Bombardare Palermo? - Live Sicilia

Bombardare Palermo?

Lo scrittore Fulvio Abbate ne è certo. Lui, già opinionista dell'Unità e collaboratore del "Fatto Quotidiano" pensa che sarebbe necessario bombardare Palermo. Anzi, bombardarla al Napalm, per cancellare ogni traccia di vita. E spiega perché in un video. Ci sembra una questione estrema e, comunque, di interesse generale. Buon dibattito.
L'idea dello scrittore Fulvio Abbate
di
37 Commenti Condividi

Lo scrittore Fulvio Abbate ne è certo. Lui, già opinionista dell’Unità e collaboratore del “Fatto Quotidiano” pensa che sarebbe necessario bombardare Palermo.
Anzi, bombardarla al Napalm, per cancellare ogni traccia di vita. E spiega perché in un video. Ci sembra una questione estrema e, comunque, di interesse generale. Buon dibattito.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

37 Commenti Condividi

Commenti

    Avi ragiuni…mischinu….avi ragiuni

    Non solo per la mafia, i mafiosi e i paramafiosi ma per tanto altro ancora e che è altrettanto odioso, soprattutto per l’inciviltà diffusa e la mancanza di rispetto per se stessi e per gli altri nei comportamenti quotidiani.
    Bombardiamo!

    Una soluzione meno drastica ci sarebbe. Deportare la gente in luoghi del Nord Italia almeno per dieci anni. Intanto affidare la città a persone del Nord Italia, magari amanti della Sicilia.

    Naturalmente quella di Fulvio Abate è una provocazione dettata dalla rabbia di vedere una città affascinante come Palermo infestata da tante rogne incubate nei suoi abitanti.La “sparata” è originale e da gustare come tale.Intanto io, che palermitano non sono, e in passato odiavo i palermitani e la loro parlata per le risonanze vocali che in me evocavano la mafia, man mano che conoscevo alcuni palermitani estranei al fenomeno mafioso, imparavo ad apprezzare la loro umanità e il loro spirito quasi fanciullesco che me li rendeva amabili.
    Concedo a Fulvio Abate un bombardamento al napalm, ma con bombe intelligenti che risparmino Palermo e i poco o tanti cittadini onesti che sono immuni dal morbo mafioso. Mi permetto un’osservazione: ma mafiosi sono soltanto quelli che sono attivi in questo tipo di “industria”, o lo sono anch’io che gradisco il “favore” che mi offre il potente politico,o il rampante al suo esordio nel variegato tessuto pubblico?

    Le bombe intelligenti sono notoriamente stupide. Saluti

    @Amleto
    Già fatto. A partire dal 1220, gli abitanti del cosiddetto Bantustan di Entella, insieme con diversi palermitani “non battezzati”, furono ammazzati e i pochi sopravvissuti deportati in Puglia. I territori “liberati” furono popolati con bergamaschi, bresciani e, sul finire del 1400, anche da albanesi. E i risultati sono sotto gli occhi di tutti.

    A Roberto Puglisi

    Perchè, Fulvio Abate parlava sul serio?

    Non mi pare una buona soluzione quella proposta da Amleto: da paramafiosi diventare parameneghini? Con quello che succede in quel di Milàn e circondario forse ci vorrebbe un bombardamento anche da quelle parti.

    Mi sembra inutile bombardarla …………….. sta già andando in malora per i fatti suoi.

    Gentile Redazione,
    perché non fate uno dei vostri sondaggi su questo Fulvio Abbate, e tra le opzioni pro o contro le bombe su Palermo ci mettete anche l’opzione di dare una rendita vitalizia a questo soggetto per evitare di farlo campare scrivendo queste minch…te?

    L’essere umano è stato, è e sarà sempre arrogante,egoista e presuntuoso. In ogni parte del mondo.
    No! Non basta uccidere la vita per sbarazzarsi della mafia.
    Ainoi l’essere uomano è anche questo! Bisogna saperci convivere magari con leggi appropiate,pene esemplari e tempi molto più snelli.
    …dimenticavo… e con una politica socialista che mira alla paridignità dell’uomo! vedi il Nuovo Marxismo

    @Fara
    Se a Milano vivono più siciliani che a Palermo (per non parlare di loro figli e nipoti, vedi Bettino Craxi), come meravigliarsi di quanto accade in quel di Milano?

    Bella trovata di Fulvio Abbate.
    Comunista di mestiere e nell’animo.
    Se la sua è una provocazione (che poi non credo) noi potremmo dire che i comunisti sono famosi perchè mangiano i bambini, che i comunisti non usano carceri ma la pena di morte, ecc. ecc.
    Ma io penso che questi umanoidi che scrivono, scrivono, scrivono senza sapere cosa scrivono e poi accorgendosi di avere scritto autentiche “minchiate” ricorrono alla “provocazione”.
    Venga in Sicilia a vedere le persone, a parlare con le persone e poi vediamo se non torna dalle sue parti- emilia romagna e /o toscana per meteere lì la bomba.
    Visto che conosco bene sia toscana che emilia penso che la bomba la dovrebbe mettere in bocca e forse visto come scrive e pensa sia pure sprecata.

    Posso invitare coloro che non apprezzano la provocazione di Abbate ad enumerare almeno un paio di motivi per cui palermo meriti di non essere bombardata?
    Meglio che i soliti banali insulti.

    Ma lei ha presente che cos’è un bombardamento vero con i morti? Saluti

    Usciamo dal paradosso originale e dai commenti più o meno intonati ad esso.Il trapianto parziale di cui parla Ciccio non poteva riuscire per ovvi motivi. Tra l’altro non mi pare che nel 1220 a Palermo ci fosse la mafia.Oggi c’è, e dobbiamo domandarci perchè; perchè prospera, e con quali mezzi inusitati può essere estirpata, visto che quelli repressivi sono soltanto palliativi.
    Io ho solo opinioni e lascio a chi può fare meglio l’iniziativa di un dibattito
    costruttivo.

    Sarebbe sufficiente, tanto per cominciare, smetterla di compiangerci addosso e di reagire pubblicamente ogni qualvolta qualcun’altro commetta atti di inciviltà, anzichè farci gli affari nostri facendo finta di non vedere. La redazione di Live Sicilia potrebbe riservare un paio di pagine sul settimanale “S” dove pubblicare delle foto fatte dai cittadini che immortalano tali comportamenti. Forse qualcuno proverebbe vergogna ad essere “mostrato”. Potrebbe essere un inizio. Poi potremmo prenderci l’iniziativa di mandare e-mail, cartolina postale, telegramma o similari per segnalare eventuali anomalie ai nostri tanto amati amministratori della città. Forse se sommersi dalle richieste potrebbero essere più solleciti nelle reazioni. Live Sicilia potrebbe essere la cassa di risonanza per queste iniziative. Magari sto scrivendo delle cavolate ma credo che se non vogliamo “bombardare” Palermo qualche cosa dobbiamo pur farla.

    Queste espressioni sono dettate soltanto dal più lurido razzismo e non andrebbero neanche commentate. Come “bombardare Gaza” perché era piena di sporchi arabi fanatici. Prima le cose si dicono per scherzo ma poi qualche volta qualcuno lo fa. Non mi stupisce che in Italia qualcuno vorrebbe bombardarci. Già lo stanno facendo in un certo senso. Poi, però,guardate lo sguardo felice e innocente di un bimbo di 6 mesi, e vergognatevi, vergognatevi profondamente della vostra ingenua “provocazione”.

    ho visto e sentito il filmato, fategli sapere che il presidente del senato è la seconda carica dello stato e non la terza.

    scritto da giufà
    16 feb 2010 14:32 pm Posso invitare coloro che non apprezzano la provocazione di Abbate ad enumerare almeno un paio di motivi per cui palermo meriti di non essere bombardata?
    Meglio che i soliti banali insulti.
    ——

    prima hai scritto
    e poi quest’altro

    ————-

    scritto da Giufà
    16 feb 2010 16:43 pm Queste espressioni sono dettate soltanto dal più lurido razzismo e non andrebbero neanche commentate. Come “bombardare Gaza” perché era piena di sporchi arabi fanatici. Prima le cose si dicono per scherzo ma poi qualche volta qualcuno lo fa. Non mi stupisce che in Italia qualcuno vorrebbe bombardarci. Già lo stanno facendo in un certo senso. Poi, però,guardate lo sguardo felice e innocente di un bimbo di 6 mesi, e vergognatevi, vergognatevi profondamente della vostra ingenua “provocazione”.
    —————-

    qual’è il tuo pensiero reale ??? mi hai confuso.

    Non vogliamo che Palermo sia “bombardata”?

    Se ognuno di quelli che hanno avuto la fortuna di ricevere educazione e formazione scolastica (non è retorica, la percentuale a Palermo è ancora drammaticamente bassa…. esempio: oggi in Via Papireto – 100 metri dal Tribunale – ora di punta, in mezzo al traffico due bambini di non più di 10 anni ciascuno galoppavano all’impazzata “a pelo” su due pony tra le macchine per poi sparire nei vicoli del capo… invece di andare a scuola)

    cominciasse ad urlare contro l’incivile che lo blocca avendo posteggiato in doppia fila,
    ad urlare contro l’incivile che butta il vassoio di cartone per terra dopo aver mangiato i cannoli,
    ad urlare contro l’incivile che porta moglie e due figli (in totale 4 persone) su uno scooter senza che nessuno abbia il casco….. (e non ditemi che non se lo possono permettere),
    a pregare l’incivile che salta la coda di rispettarla…..

    infine, ad avere il coraggio di dire a tutte queste persone (e sono tante) che sono loro la causa della nostra vergogna, forse possiamo ricominciare ad avere qualche speranza.

    Io penso che siano due Giufà, maiuscolo e minuscolo

    Bomba, e di quelle potenti. E’ l’unica soluzione per un città di addormentati come questa

    Per nord Italia non intendevo Milano ma Bologna. Provate a viverci.

    per Democratico Vero. Io la penso esattamente come te, ma voglio ricordarti che siamo a Palermo, non a Berlino. La scorsa settimana ho richiamato un giovane di circa 25 anni che aveva buttato dal finestrino della sua macchina una lattina vuota in piena via Notarbartolo col risultato che è sceso dalla macchina minacciando di rompermi la faccia e un passante ha commentato che avrei dovuto farmi i c… miei. Lo dico con la morte nel cuore. Meglio le bombe.
    P.S. Io credo che anche questo tipo di atteggiamento si deve considerare mafioso.

    @cittadino stanco

    scusami, ma io avrei preso la lattina e col sorriso avrei detto: non ti preoccupare la butto io. (Cosa che ho già fatto).
    Poi se dobbiamo dirla tutta…. il tipo di bestia con cui ti sei confrontato tu… dovrebbe rimanere sterile, il danno è che si riproducono. Ma siccome siamo “democratici”….. certe cose non le dobbiamo dire…

    Buon sangue non mente. Ricorda i bambini sciolti nell’acido, lui da buon palermitano vuole direttamente il Napalm. Coerente.

    cittadino stanco e Democratico Vero – a proposito della lattina.

    Entrambi hanno fatto bene, ma il primo ha rischiato senza ottenere nessun risultato, mentre il secondo con un atto di umiltà ha riparato l’inciviltà del maleducato,impartendogli una lezione che non dimenticherà mai.A proposito della maleducazione degli italiani, sul Giornale nuovo (allora era nuovo)si apri un dibattito molto interessante.Vi partecipò un siciliano emigrato in Svizzera.Raccontò che con gli amici che lo accolsero,in una giornata festiva,andarono a banchettare sui monti.Si posizionarono vicino a una comitiva di svizzeri che rimasero sul posto fin quando i siciliani se ne andarono. Qualche giorno dopo il narratore si vide arrivare un pacco postale inaspettato.Lo aprì e vi trovò in bella evidenza una lettera nella quale si leggeva che il mittente si premurava di inviare al legittimo proprietario roba che aveva dimenticato sul prato.Tutto nel pacco: non mancava neppure un tovagliolo. C’era pure l’indirizzo del mittente e l’ammontare delle spese postali da rimborsare.-Morale:escludiamo la genetica e tutto il resto.
    Agli italiani, e ai siciliani in particolare, sono mancati educatori autentici e credibili, capaci di una didattica idonea a civilizzare.
    credibili.

    I bombardamenti necessari sarebbero due.
    Il primo a tappeto, tale da spianare la zona.
    Il secondo da eseguirsi non appena quelli scampati per qualsivoglia motivo al primo bombardamento tornassero a sciacallare fra i resti fumanti.
    Forse ne potrebbe servire anche un terzo, dopo un po’, per buona misura.
    Certo, peccato per le bellezze architettoniche della città.
    Ma non si può sempre avere tutto, bisogna anche sapersi accontentare.

    L’idea comune della bomba al neutrone, quella di una bomba che ucciderebbe le persone lasciando gli edifici senza danni, è considerevolmente fantastica. Nel raggio convenzionale di combattimento (690 m) infatti, lo scoppio di una bomba al neutrone da 1 chilotone ucciderebbe quasi tutte le entità viventi presenti entro tale area. La bomba al neutrone è una bomba “pulita”, che non lascia praticamente radiazioni persistenti, quindi non c’è alcun fallout radioattivo; inoltre è una bomba “gentile”, dato che lascia (per lo meno gli edifici più distanti di 100 metri dal punto principale d’esplosione) tutti gli edifici intatti, uccidendo ogni essere vivente. È una bomba che colpisce le parti principali di ogni essere vivente, gli acidi nucleici, e gli atomi, liberando una grandissima quantità di neutroni quindi squilibrando tutto l’equilibrio della materia.

    La democrazia è un metodo che non consente alibi. I Palermitani sono colpevoli, i siciliani dippiù! Palermo è lo specchio di chi la governa, della classe dirigente che vi si è formata e vi alligna nel malaffare, di una borghesia malsana e corrotta che si struscia sempre con il potere e con i colletti bianchi del sistema economico mafioso affaristico, Cultura ZERO, economia ZERO, Chiarezza di programmi e di intenti ZERO, Politiche sociali ZERO. Qui solo magna magna, inciviltà, arroganza, ignoranza. SONO PER IL BOMBARDAMENTO IMMEDIATO, Ma ATOMICO. POI ASPETTIAMO 30 ANNI, CHE SI ESAURISCA LA POLLUTION e facciamo venire gli esckimesi a colonizzare la Sicilia.

    Trovo idiota, razzista e vergognoso proporre (sia pure per provocazione) il bombardamento con il naplam della mia bellissima palermo…
    questi intellettualoni (dei miei….) sono una palla al piede per la sinistra, che non e’ certo rappresentata da 4 intellettualoni snob e chic che dall’alto della loro superbia si permettono di dare lezioni e consigli…
    anzi i militanti comunisti, quelli che lavorano, sfruttati nelle fabbriche, nei call center, nelle campagne, nelle miniere, nelle scuole….hanno le p…. piene di intellettuali finti progressisti che non dicono nulla di sinistra…
    anzi bombardare le citta’ e’ tipico di una cultura razzista, guerrafondaia, imperialista e colonialista lontana anni luce dalle sinistre e dal comunismo…
    Abbate levati di davanti e lascia il comunismo e la sinistra ai veri compagni, stattene nei tuoi circoli elitari e lascia il comunismo ai veri comunisti!
    W PALERMO E IL COMUNISMO

    MALEDETTO IL FICO STERILE

    Bombardare Palermo? O, bombardare i palermitani che deturpano Palermo?
    La seconda che ho detto!!!

    D’accordo: bombardare i palermitani che deturpano Palermo. Il 16 febbraio avevo proposto l’uso di bombe intelligenti, all’uopo.
    Roberto Puglisi ha risposto che le bombe sono stupide: rassegniamoci e aspettiamo che Qualcuno si muova.

    uno che dice cose di questo genere anche se per provocazione non bisogna prenderlo sul serio ;probabilmente ha bisogno di farsi curare da uno bravo però.Bisogna considerare che non è palermo il problema o i palermitani ,ma è tutta la societa italiana ipocrita ladra e che se si usassero certi metodi si correrebbe il rischio di dover estinguere il genere umano.Quindi stiamo calmi e non facciamo discorsi da ubriachi

    Dici bene, Rosario Cannizzo. Peccato che non hai notato quella “Q” maiuscola o non hai capito a “Chi” si riferisce. E’ l'”Unico” in possesso di bombe intelligenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.