Il caso Expo all'Ars, Cartabellotta: | "La multa? Pagherà il funzionario" - Live Sicilia

Il caso Expo all’Ars, Cartabellotta: | “La multa? Pagherà il funzionario”

Il dirigente ascoltato in Commissione bilancio. I deputati: "A rischio l'immagine della Sicilia".

Palazzo dei Normanni
di
7 Commenti Condividi

PALERMO – “La multa da seicento euro per i cannoli venduti senza scontrino? La pagherà il funzionario regionale”. Il caos Expo sbarca anche a Palazzo dei Normanni, dove il dirigente generale Dario Cartabellotta è stato ascoltato dai deputati della Commissione bilancio presieduta da Vincenzo Vinciullo. Nel corso dell’audizione, il responsabile unico del Cluster bio-mediterraneo, più volte commissariato dalla Regione, ha provato a ripercorrere le tappe di un vero e proprio “caso”, così come aveva fatto qualche giorno fa anche su Livesicilia.

Cartabellotta, in particolare, ha puntato il dito contro l’ex commissario ad acta Roberto Barberi che avrebbe avuto la colpa – secondo il dirigente – di aver omesso, in una nota inviata all’Avvocatura dello Stato per la richiesta di un parere sulla nullità o meno dei contratti con i fornitori di Expo, di precisare che i soldi per pagare erano già nella disponibilità della Regione.

Un passaggio che ha sorpreso i deputati della commissione. “Se i soldi ci sono – ha detto ad esempio l’ex presidente della Commissione bilancio Riccardo Savona – vuol dire che qualcuno sta giocando… mi chiedo se Dario Cartabellotta, che da sempre considero un dirigente onesto, sia vittima di qualche manovra poco chiara”. Per il deputato Pd Mario Alloro, “quello di oggi è un racconto incredibile: in pratica i soldi ci sono ma non li assicuriamo ai fornitori. Rischiamo – ha aggiunto il parlamentare – di arrecare un danno d’immagine enorme alla Sicilia. Rischiamo, insomma, di passare per la Regione che fa ‘il tappo’ ai privati”.

In molti casi, produttori siciliani: “Circa 400 mila euro – spiega infatti Cartabellotta – erano destinati a siciliani. Penso ad esempio a tutti quelli che hanno partecipato alla produzione dei cannoli: dai fornitori delle cialde, passando a quelli della ricotta, fino alla pasticcera, siciliana anche lei”. E solo la vendita dei cannoli ha portato nelle casse della Regione 208 mila euro. Anche se su quelle vendite è piombata la Guardia di Finanza, che ha notificato alla Regione una multa da 600 euro per non aver prodotto gli scontrini. “Si tratta – precisa Cartabellotta – di due scontrini su 1.560 cannoli venduti. E comunque quei 600 euro li pagherà il funzionario che era a Expo in quel momento”.

Una goccia nel mare, precisa il dirigente, che ha esibito gli ‘incassi’ del Cluster. “Quello che forse non si è capito – dice – è che la Regione per il Cluster non ha speso un euro: anzi, ha prodotto utili grazie alle entrate legate alla vendita dei prodotti nei padiglioni”. Le entrate con le quali, però, dovrebbero essere pagati i fornitori. Contratti che l’assessore Cracolici ha chiesto a Cartabellotta di annullare: “Non posso farlo – ha detto in commissione bilancio – perché andrei in contro al reato di abuso d’ufficio. Quei contratti sono stati sottoscritti nel rispetto della legge e i fornitori hanno assicurato i servizi previsti. I soldi sono lì, e anzi io ho più volte trasmesso i mandati, che mi sono stati sempre rispediti indietro”. Ma adesso anche l’Ars vuole vederci chiaro. Per mercoledì prossimo infatti verranno convocati tutti i “protagonisti” della vicenda: l’ex commissario ad acta Barberi, il nuovo commissario Tozzo, l’ex assessore Barresi (che ha nominato Barberi per verificare l’eventuale danno erariale di Cartabellottra), il capo di gabinetto di Crocetta nominato a capo del primo collegio ispettivo di Expo Giulio Guagliano e l’assessore all’Agricoltura Antonello Cracolici.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

7 Commenti Condividi

Commenti

    Non vedo la notizia, è giusto è stato sempre così, paga il funzionario pubblico che sbaglia. Il funzionario preposto che non è il cosiddetto funzionario direttivo della regione sicilia ma può essere un collaboratore o un istruttore direttivo o il funzionario direttivo o un dirigente (ai regionali piace giocare con le parole) purchè nelle funzioni che gli sono state date dal dirigente responsabile. Appunto i Dirigenti non si devono toccare loro non pagano MAI. ma possibile non capire che i mali di questa regione sono solo di una scarsa classe dirigente.

    Ma che vuol dire che ha fatto i mandati di pagamento? Allora il capitolo di spesa c’era! E quindi il problema dov’è?

    A me sembra assolutamente coerente con la politica siciliana. Vedi spese personali dei gruppi parlamentari e assoluta mancanza di assunzione di responsabilità da parte di chi è stato condannato e mantiene il suo posto di onorevole assessore.
    Ce ne fosse uno che dice ho sbagliato e pago…anzi uno c’è stato e per questo gode di tutta la mia stima.

    Che menti raffinatissime ed eccelse dal punto di vista giuridico! Contratti regolarmente stipulati, servizi resi e l’assessore che fa? chiede di annullare i contratti!
    Ma cosa c’entra? e poi, soprattutto, cosa c’entra l’assessore? e la separazione della politica dalla gestione?
    E tutto quello che è successo finora per le follie e la totale ignoranza di questi….rivoluzionari?
    Contratti conclusi e poi revocati per motivi ridicoli, col risultato che quelli vanno dal giudice e ottengono il decreto ingiuntivo con l’aggravio delle spese. Vergogna…
    Si stanno pagando milioni e milioni di € così!

    Le guerre intestine della burocrazia regionale, i miserabili regolamenti di conti tra bande rivali, non possono avvenire a danno di chi ha lavorato. Intanto si paghino subito i fornitori, se hanno erogato regolarmente i loro prodotti e servizi, senza se e senza ma. Poi si accerti chi ha sbagliato, se errori sono stati commessi.
    P.S. La questione dei due scontrini non emessi è semplicemente ridicola, non c’entra nulla con la regolarità dei mandati di pagamento, tirarla in ballo serve solo a confondere le acque.

    Non c’è bisogno di tirare in ballo l’immagine della Regione sapete perché ? Perché con questo governo Crocetta e questa ARS la Sicilia non ha più un immagine ma la classifica impietosa di essere l’ultima Regione d’Europa.

    Ma quanto costava un cannolo all’Expo? nell’articolo si dice 208.000 euro solo di incasso dai 1560 cannoli venduti, cioè 133 euro a cannolo. Forse un pò cari…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *