"Con Borsellino ci fu |solo una stretta di mano" - Live Sicilia

“Con Borsellino ci fu |solo una stretta di mano”

Mancino parla alla trasmissione "Film Cronaca", su La7, e racconta dell'incontro avuto dal magistrato poco dopo il suo insediamento come ministro dell'Interno. Quanto alle telefonate con Napolitano, dice: "Non ricordo il contenuto".

Parla Mancino
di
4 Commenti Condividi

Una semplice stretta di mano. Nicola Mancino ricorda di aver incontrato Paolo Borsellino il primo luglio del 1992, il giorno del suo insediamento al Viminale. “Mi chiamó il capo della polizia Vincenzo Parisi e mi chiese se avevo nulla in contrario ad incontrare Borsellino, che io non conoscevo fisicamente. Borsellino venne e ci salutammo, così come ha raccontato il giudice Vittorio Aliquó” ha ammesso in diretta televisiva l’ex ministro dell’Interno intervistato da Enrico Mentana.

Su La7 è infatti andato in onda un inedito confronto tra lo stesso Mancino e l’ex guardasigilli Claudio Martelli. “Martelli dice un sacco di bugie” disse l’esponente Dc al consigliere giuridico del Quirinale Loris D’Ambrosio nel marzo scorso, temendo di finire indagato nell’inchiesta dei magistrati palermitani sulla Trattativa Stato-mafia. “Dire che fu trattativa è riduttivo – ha detto Martelli -la trattativa non fu l’eccezione ma la regola nei rapporti Stato – mafia”.

Come era già successo negli interrogatori davanti ai pm, l’ex guardasigilli è entrato in contrasto con Mancino riguardo la sostituzione di Vincenzo Scotti al Viminale: “Martelli fu sostituito per la sua intransigenza contro Cosa Nostra” ha detto l’ex numero due di Bettino Craxi. Mancino, a sua volta, ha sottolineato che a sua volta ha combattuto la mafia cercando di portare a compimento il maxi processo. Durante il programma Mentana ha ovviamente posto l’attenzione anche su quelle due telefonate tra Mancino e Giorgio Napolitano, intercettate dalla procura di Palermo e mai trascritte perché non rilevanti, che sono alla base dell’azione del Quirinale: nelle scorse ore il Colle ha infatti sollevato un conflitto d’attribuzione davanti la Corte Costituzionale nei confronti della procura di Palermo, sostenendo che intercettare quelle chiamate fosse lesivo delle prerogative del presidente della Repubblica.

“Le due telefonate con Napolitano? Non ne ricordo il contenuto” ha detto Mancino nonostante da quelle chiamate siano trascorsi solo pochi mesi. “Leggendo la sentenza Tagliavia della procura di Firenze – ha aggiunto Mancino cercando di spiegare i suoi contatti con il Colle – ho visto che c’era una ricostruzione fantasiosa di quei fatti. Dicevano ci fosse stato coordinamento tra le indagini di Caltanissetta, Firenze e Palermo, ma io non ritengo ci sia stato questo coordinamento. Ecco perché ho scritto a Napolitano”. Mancino è indagato per falsa testimonianza dalla procura di Palermo dopo la sua deposizione del 24 febbraio scorso.

 

 

 

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    solo una stretta di mano? e magari di troppo fu.

    Una stretta di mano???Come no, e magari anche due “timpuliate” affettuose.
    Ma vi rendete conto che Mancino prende in giro (uso questo termine, eh?!) tutti noi?
    Esaminiamo punto per punto:
    -ha combattuto la mafia cercando di portare a compimento il maxi processo: lui???Era Lui il giudice????
    -“Le due telefonate con Napolitano? Non ne ricordo il contenuto”: cioè, ha parlato con il presidente della repubblica di curtigghi, non di cose importanti. Uno chiama il presidente della repubblica così, tanto per!!!
    -“Leggendo la sentenza Tagliavia della procura di Firenze ho visto che c’era una ricostruzione fantasiosa di quei fatti. Dicevano ci fosse stato coordinamento tra le indagini di Caltanissetta, Firenze e Palermo, ma io non ritengo ci sia stato questo coordinamento. Ecco perché ho scritto a Napolitano”. Ah, ora il contenuti dei contatti con Napolitano se li ricorda!!!!E sopratutto lui, grande esperto giuridico ed ex magistrato (???) ritiene che il coordinamento tra le procure non cìè stato!!Forse perchè la procura di Palermo lo ritiene coinvolto e lo ha indagato (per poi rinviarlo a giudizio)? Probabilmente, se non era indagato, vi sarebbe stato un coordinamento grande così!!!!
    Ma questa gente lo ha capito o no, che vogliamo la verità???!!!!

    IL coordinamento fra procure in questo caso è una cosa che somiglia molto ad altro … in quanto le tre procure hanno indagato ciascuna in un ambito ben preciso, ambito delimitato e previsto dalla Legge, l’ha detto a caratteri cubitali il Procuratore Nazionale Antimafia.ora se un privato cittadino abbia più competenze del procuratore Nazionale (l’unico che potrebbe conoscere l’andamento delle indagini) io sono Einstein. e domani scriverò a Zichichi…per farmi attribuire un nobel..

    Fantasie e Folklore dei giudici….
    Pazienza

    Ma visto che non ricorda il contenuto che male c’e ad ascoltarle.
    Non capisco perche sugli altri si è per la trasparenza e invece qui come si è?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *