il pagamento degli stipendi da parte degli Uffici Provinciali del Lavoro considerato che hanno permesso ai presunti assunti dopo il 31/12/2008 di percepire le mensilità del 2009 e del 2010.
    Come hanno effettuato le rendicontazioni contabili di questi anni.
    Quali disposizioni hanno avuto e da chi?
    Sarebbe il caso di verificare se in detti uffici lavorano parenti o affini di dipendenti della formazione.
    Forse qualche risposta verrebbe fuori.

    NOI SIAMO IL POPOLO DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN SICILIANA! QUELLO PER INTENDERCI CHE FORMA I PASTICCERI I PANETTIERI E GLI ESTETISTI I CUOCHI CHE TANTO LAVORO POSSONO TROVARE IN ITALIA SECONDO LE ULTIME STATISTICHE.
    E’ URGENTE L’INTERESSAMENTO DA PARTE DI TUTTI PER SCUOTERE LA SITUAZIONE O PER DENUNCIARE A TUTTI IN QUALE STATO LA REGIONE SICILIA HA RIDOTTO LA FORMAZIONE PROFESSIONALE E GLI SPORTELLI MULTIFUNZIONALI UMILIANDO I LAVORATORI CHE LEI STASSA HA CREATO. DOPO IL SILENZIO DI MESI E RIUNIONI FIUME CON SINDACATI E FUNZIONARI PER STABILIRE IL RINVIO A DATA DA DESTINARSI DELLA STESSA RIUNIONE QUINDI NON DECIDERE NULLA NEMENO LA DATA DELLA PROSSIMA!!!!!!!!!?????
    INTANTO IO SONO DA DIECI MESI SENZA STIPENDIO E MINACCIATO OGGI GIORNO DI LICENZIAMENTO, CERTO NON DIRETTAMENTE MA PER DECRETO O PER LEGGE, SENZA PROSPETTIVE PER UN FUTURO LAVORATIVO SICURO. E POI DICO L’ULTIMA IN SICILIA CI SONO 90 DEPUTATI CON CIRCA 270 ENTI su 400 A LORO RICONDUCIBILI, QIUNDI 2/3 ENTI TUTTI RICONDUCIBILI A MOGLI, PARENTI, FRATELLI E UFFICI ELETTORALI DEI NOSTRI POLITICI SICILIANI DI TUTTI I PARTITI.

    A Casa… Game Over!!! Non l’avete capito??? E quando la Regione fallirà cosa taglieranno secondo voi???

    Carissimo dr. Albert non prometta cose che non può mantenere. Intanto le assunzioni nell’ambito della lr 24/76 sono sottoposte ad una procedura ben codificata e preceduta da una serie di controlli, autorizzazioni e prese d’atto. Ammesso che trattasi di assunzioni illeggittime occorrerà verificare con quali connivenze sono state possibili. A cominciare dai politici che le hanno sponsorizzate per finire con gli impiegati dell’assessorato ed ispettorati vari, che le hanno controllate. Inoltre esiste una responsabilità per la mancata vigilanza che non può e non deve essere sottovalutata. Vada a controllare i nomi e cognomi degli assunti, prima e dopo il 31/12/2008 e vedrà che belle sorprese. Magari non ci saranno amici e parenti suoi ma certamente di quasi l’80% di assessorato, ispettorati ed uffici provinciali del lavoro.

    IN SICILIA CI SONO 90 DEPUTATI CON CIRCA 270 ENTI su 400 A LORO RICONDUCIBILI, QIUNDI 2/3 ENTI TUTTI RICONDUCIBILI A MOGLI, PARENTI, FRATELLI E UFFICI ELETTORALI DEI NOSTRI POLITICI SICILIANI DI TUTTI I PARTITI.

    Cari colleghi della formazione ma dove ….. siete ma lo volete capire o no che ci stanno smontando…………………….

    Caro dr. Albert,
    Coriolano della Foresta ha ragione, vada a controllare tra i nomi dei dirigenti molto vicini a lei e al suo assessorato se magari ce n’è qualcuno che ha a che fare con un ente di formazione che si dichiara spudoratamente virtuoso.

    Caro Dieci mesi senza Soldi
    RINGRAZZIA IL RESTO DEI NOSTRI COLLECHI CHE NON GLIENEFREGA NIENTE
    MERITIAMO QUESTO

    Quelli che hanno dato l’autorizzazione sono colpevoli, questi sono i primai a dover essere licenziati, per truffa alla Regione Siciliana, poi si licenziano gli irregolari e poi bisogna premiare gli Enti onesti che non hanno rubato e se non ce ne sono sarebbe giusto assumere nei ruoli delle R.S. tutto il personale della formazione assunto entro il 31/12/2008. Forza Direttore Albert, abbi un pò di coraggio e dimostri l’onestà di gente del Nord.

    Apriamo un indagine alle assunzioni presso Poste Italiane, Sicilia e Servizi, al Popolo dei PIP, al Popolo degli LSU , agli articolisti , agli ausiliari al traffico , ai raccomandati presso tutti gli istituti di credito , i centri commerciali ……….. ATTENZIONE A QUELLI DELLA FORMAZIONE !!! ESPLODERANNO E PALERMO SARA’ UNA PROSSIMA BEIRUT……………… Continuate a fare gli indifferenti, politica sazia di voti almeno per il momento, le sofferenze di questa gente illusa costretta a vivere senza dignità e senza certezza per i propri figli è una bomba ad orologeria……

    Caro Joseph,qualcuno leggendoti forse penserà a una esagerazione,personalmente sono convinto che quello che tu scrivi nel breve periodo troverà riscontro io che per puro caso raccogliendo una serie di notizie grazie ad un tentativo di rappresentare un movimento che vorrebbe dare risposte in termini occupazionali,mi sono reso conto del bisogno immediato di risposte che andrebbero chieste a queste inutile figure politiche che noi abbiamo portato a rappresentarci.Il nostro movimento (UNO PER TUTTI TUTTI PER UNO)che già costa di più 3000 mila iscritti al più presto farà sentire la sua voce.

    Caro direttore
    E in grado di spiegarmi come mai il sottoscritto,dipendente di una società creata con fondi nazionali (51%regione 49% Sviluppo Italia)oggi interamente finanziata dalla Regione Siciliana, avendo denunziato alla procura e alla guardia di finanza una serie di porcherie fatte da dirigenti, indicate dalla Presidenza della Regione,ancora oggi non riesce ad avere una risposta ai tanti esposti presentati?tengo a precisare che da circa un anno e mezzo la Guardia di Finanza ha richiesto documentazione a riguardo,ho chiesto spiegazioni e ho ricevuto in risposta che tali denunzie sono abbastanza lunghe,mi hanno spiegato che considerato che la denunzia era firmata la risposta era certa.L’unica certezza,caro direttore è stato l’accanimento di una serie di provvedimenti lavorativi ed economici che mi hanno procurato seri problemi di salute (ictus causato da pressione alta).Direttore, perdoni lo sfogo,oggi ha distanza di cinque anni mi chiedo ma realmente valeva la pena di mantenere un comportamento corretto e rispettoso delle vigenti leggi che mi ha portato all’emarginazione in azienda a fronte di altri colleghi che hanno collaborato e hanno avuto avanzamenti e benefici economici? sicuramente no, ma considerata la mia natura e la mia impostazione mentale lo rifarei in quanto spero che simili comportamenti aiutino i padri di famiglia a ritrovarsi in queste battaglie Grazie di una eventuale risposta.

    la legge peç falla uguale per tutti non come il parametro del passato a chi 80 a chi 140 !!!!!!!!!!!!! c a p i t o ????????????

    “Voglio rassicurare i vescovi siciliani che gli enti di formazione professionale cattolici, riceveranno sempre attenzione da parte di questo assessorato per il loro impegno umano e la loro consolidata esperienza. Cio’ avverra’ attraverso un piano triennale per la formazione che stiamo predisponendo cosi’ da assicurare, a tutti i soggetti che operano nel settore possibilita’ di programmazione e relativa stabilita’ di funzionamento”. Lo ha detto l’assessore regionale per l’Istruzione e la Formazione professionale della Sicilia, Mario Centorrino.

    Grazie Vinci è proprio così!!!!!

    PRESIDENTE LOMBARDO: IO ei miei colleghi della formazione professionale Ti CHIEDIAMO UFFICIALMENTE di RITIRARE la delega all’Assessore Mario Centorrino e contestualmente di REVOCARE l’incarico al Dirigente Ludovico Albert. Vuoi conoscere i motivi? Per aver determinato una strage psicologica nei confronti degli operatori e per accertat…a manifesta incompetenza tecnico-amministrativa.
    Che Dio sia con noi.

    tutti raccomandati…dal presidente dell’ente di formazione, ai tutor ed ai prof che fanno moduli…studiandoli il giorno prima….non esiste un elenco di formatori alla regione e stessi gli enti di formazione affermano “non mi lasciare il cv chiamano i raccomandati”…ed io ho 2 lauree e master….credete che gli altri prof abbiano tutta questa cultura?

    Ahahah, mi viene proprio da ridere…
    Ma lo sapete che per non licenziare quelli assunti dopo il 2008 sono state cambiate le date di assunzione retrocedendole e pagati i contributi precedenti ?
    Proprio qualche giorno fà ho incontrato uno di questi colleghi sorpreso per la magnanimità dimostratagli !
    Ma naturalmente tutto ciò è accaduto per il suo santo in paradiso, e non di certo per spirito cristiano…

    la cosa più grave è la delegittimazione costante “urbi et orbi” dell’intero sistema con una politica qualunquistica e massificatoria che sta polverizzando la credibilità di quelle strutture che hanno lavorato per obiettivo etico. sarebbe veramente onesto riconoscere le connivenze e colpire davvero gli abusi. l’unica certezza è che il “bambino” è stato irrimediabilmente buttato via prima ancora dei “panni sporchi”. credo che ci sia, da parte di chi intende mettere ordine, una miscela di ignoranza, cattiveria ed arrogante superficialità.
    p.s. è certo che l’interpretazione del criterio del “blocco” delle assunzioni ha significato, spesso, “assunzioni in blocco” ad opera, altrettanto spesso di soggetti molto vicini al decisore di turno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *