Chinnici, le liste, la direzione rinviata: il pasticcio siciliano del Pd

Chinnici, le liste, la direzione rinviata: il caos siciliano del Pd

Un nuovo spostamento a domenica. Tutti contro tutti. Cracolici c'è.
REGIONALI 2022
di
9 Commenti Condividi

PALERMO La direzione regionale del Partito democratico non s’ha da fare. Da venerdì che doveva svolgersi, è stata spostata a sabato. E da sabato, a domenica. Il secondo rinvio era nell’aria già nella tarda mattinata di oggi, ma è maturato soltanto intorno alle 14.30, quando è stato comunicato ai componenti del tavolo regionale senza aggiungere ulteriori spiegazioni. I motivi dello spostamento, però, sono il segreto di Pulcinella: i vertici dem stanno ancora cercando una mediazione con la candidata Caterina Chinnici sul tema scottante di questi giorni, le candidature dei nuovi “impresentabili”.

I casi Lupo, Villari e Bosco

Attorno ai nomi di Giuseppe Lupo, Angelo Villari e Luigi Bosco si sta consumando uno scontro sotterraneo tutto piddino. Chinnici, forte della vittoria trionfale alle primarie di coalizione, ha chiesto liste nelle quali potersi specchiare: non solo niente condannati, ma anche niente imputati né indagati. Fuori, quindi, Lupo (imputato a Palermo), Villari e Bosco (imputati a Catania). Nomi troppo pesanti per gli equilibri interni dei democratici siciliani. Non solo per la storia di militanza che hanno, ma anche per il consenso che riscuotono sul territorio, qualcuno più di qualcun altro.

“È una sfiducia nei confronti del segretario provinciale del partito”, avevano fatto trapelare dalla riunione della federazione catanese, un paio di giorni fa. Quando la direzione etnea aveva inviato a quella regionale la lista dei suoi candidati per le elezioni per Palazzo dei Normanni: capolista il segretario regionale Anthony Barbagallo, numero due Angelo Villari. Numero cinque Luigi Bosco. Una sfida diretta all’aspirante governatrice Chinnici. Il cui desiderio di liste “pulite” è una “condizione”, pare necessaria, per confermare la propria disponibilità alla candidatura.

La mediazione con Chinnici

I boatos dicevano chiaramente che Barbagallo stesse cercando una mediazione. E che volesse ricomporre una crisi interna inevitabile, alimentata anche dalle voci di abbandono del partito che si sono rincorse per ore. Qualcuno dava per certo un Villari pronto a lasciarsi alle spalle il Pd per approdare, armi e bagagli, ad altri lidi. In questo clima è maturato il primo rinvio. A cui adesso se ne aggiunge un secondo.

Esperti conoscitori delle dinamiche politiche, però, ricordano che allontanare la data della direzione, oltre che aggiungere ore al dialogo, serve anche a toglierne al dibattito interno. Se la mediazione viene raccontata come un gioco a porte chiuse tra Chinnici e Barbagallo, altrettanto limitata – necessariamente – non è la discussione in direzione regionale. Che, svolgendosi domani, precede di un solo giorno la scadenza per la presentazione delle liste per le elezioni siciliane del 25 settembre. Il timore dei riottosi è che nel last minute si cerchi di forzare la chiusura, puntando tutto sulla responsabilità nei confronti della patria democratica.

L’annuncio di Cracolici

Nel frattempo, mentre le formiche operose della diplomazia interna sono all’opera, qualcosa si muove anche verso l’esterno. Antonello Cracolici, dopo avere annunciato il suo ritiro dalla corsa per il Senato, comunica oggi il suo ripensamento limitatamente alla partita siciliana: “Tanti mi avete sollecitato a non mollare, chiedendomi di esserci comunque in questa battaglia per le elezioni regionali. Ho deciso di esserci, accettando di candidarmi“, scrive in un messaggio rivolto a chi lo supporta. L’obiettivo non sarà, quindi, Palazzo Madama. Ma di nuovo Palazzo dei Normanni. La conferma ufficiale, però, potrà arrivare solo dopo questa difficilissima riunione della direzione regionale. Fissata per domani alle 18.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

9 Commenti Condividi

Commenti

    La mia è una domanda tecnica, che ha ovvie implicazioni politiche: procedimento penale in corso a parte, quella comminata dalla Corte dei Conti a Villari e Bosco, è una condanna o cosa?

    Da vostro oppositore politico che tuttavia prova sconforto nel vedervi ridotti in queste condizioni mi permetto di darvi un consiglio, levateci mano finchè potete ma soprattutto cambiate al più presto il vostro segretario nazionale che evidentemente non si è più ripreso da quando Matteo Renzi gli lanciò il famoso anatema “Enrico stai sereno”…….

    Arriverete terzi. Per scelta vostra

    Cracolici che tristezza, sapendo di NON avere possibilità alle nazionali ripiega per le regionali… spero proprio rimanga fuori da tutto!

    Ma con un CATAFALCO del genere…. NON E’ UN SUICIDIO ANNUNCIATO? Ci si chiede….

    Come volevasi dimostrare,Cracolici ci ha ripensato….BUFFONI!!!!!!!!!

    SCUSATE SE RIPETO, MA E’ TROPPO IMPORTANTE AVERE RISPOSTA:

    La mia è una domanda tecnica, che ha ovvie implicazioni politiche: procedimento penale in corso a parte, quella comminata dalla Corte dei Conti a Villari e Bosco, è una condanna o cosa?

    arrendetevi non avete scampo pur essendo di destra credo che non candidare cracolici unica persona competente di sinistra sia stato un suicidio ma a voi piace perdere

    LETTERA APERTA A CATENO DE LUCA

    Caro cateno, se a Catania dovessi imbarcare Angelo Villari avresti vanificato in un attimo mesi di campagna elettorale. Non solo non ti porterebbe nulla, ma proverebbe a utilizzarti come un taxi per provare ad arrivare all’Ars e un secondo dopo andrebbe per fatti suoi. Spero nella tua saggezza e corenza e, se dovessi accoglierlo (altro che “mela del peccato”!), in quella degli elettori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *