Capaci, incendio vicino alla stazione | Pomeriggio di fuoco in provincia - Live Sicilia

Capaci, incendio vicino alla stazione | Pomeriggio di fuoco in provincia

Altri roghi a Bagheria a Cinisi, vicino allo scalo Falcone Borsellino e nel quartiere Zen di Palermo. Roghi che la maggior parte delle volte sono di origine dolosa: tre giorni fa l'arresto di un piromane.

PALERMO
di
1 Commenti Condividi

PALERMO – Ore di fuoco da un capo all’altro della provincia. Fiamme nell’hinterland palermitano, l’incendio più vasto nei pressi della stazione di Capaci nel tardo pomeriggio: il fuoco si è diffuso nel giro di pochi minuti e minaccia la struttura. Sul posto sono intervenut gli uomini della Forestale e diverse squadre dei vigili del fuoco.

Un’intensa giornata di lavoro per i pompieri, impegnati anche a Bagheria, in via Danubio e in via Valentino Mazzola. Un altro incendio è scoppiato sul monte Pecoraro a Cinisi, vicino all’aeroporto Falcone Borsellino. Fiamme anche nel capoluogo nella zona dello Zen e in viale Regione siciliana a Palermo, ma anche a Villabate, Santa Cristina Gela e lungo lo spartitraffico dell’autostrada A29, nella zona di Alcamo.

Incendi che la maggior parte delle volte si rivelano di origine dolosa: con le alte temperature le fiamme riescono a diffondersi in poco tempo distruggendo ettari di terreno. E risale soltanto a tre giorni fa l’arresto effettuato dai carabinieri che hanno individuato un piromane. Appiccava gli incendi nell’area compresa tra la fine di viale Regione Siciliana e l’inizio della strada statale Palermo-Sciacca. Aveva addosso l’accendino con cui aveva provocato l’ennesimo rogo.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI
1 Commenti Condividi

Commenti

    Per la precisione, a Capaci, ha preso fuoco un cumulo di spazzatura, cosa che in questo territorio succede spesso ultimamente, quasi in modo “scientifico”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *