La commissione, la rosa, le nomine | Manager della Sanità: c’è il bando - Live Sicilia

La commissione, la rosa, le nomine | Manager della Sanità: c’è il bando

Pubblicato l’avviso pubblico per i nuovi direttori generali di Asp e ospedali. Cosa prevede.

LA GIUNTA
di
10 Commenti Condividi

PALERMO – Il Cga ha parlato chiaro. E il governo regionale si è mosso subito. Approvando, in giunta, l’avviso per la selezione dei nuovi manager della Sanità. Una procedura che si preannuncia comunque lunga e che, quindi, consentirà agli attuali commissari di Asp e ospedali di restare in carica, probabilmente, ancora per alcuni mesi.

Cosa prevede il bando? Innanzitutto si fa riferimento al decreto legislativo del 2016 che prevede che le Regioni nominino i direttori generali attingendo all’elenco nazionale. Un elenco recentemente pubblicato, dopo qualche intoppo burocratico che aveva spinto sia il precedente governo che il nuovo a chiedere due distinti parere ai giudici del Consiglio di giustizia amministrativa. Sono 18 le posizioni oggetto dell’avviso: quelle, appunto, di direttori generali delle 9 Aziende sanitarie provinciali, degli otto ospedali siciliani e dell’Istituto “Bonino Pulejo” di Messina.

A valutare le domande sarà una Commissione istituita dalla Regione e composta da esperti indicati da “qualificate istituzioni scientifiche indipendenti” e che non dovranno trovarsi in situazioni di conflitto di interessi. Uno degli esperti dovrà essere designato dall’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali e uno direttamente dalla Regione. Con un successivo provvedimento, la giunta indicherà i criteri e le modalità di valutazione dei manager, privilegiando i “profili di spiccata attitudine manageriale”.

La commissione selezionerà non “il” candidato ideale alle singole posizioni, ma una rosa per ciascuna delle aziende sanitarie, ospedali e Istituti interessati. I candidati frutto della prima selezione e che avranno superato una soglia minima di valutazione, accederanno quindi ai colloqui orali. Come detto, il superamento di queste prove consentirà al candidato di far parte di una rosa che sarà messa nelle mani del governo regionale. In particolare, in quelle dell’assessore alla Salute che pubblicherà i nominativi sulla Gurs. A quel punto si potrà procedere con le nomine, decise dalla giunta su proposta sempre dell’assessore alla Salute, tra i nominativi selezionati. Servirà anche il parere della commissione Affari istituzionali dell’Ars.

Il bando ovviamente prevede le cause ostative alla nomina, quelle per l’esclusione oltre ovviamente a quelle di inconferibilità e incompatibilità. Gli aspiranti direttori avranno trenta giorni di tempo dalla pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale per avanzare la propria candidatura. È iniziato il conto alla rovescia, insomma, per i commissari in carica. Ma quasi certamente durerà alcuni mesi.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

10 Commenti Condividi

Commenti

    Piccola precisazione…il parere ars compete alla I commissione “affari istituzionali” ex Lr 35 del 1976 non alla commissione salute.

    Crocetta c’è riuscito.
    Anche ora che non c’è più i suoi uomini sono ancora sulle poltrone di comando.

    Ho l’impressione che questo “conto alla rovescia” parta da cento miliardi di miliardi…

    E certo….senno cosa fanno tutti questi strapagati delle varie commissioni e controcommissioni….???
    X un medico 30 funzionari
    X un cittadino
    ( sostanzialmente disoccupato o sott’occupato)
    40 burocrati
    Per un Direttore ( dalla lista degli idonei sicuramente immune da qualsiasi pressione) poi commissioni,sottocommissioni,CGA, funzionario competente piu esponente politico Regionale, poi coreco , poi ….esami colloqui…..poi…..

    Chi saranno gli esperti di sanità pubblica che faranno i colloqui orali?

    Xke’ nn pubblicate che siamo sormontati da burocrazie inutili e strapagate?
    E’ ovvio che più burocrazie e commissioni ci sono e meno facile e’ fare qualcosa, per di più ” non pilotata….
    Immaginando inoltre che se non fai parte di queste lobby amministrative,giudicanti,politiche, ECC… puoi solo emigrare.
    In più ,e’ da circa un anno che i manager sono commissariati in attesa di ” nuove nomine” … adesso si parla di mesi….

    Immaginiamo la selezione. Tutti amici degli amici di Musumeci – Miccichè & C
    Continua il “susiti ti ca mi settu iu”
    E’ il popolino muore di fame!

    il punto è che se cambi casacca mancu ti susi

    Questa della permanenza degli attuali Manager Commissari nelle Asp e Ospedali Siciliani è una sciagura. Ancora abbiamo tutta gente che rema contro il Governo Musumeci, tutti, dico tutti , sono stati nominati dalla sinistra di Crocetta ed hanno portato le Asp e gli Ospedali al disastro totale.
    Svegliatevi Assessore alla Salute Razza e Presidente della Regione Musumeci.
    Che si acceleri con la selezione subito e senza perdere altro tempo con i Manager.
    La gente in Sicilia negli ospedali continua a morire di malasanità!

    E’ vero, tutti nominati dalla sinistra di Crocetta, ma c’è chi ha già cambiato abito…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.