Casa mia, casa mia, |se mi becco l'allergia... - Live Sicilia

Casa mia, casa mia, |se mi becco l’allergia…

Uno studio del dipartimento di Biopatologia e metodologie biomediche dell’Università di Palermo e dell’Istituto di Biologia e immunologia molecolare del Cnr, su un vasto campione (2.150 bambini palermitani), ha dimostrato come le allergie sui prendano soprattutto in casa
0 Commenti Condividi

Le case nei mesi invernali si trasformano in “camere a gas” con alti tassi di biossido di azoto e benzene e diventano una delle principali cause di insorgenza di allergie nei bambini palermitani. E’ il risultato al quale sono giunti i ricercatori del dipartimento di Biopatologia e metodologie biomediche dell’Università di Palermo e dell’Istituto di Biologia e immunologia molecolare del Cnr, impegnati in un progetto biennale finanziato da Arpa Sicilia e coordinato da Giacomo De Leo, direttore del dipartimento dell’Ateneo. L’indagine si è svolta capillarmente su 2.150 bambini palermitani, trecento dei quali seguiti 24 ore al giorno con badge-rilevatori per individuare le responsabilità principali nella manifestazione di rinite e asma. Il risultato un bambino su tre vive in case “inquinate”.

Nei soggetti in cui le allergie si manifestano sin da giovanissimi, con problemi respiratori, è stata rilevata una stretta dipendenza tra la predisposizione genetica e l’esposizione ad alte densità di smog e fumo passivo. Il progetto, unico in Italia per vastità di campione, ha visto oggi Palermo capitale della guerra alle allergie – vera emergenza sanitaria con costi pesanti sulla salute e sulla produttività – grazie ai risultati illustrati alla sede dell’Arpa Sicilia, nel corso della conferenza “Ambiente, ricerca e salute”. Erano presenti il rettore dell’Università, Roberto Lagalla, il direttore generale dell’Arpa Sicilia Sergio Marino, l’assessore regionale ai Beni culturali, Antonello Antinoro, il preside della facoltà di Medicina, Adelfio Elio Cardinale.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.