"Che rabbia la Sicilia gialla per colpa dei non vaccinati"

“Che rabbia la Sicilia gialla per colpa dei non vaccinati”

Contagi alle stelle e ospedali pieni. Cosa sta succedendo.
COVID 19
di
13 Commenti Condividi

PALERMO“La sa la verità? Sono arrabbiato. Rischiamo la zona gialla per colpa dei non vaccinati che hanno scelto di non proteggersi, pur potendolo fare”. Il professore Antonio Cascio, infettivologo, spesso ospite gradito di queste pagine, è un uomo di scienza pacatissimo. E fa specie sentirgli pronunciare la parola ‘rabbia’, sia pure col tono moderato di sempre. Ma è un sentimento comune a molti che si basa su un lampante sillogismo. In Sicilia (come altrove) in ospedale finiscono, soprattutto, i non vaccinati, la colorazione delle zone dipende dalla pressione nei reparti, il colore giallo sarà, dunque, determinato da chi non si è vaccinato ed è stato ricoverato. “Io spero che potremo ancora evitare le restrizioni che danneggeranno la nostra economia – spiega il professore -. Sono ottimista per natura, ma la situazione è quella che è”.

Un bollettino di guerra

E la situazione è davvero quella che è, cioè brutta. La progressione dei contagi compone un unico bollettino di guerra. L’ultimo (leggi qui) è una botta tremenda. Indice di positività alle stelle, morti, ricoveri. Una pandemia dei non vaccinati che si poteva evitare, se ci fosse stato un diverso approccio.

L’ordinanza delle polemiche

Come sappiamo, l’ultima ordinanza del presidente Musumeci è stata caratterizzata da reazioni polemiche, perfino da strali scagliati dall’area sovranista che sarebbe, teoricamente, la casa elettiva dell’attuale governatore. Ci sono dubbi legittimi e c’è molto gioco politico perché anche una tragedia come la pandemia è destinata a diventare farsa nella trama dei rispettivi comunicati. Regna l’incapacità di trovare un sentimento comune nella devastazione a cui nessuno si è fin qui sottratto. Ma dobbiamo tenere presente il fine: portare gli indecisi verso il vaccino. Riassumendo: che si vaccinino perché ci credono, o che si vaccinino perché vogliono andare a mangiare la pizza, purché si vaccinino.

La rabbia negli ospedali

Aumentano i ricoveri, in presa diretta. Sono quasi le sette e mezza di sera e al pronto soccorso Covid dell’ospedale ‘Cervello’ di Palermo vengono segnalati dal sistema venti pazienti: il cento per cento dell’indice di sovraffollamento. I medici sono stanchi, addolorati e frustrati, perché vedono arrivare tanti che stanno male e avrebbero potuto evitarlo, appunto, proteggendosi. E qualcuno, purtroppo, muore, aggiungendo alla rabbia una pena infinita.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

13 Commenti Condividi

Commenti

    Mi scusi professore cascio, se la colpa è dei non vaccinati allora paghino i non vaccinati, fate il lockdown per i non vaccinati, come ha proposto il professore Bassetti . Non è giusto che paghino i vaccinati..

    Caro Palermo è bella ti sei dimenticato i turisti arrivati in Sicilia portando il contagio? Eppure ricordo che proprio tu lo scorso anno ad inizio pandemia sottolineavi in tutti i tuoi commenti che i contagi non nascevano fra i siciliani ma arrivavano con i turisti provenienti dal nord Italia anzi dalla Padania leghista come hai pure scritto. Come vedi io sono uno dei tuoi fans perchè mi ricordo cosa scrivi nei tuoi post…..

    Non c’è problema , tanto ci pensa razza con la complicità di Musumeci a falsificare tutto.

    A tutt’oggi, in Italia, nessun cittadino può essere obbligato a vaccinarsi, in ragione del fatto che la condizione a tal fine stabilita dall’art. 32, secondo comma, della Costituzione (“Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge”) non è stata soddisfatta, eccezion fatta per gli esercenti le professioni sanitarie, obbligati a vaccinarsi – in deroga al principio generale del consenso informato sancito fin dal 1947 dal Codice di Norimberga – in forza del Decreto Legge 1° aprile 2021, n. 44, adottato dal governo e convertito dal Parlamento nella legge 28 maggio 2021, n. 76. Ciò equivale ad un Trattamento Sanitario Obligatorio per il quale non è necessario firmare un consenso informato. Quindi gli esercenti professioni sanitarie non hanno il dovere di firmare tale consenso.

    Che titoli, si proprio per i non vaccianti diventiamo gialli, ma la smetta. lo diventiamo perchè siamo un porto di mare, tra clandestini e turisti

    Il Prof Ricciardi, nella qualità di Medico e ex Presidente dell’ Istituto superiore della Sanità nonché consulente del Ministro della Salute si è lasciato sfuggire su LA 7 puntata serale del 15 luglio che ” sono le vaccinazioni a causare le varianti”. Ed invece assistiamo nella tv pubblica ad artisti dello sport spettacolo e del cinema che pubblicizzano la campagna vaccinale; mentre non si parla in maniera esaustiva di cure, di valutazione dei rischi-benefici dei sieri ma sciorinano solo numeri, ma noi non siamo numeri bensì Persone. Infine riflettete il green pass e un ricatto si tratta di un tentativo per costringere le persone a vaccinarsi.

    Dovrebbero sospendere il SSN per le patologie e gli effetti determinati dal Covid a quelle persone che si sono rifiutate di vaccinarsi

    Prof. Cascio come fa a sapere che i contagiati sono tutti fra i non vaccinati residenti in Sicilia e non fra le migliaia di turisti arrivati da altre regioni o dall’estero. Le porto l’esempio di Stromboli dove anche risiedo nel periodo estivo che era Covid-free prima dell’arrivo di una infinità di turisti anche di giornata dove fra di loro è risultato il 100% di contagi dell’isola, ed immagino che la stessa cosa si ripeta in tutta la regione. Nessuno può vivere di certezze, neppure lei…..

    Il green pass ha creato nei vaccinati un falso senso di sicurezza: gente vaccinata va tranquillamente in giro senza mascherina anche al chiuso (e nessuno dice nulla) perché tanto sono vaccinati…

    Le regioni con contagi in impennata sono proprio quelle che pullulano di gente vaccinata che con il green pass se ne è andata in vacaza! Quindi ad infettarvi sono proprio i vaccinati, che avete illuso di essere immuni quando hanno capacità di infettarsi e trasmettere il virus tal quale ai non vaccinati (leggete cosa dice Fauci). Ai vaccinati è permesso vivere come se il virus non ci fosse e lo stanno diffondendo in tutte le località turistiche. Lo scorso anno nessuno era vaccinato e il virus circolava molto meno, strano, eh?! Ah, la vergogna! Quel sentimento dimenticato, che bisognerebbe tanto rivalutare…

    Rosaria, un consiglio, vaccinati finchè sei in tempo

    Islanda, paese con più vaccinati nel mondo:”Tornano le restrizioni”.
    Di chi è la colpa?

    Per i non vaccinati? Non per i turisti come e successo l’anno scorso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *