"Col Pd il dialogo tornerà | Parlo anche con le opposizioni" - Live Sicilia

“Col Pd il dialogo tornerà | Parlo anche con le opposizioni”

Il presidente della Regione, Rosario Crocetta

Il presidente della Regione rassicura sui rapporti coi democratici: "Non possiamo governare per cinque anni in conflitto con il mondo intero. Renzi? Tra qualche giorno ufficializzerò la mia preferenza per la segreteria". Poi sulla vita privata: "Sono single, ma ai tempi in cui 'beltà splendea nei tuoi occhi…'".

 

Il governatore a 'Un giorno da pecora'
di
4 Commenti Condividi

PALERMO – Il presidente della Regione Rosario Crocetta torna ancora sulla questione ‘Primarie’ e sulle larghe intese. Non chiamatelo governatore, “sa troppo di potere delegato”, mentre ‘presidente’ rende di più l’idea di democrazia che vuole incarnare. Ospite sta volta a ‘Un giorno da pecora’, programma di Radio2, il presidente siciliano chiarisce ancora una volta che il suo è stato un governo di larghe intese fin dall’inizio. “Dalle urne non è uscita alcuna maggioranza parlamentare – spiega Crocetta – per questo io fin dall’inizio ho sempre dialogato con tutti. E d’altro canto – continua – penso che sia giusto che un presidente della Regione parli anche con le opposizioni”. Parole che servono la domanda su un piatto d’argento: “Non sembra – fanno notare a Crocetta – che ci sia un gran dialogo con il Partito democratico, è così?”. Ma il presidente siciliano è fiducioso. Con il Pd il dialogo “prima o poi tornerà. Non possiamo governare per cinque anni – continua – in conflitto con il mondo intero”.

Altra storia, però, sono le larghe intese nazionali. E il presidente Crocetta si schiera dalla parte di Angelino Alfano, “che dalla sua ha qualche ragione in più, rispetto ai ‘lealisti santancheiani’: quella di tenere in piedi il governo e lasciarlo fuori dalle questioni interne”. “Afano è un traditore?”, gli chiedono. “No, se non tradisce le sue idee”. Crocetta, invece, si dice assolutamente infedele. Non in politica, ma in amore. “Sono single – ammette il presidente – ma ai tempi in cui ‘beltà splendea nei tuoi occhi…'”.

Dopo una piccola parentesi personale, però, si torna a parlare di politica. Nessuna conferma del sostegno a Matteo Renzi che qualcuno ha ipotizzato in queste settimane, ma Crocetta non si sbilancia: “Il mio voto? Voglio tenerlo segreto. Accetterò questa domanda come exit poll. Non insistete – dice – , il Pd è già in fibrillazione, volete crearmi altri problemi?”. Poi ci ripensa: “Annuncerò chi sosterrò alle primarie per la segreteria nazionale tra qualche giorno”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    E’ infedele per natura, dice di se’ stesso, e allora si spiega tutto. Quello abituato a tradire, l’infedele appunto, e’ uno abituato a mentire, a raccontare balle, a nascondersi, a simulare e a negare…SI SPIEGA TUTTO , poveri noi , da un anno fa esattamente cio’ che ha detto, l’infedele !!!

    lui!!i non si esprime sulle primarie del segret.pd perché nessuno lo cerca e nessuno lo vuole.dopo le tante piazzate e i suoi tanti voltafaccia…chi si può fidare?tanto lui si muove per se stesso …

    MA PADRE PIO NON CI PUO’ AIUTARE E FARLO ELEGGERE VERAMENTE
    SEGRETARIO NAZIONALE DEL PD???

    E’ QUESTIONE DI VITA O DI MORTE PER FAME DI TANTI SICILIANI

    PER PIETA’ PORTATEVELO A ROMA

    CON CHI PARLA QUESTO QUA???

    CON LE OPPOSIZIONI??? … MA SE E’ CAPACE SOLO DI PARLARE CON SE’ STESSO

    COME LA STREGA DI BIANCANEVE DAVANTI ALLO SPECCHIO

    …e guai allo specchio se non gli risponde sempre “Il pù bravo sei tu! Il più bravo sei tu!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.