Bilancio, Pd e 5 Stelle: | "Il governo ha fallito di nuovo" - Live Sicilia

Bilancio, Pd e 5 Stelle: | “Il governo ha fallito di nuovo”

Le opposizioni all'attacco della giunta Musumeci.

6 Commenti Condividi

PALERMO – Niente bilancio entro fine anno, sì all’esercizio provvisorio e non si fanno attendere le voci critiche delle opposizioni all’Ars.

“Il governo Musumeci ha fallito l’obiettivo,mille volte dichiarato, di approvare Bilancio e Legge di Stabilità entro l’anno ed è stato pertanto costretto a fare dietrofront e presentare l’esercizio provvisorio. Non farlo, avrebbe messo a rischio i conti della Regione e sarebbe stata una grave inadempienza di legge, così come avevamo detto ieri, prima in conferenza dei capigruppo e poi in aula”. Lo ha detto incontrando i giornalisti nella sala stampa dell’Ars il capogruppo Pd all’Ars Giuseppe Lupo.  “Certamente sorprende   – conclude Lupo – che nelle ultime 24 ore il governo regionale abbia cambiato più volte opinione sulla necessità di approvare l’esercizio provvisorio. Ciò dimostra che il governo  Musumeci non solo non ha una maggioranza ma neppure una linea politica”.

Critici anche i grillini. “Dopo aver fallito tutti gli obiettivi, Il governo del nulla non è riuscito a portare a casa nemmeno l’obiettivo minimo: evitare l’esercizio provvisorio. Cala così mestamente il sipario su anno di fallimenti che Musumeci, goffamente, ha cercato di coprire con la bufala del ‘dovere del silenzio’ e, sul filo di lana, con la fake news dell’approvazione del piano rifiuti, una scatola vuota che, al massimo, può essere assimilato ad una dichiarazione di intenti”. Lo affermano i deputati del M5S all’Ars dopo l’ok di sala d’Ercole al bilancio provvisorio.

“Le emergenze di una Sicilia in ginocchio – afferma il capogruppo Francesco Cappello – rimangono tutte sul tappeto, dai rifiuti alla sanità, dalle strade, alla Formazione. Se c’è una cosa in cui Musumeci è riuscito in pieno è quella di avere fatto addirittura rimpiangere Crocetta, ed è quanto dire. Le poche cose buone che questo esecutivo è riuscito a portare in porto sono arrivate grazie alla vicinanza del governo Conte, che avrebbe potuto perfino fare di più se la Regione, paradossalmente, non si fosse messa di traverso, come nel caso della continuità territoriale per gli aeroporti di Trapani e Comiso, che oggi avrebbe potuto essere una realtà se Musumeci non ci avesse dormito sopra. Salvo poi lamentarsi per i prezzi esosi dei voli aerei per la Sicilia”


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

6 Commenti Condividi

Commenti

    Trovo singulare che un rappresentante del partito che sostenne crocetta e che ha avuto insieme ad altri la responsabilita del fallimento del suo partito, parli di fallimento di altri. Forse perche e’ un esperto di fallimenti?

    Votai Musumeci ma obiettivamente non ha torto.

    Normalmente una persona che sa di aver commesso degli errori, per dignità rimane zitto.
    Esiste poi l’eccezione, cioè questi del pd.

    Più sento parlare Lupo più mi convinco a votare altri.

    CHE GOVERNO CHE ABBIAMO VOTATO …
    CHE AMMASSO DI “PERSONAGGI IN CERCA D’AUTORE”…

    Io faccio il mio mea culpa per primo, illuso dalla favola
    del Gran Governatore libero, capace e indipendente….
    Libero da nulla … capace di poco … indipendente manco per il ……

    Del resto del “Governo” meglio stendere un telo pietoso …
    ma neanche la “Pietà” può bastare a giustificare tanto arraffazzonismo
    né tanta vuota incompetenza …

    SANITA’ … meglio cambiare Razza (nel senso meglio diventare Lombardi)
    INFRASTRUTTURE …grandi proclami mentre buche si aprono
    FORMAZIONE … servirebbe quella vera per gli “assessori”
    FAMIGLIA … ci sarà un motivo se pure in Sicilia ormai siamo a livello Favelas
    AGRICOLTURA …j’ativinni a zappare
    TURISMO … oggi le comiche, una mongolfiera… anzi un “treno del gusto” di minchiate
    e di soldi “buttati” (nelle tasche di non si sa chi), tanto paghiamo noi…

    CON IL SOLITO STILE PROVINCIALE: VENDESI ARIA FRITTA. Non abbiamo domani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.