Coime, i sindacati edili: "Minimi salariali non riconosciuti agli operai" - Live Sicilia

Coime, i sindacati edili: “Minimi salariali non riconosciuti agli operai”

Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil incalzano l'amministrazione comunale
PALERMO
di
0 Commenti Condividi

PALERMO – Un operaio del Coime di primo livello, e sono la grande maggioranza, ogni mese perde 226 euro lorde perché il Comune non applica la base oraria vigente, che dal primo marzo 2022 è di 9,83 euro, ma paga i suoi edili 8,70 euro all’ora.   

Dal 2015 i sindacati chiedono il riconoscimento dei minimi salariali del comparto dell’edilizia per gli edili che operano nelle pubbliche amministrazioni. Una vertenza storica, avviata ai tempi della precedente amministrazione, per chiedere l’adeguamento dei livelli contrattuali e delle spettanze per il Coime, la squadra di edili del Comune di Palermo, oggi composta da 400 operai.  

Feneal, Filca e Fillea l’11 ottobre scorso hanno inoltrato una richiesta d’incontro alla nuova amministrazione comunale.  Senza avere mai ricevuto risposta né dal sindaco Roberto Lagalla, né dal vice sindaco carolina varchi né dall’assessore per i rapporti col Coime Aristide Tamajo. Ad oggi sono ancora pendenti le cause fatte da 15 operai al Comune, vinte in primo grado e perse in appello, e si attende l’esito in Cassazione.

“A distanza di due mesi dalla nostra lettera non abbiamo avuto ancora una riposta – dichiarano i segretari generali di Fillea Cgil Palermo Piero Ceraulo, Filca Cisl Palermo Trapani Francesco Danese e Feneal Uil Sicilia Palermo Pasquale De Vardo – Oggi abbiamo rinviato una nuova lettera per ribadire al Comune che se entro  una settimana non otterremo una convocazione,  il 16 dicembre ci autoconvocheremo con le maestranze Coime in  sala delle Lapidi e  chiederemo all’amministrazione  comunale  e ai consiglieri di maggioranza e dell’opposizione di partecipare”.

“E’ inammissibile – aggiungono Ceraulo, Danese e De Vardo – che una pubblica amministrazione non rispetti l’applicazione di un contratto collettivo nazionale per i propri dipendenti quando lo stesso Comune, in qualità di stazione appaltante, deve fare rispettare, come prevede il codice degli appalti, il contratto collettivo di riferimento, previa l’esclusione dalle gare. La vertenza Coime è ormai una questione di applicazione di diritti contrattuali, né più né meno. Questo è quello che chiediamo”.

Fillea, Filca e Feneal ritengono che la sentenza, che riguarda un riconoscimento della parte salariale in cui vengono chiesti gli arretrati economici, sia sempre stata usata “come pretesto dall’amministrazione per trincerarsi dietro i tempi processuali e non dirimere la controversia”.  “Rispettiamo l’esigenza di aspettare la conclusione dell’iter processuale – aggiungono Ceraulo, Danese e De Vardo  – ma nulla obbliga il  Comune a  non applicare i minimi salariali e nessuna sentenza esiste in tal senso.  Ribadiamo che sin da subito agli edili del Coime deve essere applicata la paga base in questo momento in vigore”.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *