Discarica, Di Guardo si oppone |a ricorso presentato da Oikos - Live Sicilia

Discarica, Di Guardo si oppone |a ricorso presentato da Oikos

il sindaco, Nino Di Guardo, ha depositato al Tar di Catania l’opposizione al ricorso presentato dalla società che gestisce l'impianto, contro il decreto regionale che nel luglio scorso ha disposto la chiusura della discarica di Motta Sant'Anastasia.

Valanghe d'inverno
di
4 Commenti Condividi

CATANIA – L’amministrazione comunale di Misterbianco in prima fila nella lotta per la chiusura della discarica. Il comune etneo, in seguito alla deliberazione della giunta municipale guidata dal sindaco Nino Di Guardo ha depositato al Tar di Catania l’opposizione al ricorso presentato dall’OIKOS Spa contro il decreto regionale che nel luglio scorso ha disposto la chiusura della discarica posta in contrada Valanghe d’inverno a Motta S. Anastasia. “Abbiamo ritenuto importante – ha dichiarato il sindaco Nino Di Guardo – intervenire nel procedimento a sostegno del decreto di chiusura della Regione Siciliana che giudichiamo legittimo e rispettoso delle leggi oltre ad essere indispensabile per evitare il perpetrarsi di abusi ambientali su un territorio martoriato da 30 anni, dove la mia comunità è certamente quella più colpita”.

Nei mesi scorsi la Regione Siciliana aveva avviato il procedimento amministrativo di revoca dell’autorizzazione dell’impianto di smaltimento posto in contrada Valanghe d’inverno a Motta S. Anastasia, ma a poche centinaia di metri del centro storico di Misterbianco, iter conclusosi a luglio con il decreto di chiusura dell’impianto. Una battaglia, quella per la chiusura, sostenuta dal sindaco Di Guardo e dai comitati civici “No Discarica” di Misterbianco e Motta S. Anastasia.

Contro tale provvedimento di chiusura, l’Oikos che gestisce l’impianto, aveva presentato ricorso chiedendo la sospensione del provvedimento e poi l’annullamento. Il comune etneo venuto a conoscenza dell’iniziativa legale notificata alla Regione Sicilia, ha ritenuto di costituirsi nel giudizio presentando un “ricorso ad opponendum” a difesa del provvedimento regionale. “Continueremo la battaglia a difesa dei nostri cittadini senza tregua alcuna – ha concluso il sindaco Di Guardo – finché l’impianto non sarà definitivamente chiuso.”


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    Sindaco, bravissimo ma pensa anche a sistemare le strade e alla manutenzione delle stesse., , soprattutto nelle” periferie”(poggio lupo, serra, ecc.grazie

    Il Sindaco di Motta Sant’anastasia non dice nulla non ci difende da questa munnizza.Alza la tassa della tasi e mantiene i silenzi.Tutti noi mottesi semu babbi da motta noi insieme a mia moglie diciamo basta e ci prepariamo a tornare al paese di Piedimonte Enteo li l’aria è’ sicuramente migliore per i miei figli

    BRAVO SINDACO SEI GRANDE!!!

    Di Guardo le ricordo che è stato deputato regionale e pure lei è causa dei suoi mali.
    Perciò la invito a fare il mia culpa e non faccia teatro, lo sa benissimo che questo è un settore da riformare, ma purtroppo la sua intelligenza e quella di un massaro.Da premettere che non ho nulla con gli agricoltori, ma il feudo misterbianchese non è interessato dalla vicenda in questione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.