Ballardini, sono ore d'attesa | Poi il tecnico andrà via - Live Sicilia

Ballardini, sono ore d’attesa | Poi il tecnico andrà via

L’addio del tecnico ravennate resta in bilico, Zamparini intanto blocca De Zerbi. In cosa anche Reja.

calcio - serie a
di
23 Commenti Condividi

PALERMO – Chi pensava che il caos legato alla panchina del Palermo si fosse chiuso con la salvezza acquisita all’ultima giornata contro il Verona si sbagliava di grosso. Il rapporto fra Davide Ballardini e il club di viale del Fante potrebbe infatti concludersi per la terza volta in meno di un anno e sopratutto dopo un ritiro precampionato e due giornate disputate con un solo punto conquistato. A portare il tecnico romagnolo a questa drastica decisione, poi rientrata nella stessa giornata di ieri con lo stesso Ballardini presentatosi regolarmente al campo d’allenamento di Boccadifalco per condurre la sedute dei suoi in vista della gara di giorno 10 contro il Napoli, sono state con tutta probabilità le parole al vetriolo del patron rosanero, che in un’intervista al Corriere dello Sport criticava senza mezzi termini l’approccio del suo allenatore sia con Sassuolo che con l’Inter.

Un’uscita per nulla gradita dall’ex Bologna e Lazio che per tutta risposta intorno all’ora di pranzo avrebbe fatto presente alla dirigenza la sua volontà di rescindere il contratto che lo lega al club di viale del Fante prima ancora della naturale scadenza annuale dell’accordo con il sodalizio siciliano. Ballardini, che al termine della passata stagione percepì 700mila euro netti compreso di premio salvezza, all’inizio della nuova stagione ha sottoscritto un nuovo contratto sulla base di 400mila euro più premi dopo un tira e molla con lo stesso Zamparini che già prima del ritiro austriaco aveva pensato a rimpiazzare il suo attuale allenatore. In quel periodo i nomi che circolarono furono quelli emergenti dei vari Oddo e Stellone e, quello più esperto, di Edy Reja ma alla fine non se ne fece nulla con i calciatori che ritrovarono lo stesso tecnico della salvezza anche a Bad.

Che fra presidente e allenatore non corresse buon sangue s’intuì poi anche prima dell’esordio in campionato contro il Sassuolo con l’imprenditore friulano che a chiare lettere chiese al suo tecnico di non interferire con le operazioni di mercato condotte, poi le parole di ieri “Lui contento del mercato? Non mi interessa che lo sia. Contenti dobbiamo esserlo io e il mio direttore sportivo. L’interlocutore di Ballardini è Faggiano. Da qui a Natale pensiamo a giocare. Se ci manca qualcosa, se ne parla. Non penso che il tecnico possa navigare tra tanti moduli. Vediamo cosa farà. Ho mandato a casa Iachini perché non aveva più gioco, se anche Ballardini diventa come lui mi crea difficoltà. A Milano ci siamo difesi. Come in casa, contro il Sassuolo, nel primo tempo, sbagliando”.

Da lì i colloqui avvenuti fra Ballardini con il presidente, prima, e il direttore sportivo, poi, per discutere i termini di una risoluzione contrattuale che è ormai nell’aria ma si attende ad ufficializzare, forse per permettere l’arrivo contestuale di Roberto De Zerbi, pupillo da diverso tempo di Zamparini, o Edy Reja, allenatore più preparato ma probabilmente meno disposto ad intavolare una discussione con un presidente vulcanico come quello rosanero viste anche le comuni origini friulane. Ecco che nelle prossime ore il nome dell’ex allenatore del Foggia, capace di portare i ‘satanelli’ allo spareggio play-off per la serie B la scorsa stagione contro il Pisa di Gennaro Gattuso, potrebbe legarsi per la prima volta ad un club di serie A nel tentativo di trasformare il gioco dei rosanero considerato poco convincente al momento da parte del presidente Zamparini. Il giovane allenatore di Brescia, che già da Ferragosto si tiene in contatto con il numero uno dei siciliani esponendo i suoi metodi d’allenamento e il suo stile di gioco, adesso aspetta l’ultima chiamata, quella definitiva per legarsi al Palermo.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

23 Commenti Condividi

Commenti

    Folle! Peggiora di giorno in giorno. Ci liberi dalla sua arroganza. Se ne vada.

    Ballardini è un allenatore ed una persona eccezionale, veramente un peccato, ripensateci.
    ps il turnover di allenatori e DS della Palermo Calcio è secondo solo al turnover di assessori e DG della giunta Raggi di Roma, che Zamparini sia un grillino ante litteram ??

    Provocazioni su provocazioni caratterizzano il comportamento scellerato di questo cinico presidente ,provoca tutti quelli che gli gravitano attorno dai direttori sportivi ,agli allenatori ai giocatori che non vuole più sotto contratto e la cosa più grave : provoca ormai da anni i tifosi ,facendo sempre tutto il contrario che la tifoseria gli chiede ,gode a dire bugie ,gode a trattare male la gente ,gode a mandare a quel paese i pochi giornalisti che gli porgono qualche domanda un po’ fuori dalle righe ….e mi chiedo ma questo che uomo è ?
    Mi ha tolto la voglia di andare allo stadio ,non ho rinnovato dopo 20 anni di fedeltà ,tra poco non seguirò più le partite alla televisione .
    HA UCCISO LA PASSIONE DEL TIFOSO PALERMITANO
    DEVE ANDARE VIA
    BASTAAAAAA

    Ditemi anche una sola ragione per la quale debba essere mandato via ad inizio stagione l’allenatore artefice della miracolosa salvezza dell’ultimo campionato. Io, pur sforzandomi, non riesco a trovarne una.

    Dopo Ballardini tocca a Faggiano per manifesta incopetenza, ha preso gente fallita e di serie B forse prevede il futuro? Che vada via il più presto possibile, altro grande errore di zamparini, faggiano è di serie B e non di A, vattene!

    Ti ho messo il pollice in su. Ma ne ho già visti 2 in giù e sono in inferiorità. Troppi zampasupporters ancora. Oppure sono le sanguisughe dall’abbonamento gratis o suoi parenti che cliccano sulle ditina verse quando vedono un commento negativo sul loro amato parente

    Chi va allo stadio contro il Napoli e’ come Zamparini.

    Io andrò allo stadio, solo per l’incasso che verrà dato ai terremotati (una scelta fatta con l’unico barlome di dignità che è rimasta a quest’uomo). Dopo si può scordare un solo centesimo di tasca mia

    Io avrei la risposta.
    Il progetto di Zamparini è quello di scendere in B, prendersi i soldi del paracadute e vendersi gli ultimi giocatori rimasti.
    Poi, cederà la società, incolpando i tifosi e dicendo che non lo meritano.
    Ora, Ballardini avrebbe potuto far saltare quel piano, come lo fece lo scorso anno (tanto che, l’amato presidente, già aveva contattato altri allenatori)
    Questo non significa essere furbi, ma diabolici!

    Infatti!
    In altre città non ci sarebbe stato un solo abbonamento ed i giornalisti avrebbero fatto la guerra a MZ.
    Ma qui no, qui siamo speciali

    Ballardini si dimette ma vuole la buonuscita.

    Anchio vado allo stadio per dare un contributo per i terremotati del lazio è Marche, poi si vedra. La squadra cosi come composta lottera sicuramente per retrocedere- forza palermo ora e sempre….

    chi va allo stadio è un popolo fallito ,zamparini non merita il mignolo del peggior tifoso inutile continuare a sperare

    Sono d’accordissimo che Zamparini deve lasciare al più presto, subito, non sono d’accordo, purtroppo x motivi fisici dopo più di 50 anni non vado allo stadio, di non andare allo stadio x tifare x i colori e la città almeno x quelli che credono ancora alla propria origine palermitana

    Alex, le suggerisco di inviare la trama-tranello a Camilleri. Ma questi inturciunii quando le pensa, la notte?

    Alex, ma secondo lei, per esempio, le squadre che retrocedono restano senza tifosi e senza abbonati e con lo stadio vuoto?

    grande esempio di tifoso (‘ntonocchio)

    Gianluca, basta coi zampasupporters. Sii ragionevole, secondo me non esistono o non esistono più. Quand’anche fossero esistiti fino a qualche mese fa o fino al primo campionato dopo la promozione sembrava logico che qualcuno gli desse ancora fiducia avendo confermato Iachini dopo 49 punti e un campionato tranquillo. Ma dalla cessione di Belotti in avanti non credo che ci fossero in giro tutti questi ammiratori e da quando cinesi e americani si sono (anche se non del tutto) materializzati tutti stanno aspettando l’ora x. Se vuoi sapere chi sono i pollici verso, ti dico che secondo me sono o liotri o strisciati o buontemponi.

    Alex, che fantasia. Siete ancora tutti convinti che il paracadute e la vendita degli ultimi giocatori se li intaschi lui e se ne vada. Ballardini fa saltare il piano……incolpa tifosi…….. Ma che è Zagor? Diabolik? Forse leggevate troppi fumetti da piccoli. Zamparini è solo un folle, nient’altro che un vecchio prigioniero della sua stessa arroganza. Siccome i soldi sonno suoi ci gioca come vuole incurante di tutti gli altri.

    Per me fallito è il popolo che paga il pizzo. Che incendia i boschi, che vandalizza le scuole, che truffa e picchia gli anziani per 10 euro, che sperpera il denaro pubblico, che crea discariche ad ogni angolo di strada. Chi va allo stadio anche se questo calcio fa skifo é più nobile di tutte le altre categorie che ho citato anche se paga Zamparini che non merita più nulla dai tifosi, ma questa è una storia completamente diversa da quella che pontifichi tu. Vergognati. Di fallito qua vedo solo il tuo pensiero.

    @ Roy
    Ennò, i soldi non sono suoi.
    Veramente, i soldi sono dei tifosi che pagano l’abbonamento, delle tv che pagano i diritti televisivi, degli sponsor, dei giocatori che ogni anno vende…
    La volete capire, o no, che lui soldi di tasca sua non ne esce?
    Ma ancora v’ammuccati tutte le storielle del bilancio fatte uscire ad arte da Zamparini?
    Ma per favore

    @ Vittorio
    Le tifoserie delle squadre che restrocedono non vengono prese sistematicamente in giro da un signore e padrone.
    Ma la conoscete la dignità di uomini?

    @Alex,
    Si, si, ciao. Vai a studiare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.