Castelbuono, 'come in un lager nazista': I NOMI degli indagati

Castelbuono, ‘come in un lager nazista’: I NOMI degli indagati

Dal presidente della Onlus al funzionario della Asp: chi è finito sotto sotto inchiesta
3 Commenti Condividi

PALERMO – “Dottoressa mi faccia uscire… avevamo detto cinque minuti”, urlava un giovane paziente rinchiuso nella sala relax dove lo avevano trascinato a forza. Le sue urla restavano inascoltate. Il blitz della finanza svela una storia orribile. Gli indagati sono 35.

«Tu ce l’hai presente un manicomio? Uguale, identico, ci manca solo che li legano ai letti e poi siamo a posto, siamo pronti per la D’Urso», diceva uno degli indagati. «Se entra la Finanza tuo papà passa i guai», aggiungeva un altro dipendente rivolgendosi alla figlia di Gaetano Di Marco, il presidente della Onlus che apre l’elenco degli arrestati. La finanza nella notte è arrivata davvero.

Chi finisce in carcere

In carcere sono finiti Gaetano Di Marco (catanese, presidente e legale rappresentante dell’associazione “Suor Rosina La Grua onlsu) l’inserviente Filippo Morrione e gli operatori socio sanitari: Massimo Palmisano, Agostino Villaraut, Romeo Guarnera, Lorenzo Giacalone, Paolo Conoscenti, Monica Collura, Pietro Butera, Giuseppe Amato.

Chi agli arresti domiciliari

Arresti domiciliari per Maria Carla Di Marco (socia della Onlus), Vincenzo Prestigiacomo (funzionario amministrativo dell’Unità operativa complessa “Assistenza riabilitativa territoriale dell’Asp di Palermo”, indagato per corruzione), Arcangelo Donato Giammusso (direttore sanitario), Fabrizio Cucco (infermiere), Claudia Mocanu Rezmerita (infermiere), Sabrina Madonia (operatore socio sanitario) e Giorgio Muriella (operatore socio sanitario).

Gli altri indagati

Obbligo di dimora per impiegati amministrativi della comunità Dario Prestigiacomo e Rossella Cangialosi e per altre socie Chiara Di Marco, Cristina Maria Vera Di Marco e Antonietta Russo (figlia e moglie di Di Marco).

Lo stop di un anno dall’esercizio di svolgere la propria attività è stato deciso dal gip nei confronti delle educatrici Lucia Cicero, Erica Ferrarello, Valentina Impallomeni, Paola Lo Re, Rossella Martorana, Sara Raimondo, Rosalba Sferruzza; alla logopedista Chiara Sottile, alla fisioterapista Fiorenza Sottile, alla psicologa Concetta Pollicino, all’assistente sociale Giuseppina Giambelluca, all’operatore socio sanitario Antonino Giambona, all’inserviente Vincenzo Di Maria.


Per commentare questo articolo clicca qui
3 Commenti Condividi

Segui LiveSicilia sui social


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI