Blutec, Fiom: "Su Termini Imerese pronti alla mobilitazione" - Live Sicilia

Blutec, Fiom: “Su Termini Imerese pronti alla mobilitazione”

Tutte le preoccupazioni del sindacato.
IL VERTICE CON IL MINISTERO
di
2 Commenti Condividi

“I commissari hanno comunicato che ci sono trattative aperte con diverse aziende interessate ad acquisire i rami di azienda che sono localizzati in Piemonte, Abruzzo e Basilicata”, ma “su Termini Imerese è emersa una situazione molto preoccupante, più incerta rispetto a quella delineata durante l’ultimo incontro di dicembre dello scorso anno”. Così in una nota congiunta il segretario nazionale Fiom-Cgil e responsabile automotive, Michele De Palma, e il coordinatore nazionale Blutec per la Fiom-Cgil, Simone Marinelli, al termine del tavolo in videconferenza con la viceministra dello Sviluppo economico Alessandra Todde, al quale hanno preso parte anche le altre organizzazioni sindacali.

Nessun progetto

“Non c’è ancora un progetto approvato di reindustrializzazione e il prossimo 16 maggio scadrà il termine per l’approvazione del programma concordatario”, prosegue la nota. “Nessuna risposta è stata data sul percorso e sul soggetto giuridico che deve garantire la continuità occupazionale e la reindustrializzazione del sito”. “

La possibilità di creare una società a partecipazione pubblica e privata è ancora in fase di valutazione e non c’è stata chiarezza sulle disponibilità delle risorse pubbliche messe a disposizione negli accordi di programma”, sottolinea la Fiom.

Per il sindacato “le risposte date oggi dal ministero dello Sviluppo economico, da Invitalia e dalla Regione Siciliana in modo diverso non fanno che aumentare le preoccupazioni delle organizzazioni sindacali e dei lavoratori”.

“La vertenza va gestita nella sua interezza”

“Per la Fiom la vertenza Blutec deve essere gestita nella sua interezza individuando soluzioni per tutti i siti e garantendo la tenuta occupazionale complessiva del Gruppo. Per queste ragioni la Fiom condivide lo stato di agitazione dei lavoratori di Termini Imerese e sostiene le iniziative di mobilitazione per garantire un futuro occupazionale dei lavoratori di Blutec e dell’indotto”.

La preoccupazione della Cisl

“Siamo veramente preoccupati e arrabbiati per la situazione che si sta determinando sul sito di Termini Imerese. I continui rinvii degli incontri fino alla giornata di oggi hanno solo complicato la situazione. Le poche informazioni ricevute sulla solidità dei soggetti industriali fanno presagire che non verrà approvato il programma presentato dai commissari straordinari. Questo mette non solo in pericolo il processo di reindustrializzazione, ma anche la proroga della cassa integrazione, con una perdita delle tutele di reddito e un rischio occupazionale dei lavoratori”. Ad affermarlo sono Ferdinando Uliano, segretario nazionale Fim Cisl e Antonio Nobile segretario generale Fim Cisl Palermo Trapani, oggi al termine di un incontro con il Ministero dello Sviluppo Economico sulla vertenza Blutec di Termini Imerese. “Ci è stato comunicato che il termine per l’approvazione da parte del Comitato di Sorveglianza del programma presentato da parte dell’amministrazione straordinaria è il 16 maggio 2021. L’esito del processo autorizzativo è condizionato dalla solidità economica dei soggetti industriali che hanno mostrato interessamento nell’area di Termini Imerese. E’ bene precisare che il Ministero del Lavoro aveva subordinato all’approvazione del programma la proroga della cassa Integrazione straordinaria in scadenza nel mese di giugno 2021” aggiungono. “Per le unità di Blutec  (Lighting, Chemical e Engineering) sono in corso una serie di confronti e interessi espressi da soggetti industriali disponibili all’acquisizione che garantiscono il perimetro occupazionale”.  I due sindacalisti aggiungono “E’ necessario precisare che per le unità Blutec si potrà procedere con le gare per la cessione solo dopo l’approvazione del programma da parte del Comitato di Sorveglianza.  Per questo su nostra sollecitazione data la situazione particolarmente grave, il Ministero dello Sviluppo Economico ha riconvocato il tavolo il prossimo 11 maggio e si è impegnato ad attivarsi immediatamente con il Ministero del Lavoro per individuare una soluzione che consenta Termini Imerese una copertura della cassa integrazione, in modo da garantire la proroga degli ammortizzatori sociali in scadenza nel mese di giugno 2021”. Entro quella data sarà necessario poi verificare lo stato delle manifestazioni di interesse sul sito di Termini Imerese e le soluzioni necessarie per accompagnare il processo di reindustrializzazione con tutte le garanzie occupazionali per i lavoratori. A concludere il segretario generale Cisl Palermo Trapani Leonardo La Piana. “Ancora una volta la Regione siciliana dimostra di non porre fra le priorità questa vertenza. All’incontro era presente il direttore generale del Dipartimento Lavoro che ha dichiarato di partecipare all’incontro per la sua area di competenza, quindi solo per affrontare il tema della cig. Ci aspettiamo che l’assessore al Ramo e lo stesso Presidente Musumeci si facciano carico della vertenza per far capire chiaramente quale politica di rilancio e sviluppo si intende percorrere per l’area industriale di Termini Imerese, fondamentale per lo sviluppo di tutto il comprensorio”.

Lupo incalza Turano

“Il presidente della Regione Musumeci e l’assessore alle Attività produttive Turano, spieghino cosa sta succedendo in relazione alla vertenza Blutec e perchè non hanno partecipato all’incontro di oggi promosso dal Ministero dello Sviluppo economico”. Lo dice il capogruppo all’Ars Giuseppe Lupo che sulla vicenda annuncia la presentazione di una interrogazione parlamentare, anche per conoscere quali iniziative sta portando avanti la Regione per il rilancio del sito produttivo di Termini Imerese.
“L’allarme lanciato dai sindacati e dai lavoratori deve essere raccolto immediatamente – aggiunge Lupo – ma c’è bisogno di un cambio di passo anche da parte del Ministero. Servono certezze per il rilancio industriale del sito di Termini Imerese che attualmente coinvolge un migliaio di lavoratori compreso l’indotto, e per assicurare nelle more la proroga della Cassa integrazione”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Ma i sindacati ed il ministero della attività produttive perchè non propongono al gruppo Stellantis di riprendere l’ex stabilimento Fiat. Leggevo che in Francia per i marchi Citroen, Ds e Peugeot in alcune aree produttive ci sarebbero problemi di saturazione dato che il mercato auto dopo la pandemia è ripartito alla grande. Inoltre sia per il futuro elettrico del gruppo e per il prossimo pensionamento delle Citroen C1 e Peugeot 108 prodotte nello stabilimento di Kolin in Repubblica Ceca ora di proprietà Toyota non ci sarebbe un sito dove potere produrre eventuali citycar in sostituzione delle due francesi in uscita dai listini.

    Ma suvvia!!!!!, che mestiere volete fare da grandi????
    Che problemi ci sono ??????? CIG a vitaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.