Cimiteri a rischio saturazione| Pronto il progetto per Ciaculli - Live Sicilia

Cimiteri a rischio saturazione| Pronto il progetto per Ciaculli

Federico (Fi): "Rischiamo l'emergenza igienico-sanitaria, si intervenga subito". Catania: "Realizzeremo il nuovo camposanto".

palermo
di
9 Commenti Condividi

PALERMO – Cimiteri pieni, posti sempre più radi, bare che si accumulano aspettando in deposito una sistemazione, un Comune costretto da anni a requisire quelli privati e due progetti di finanza che potrebbero vedere presto la luce. Tra le tante emergenze di Palermo c’è anche quella dei camposanti che, nel capoluogo siciliano, sono ormai saturi anche per quanto riguarda la nuda terra.

Una situazione certamente non nuova, ma che col passare del tempo si sta aggravando sempre di più: tra i Rotoli, Santa Maria di Gesù e i Cappuccini i posti sono quasi esauriti, specie a Vergine Maria dove l’amministrazione ha dovuto fare i conti prima con la fragilità del costone roccioso, che ha portato alla chiusura di un’area, poi con il funzionamento a singhiozzo del forno crematorio. E dire che i Rotoli è l’unico sito che ha un campo di inumazione, anche se qui sorge un altro problema: utilizzando le bare zincate e non forate, a differenza del passato, si impedisce la mineralizzazione del corpo, il che significa non poter riutilizzare lo stesso fosso a distanza di tempo.

Anche per questo Palazzo delle Aquile dal 2010 usa temporaneamente i loculi all’interno delle tombe private ad “uso deposito”, ma anche questa misura comincia a non essere più sufficiente: a Palermo vengono tumulate circa 25 salme al giorno, di cui giornalmente 15 vengono sistemate in sepolture private per un totale di 27.000 circa negli ultimi 5 anni. Il problema è che, di fatto, si sta arrivando all’esaurimento anche di questi posti anche per via della mancata foratura dello zinco.

“Nonostante il consiglio comunale abbia approvato una mozione che modifica il regolamento dei Servizi cimiteriali e impegna il Comune a dotarsi di un secondo e più moderno forno crematorio, e a predisporre spazi più ampi per il commiato, i funerali civili e i giardini della memoria, aree destinate alla dispersione delle ceneri, ad oggi il problema non è stato risolto – dice il consigliere comunale di Forza Italia Giuseppe Federico – le problematiche nei cimiteri di Palermo pesano sulle famiglie colpite dal lutto, ma soprattutto rappresentano un’emergenza igienico-sanitaria per l’intera cittadinanza. L’assessore non può occuparsi solo di pedonalizzazioni, pensi anche ai cimiteri”.

L’unica soluzione è costruire nuovi cimiteri o ampliare quelli esistenti. Esistono due progetti di finanza presentati al Comune, quindi finanziati da privati: uno prevede l’ampliamento di Santa Maria di Gesù, con 15mila posti circa in più e un nuovo forno crematorio, ma aspetta ancora i pareri di Asp e Sovrintendenza; l’altro il nuovo impianto di Ciaculli, la cui delibera dovrebbe arrivare al consiglio comunale entro febbraio. Quest’ultimo progetto sarà nuovo di zecca e compatibile anche dal punto di vista ambientale. “Siamo in emergenza da anni, più passa il tempi e più si alza il livello di saturazione – dice l’assessore Giusto Catania – la novità è che questa amministrazione sta facendo il nuovo cimitero”.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

9 Commenti Condividi

Commenti

    Se il gravissimo problema della mancanza di posti nei cimiteri a Palermo, dovrà risolverlo l’assessore Giusto Catania, con la stessa “competenza” con cui sta affrontando i problemi del traffico allora….. siamo a posto. A Palermo non solo è un problema vivere ma anche morire.

    MA REALIZZARE UNFORNO CREMATORIO DI NUOVA GENERAZIONE INVECE DI INVIARE LE SALME A BATTIMAGLIA?

    PERCHE` CON TUTTE LE TASSE CHE PAGHIAMO CONTINIUAMO A LEGGERE QUESTE COSE?

    PERCHE` IL COMUNE NON PROVVEDE? DEVONO REALIZZARE UN NUOVO IMPIANTO PIU` GRANDE ANCHE AI ROTOLI. SIAMO UN PAESE PROGREDITO NON DOVREBBERO ESSERCI QUESTI AFFRONTI ALLA CIVILTA`!!! SINDACO SI IMPEGNI BASTA CON LE SUE CONFERENZE STAMPA SERVONO I FATTI!!!

    faccio presente ai sigg. amministratori che già nel 1994, dopo i fatti di abusivismo al cimitero dei Rotoli, si parlava di un nuovo cimitero (da sorgere nel terreno poi adattato e costruito a carcere pagliarelli) e dell’ampliamento di quello a Santa Maria di Gesù il quale è stato progettato più volte per l’evolversi delle esigenze sia della città che della legislazione e ancora al palo in attesa di pareri. Come si può credere che un progetto che pur eseguito sia già stato approvato da ASP ecc e pronto per essere eseguito? a mia memoria non ricordo un bando di gara per l’esecuzione e, se così fosse, ci vorranno almeno due anni prima che partano i lavori. Ma allora è proprio vero che ci prendono per deficienti (brutta amministrazione) cercando di prendere tempo per finire la sindacatura di Orlando!

    Dice l’assessore Giusto Catania – la novità è che questa amministrazione sta facendo il nuovo cimitero”. Perché assessore Catania ci racconta queste “balle”. Comprendo che frequentando il sindaco Orlando si imparano i suoi metodi “democristiani”, però da un comunista come lei non è serio prendere in giro i cittadini. Il “nuovo” progetto del cimitero a Ciaculli non esiste o se esiste è ancora nella fase di progettazione. Nell’ipotesi più ottimistica passeranno, se il progetto verrà presentato e approvato, almeno altri 5-6 anni. Se Orlando tra 2 anni farà le valige da Palazzo delle Aquile, come può sostenere che ” l’amministrazione comunale sta facendo il cimitero”.

    I defunti palermitani desiderano esprimere il loro ringraziamento al Sindaco Leoluca Orlando ed all’Assessore Giusto Catania per l’interessamento fin qui dimostrato dall’Amministrazione Comunale alle problematiche cimiteriali della città di Palermo.

    ….. riprendo la parola per chiedere al sindaco Orlando: perchè non vengono ripresi i terreni limitrofi al cimitero dei Rotoli facenti parte della proprietà della “Chimica Arenella” e occupati abusivamente? in modo da fare un allargamento del cimitero stesso? è una cosa molto difficile o non è il caso di provarci visto i personaggi che li detengono?

    Uhhhh che paura, i morti parlanti.
    Ora anche i morti votano Orlando.

    Caro Sasà, la risposta è la seconda. Orlando ci tiene a non scontentare i suoi elettori.

    Non capisco l’ultima frase dell’assessore: “la novità è che questa amministrazione sta facendo il nuovo cimitero”. Dove lo sta facendo? Sul Monte Cuccio? Perchè nessuno se n’è accorto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *