Come Crocetta aggira la legge | per favorire un suo caro amico - Live Sicilia

Come Crocetta aggira la legge | per favorire un suo caro amico

Due giorni prima della nomina in Ircac, Ben-Abdelaali è inserito nello staff di Lantieri. La mossa impedirà all'Ars di valutare i titoli.

I fedelissimi del presidente
di
27 Commenti Condividi

PALERMO – E’ solo l’ultima furbata. L’ultimo escamotage per proteggere i propri fedelissimi. Rosario Crocetta è scatenato: da giorni piazza fedelissimi ovunque. Conferma, promuove, nomina senza sosta. Anche a costo di forzare la mano. L’ultima trovata del presidente riguarda la nomina del nuovo presidente dell’Ircac, Sami Ben-Abdelaali.

La storia è tutta nella delibera di conferimento dell’incarico. Il consulente tunisino (ma di nazionalità italiana) del presidente della Regione, infatti, appena due giorni prima della nomina in giunta al vertice di uno degli enti regionali più importanti, è stato nominato Capo di gabinetto vicario dell’assessore alle Autonomie locali Luisa Lantieri.

Il motivo? Un suggerimento è fornito dalla stessa delibera di giunta, che curiosamente fa riferimento a un parere dell’Ufficio legislativo e legale secondo cui “il personale esterno all’Amministrazione regionale, assunto presso Uffici di diretta collaborazione con qualifiche dirigenziali, per tutto il tempo della permanenza negli incarichi conferiti, riveste il ruolo di dirigente regionale”. Cosa significa? Semplice: che durante la permanenza in uno degli uffici di gabinetto regionali, il consulente di Crocetta è equiparato a un dirigente “interno” della Regione.

Con un vantaggio evidente: la nomina degli esterni a capo di enti regionali, infatti, prevede un successivo vaglio da parte dell’Assemblea regionale siciliana. In particolare, è la Commissione affari istituzionali ad avere il compito di verificare, soprattutto, la congruenza tra i titoli in possesso del nominato e l’incarico che quest’ultimo dovrà ricoprire.

La “mossa” di Crocetta, avvenuta appena 48 ore prima della nomina di Ben Abdelaali a capo dell’Ircac, è quindi quantomeno “curiosa”. E avrà come conseguenza quella di sottrarre all’Assemblea regionale siciliana uno dei compiti che le spettano: quello, cioè, di controllo sulle nomine esterne del governo. Una mossa sospetta due volte: perché infatti un governo sicuro della fondatezza di quella nomina e dei titoli che l’hanno giustificata, dovrebbe “temere” il vaglio previsto dal nostro Statuto? E infatti c’è già malumore tra gli alleati del presidente, espressi, tra gli altri, proprio dal presidente dei quella prima commissione che avrebbe dovuto vagliare i titoli: “A noi spetta la verifica dei titoli degli esterni. Ma da questa verifica sono esclusi i casi di chi è stato assunto come dirigente negli uffici di gabinetto. Il nostro movimento Sicilia Futura – dice infatti il presidente Salvatore Cascio – è stanco di questo modus operandi del governatore. Al di là della singola nomina, infatti, non è possibile continuare a procedere in questo modo. Stiamo valutando – aggiunge – se prendere o meno le distanze da Crocetta”.

Dalla Regione, intanto, confermano che la nomina di Sami Ben-Abdelaali è passata attraverso una attenta verifica dei requisiti. Allegati alla stessa delibera di nomina all’Ircac giunta il 15 marzo 2017. Il primo dei titoli è proprio quello più sospetto e porta la data del 13 marzo 2017, due giorni prima: “Capo di gabinetto vicario, assessorato regionale Autonomie locali e funzione pubblico”. Un incarico che consente, come detto, di aggirare il controllo dell’Ars sui titoli, ma che a sua volta, per essere ricoperto, ha bisogno che il nominato possegga altri requisiti nel curriculum.

E lo spiega chiaramente lo stesso Ufficio legislativo e legale con un parere del 2013. Per ricoprire incarichi dirigenziali negli uffici di gabinetto, infatti, non basta la laurea. Ma a questa vanno aggiunti “una comprovata qualificazione professionale”, lo svolgimento di “funzioni dirigenziali per almeno un quinquennio in organismi ed enti pubblici o privati ovvero aziende pubbliche o private” o ancora una “specializzazione professionale, culturale e scientifica desumibile dalla formazione universitaria e post-universitaria, da pubblicazioni scientifiche e da concrete esperienze di lavoro maturate per almeno un quinquennio o che provengano dai settori della ricerca, della docenza universitaria, delle magistrature e dei ruoli di avvocati e procuratori dello Stato”.

Titoli che sarebbero stati verificati tra quelli elencati nel curriculum del consulente-gabinettista-amministratore. Compreso una serie di incarichi nella società “Sicily by car” di Tommaso Dragotto (direttore generale per un anno, presidente del cda per un mese, consigliere di amministrazione per un altro anno). E poi, ecco gli incarichi di consulente del presidente della Regione per due anni e mezzo, componente del Tavolo interistituzionale del Piano nazionale d’azione contro il razzismo, componente dell’Ufficio di gabinetto dell’allora assessore all’Agricoltura Dario Cartabellotta, funzionario direttivo del Consolato generale della Tunisia a Palermo per dieci anni, e poi incarichi di consulenza e quello di Senatore nella Tunisia dell’allora dittatore Ben Alì. Quanto basta, per Crocetta e l’assessore Lantieri, per nominarlo presidente di Ircac e, prima ancora, capo di gabinetto vicario. Una mossa, voluta o casuale, che ha comunque tolto all’Assemblea regionale la possibilità di verificare quei titoli. L’ultimo “regalo” del presidente a uno dei suoi fedelissimi.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

27 Commenti Condividi

Commenti

    Gli esterni nei gabinetti vengono equiparati economicamente ai dirigenti regionali, se inquadrati all’Ufficio di gabinetto come dirigenti, ma restano dirigenti esterni!
    Il curriculum non serve, uno solo è il requisito.

    Non è il primo caso, in altri enti e/ o partecipate delle Regione Sicilia sono tutti in possesso dei titoli e requisiti richiesti per potere occupare il posto di Presidente dei vari consigli di amministrazione o farne parte? il requisito principale essere fedelissimo del “rivoluzionario” di Gela.

    UNA CURIOSITA’
    Nel dialetto siciliano la “cosca” è la parte più interna e nascosta del carciofo.
    E che c’entra? No, niente. Pensavo alla cena.

    ” il personale ESTERNO all’Amministrazione regionale, assunto presso Uffici di diretta collaborazione con qualifiche dirigenziali, per tutto il tempo della permanenza negli incarichi conferiti, riveste il ruolo di dirigente regionale”.

    Sempre ESTERNO rimane, cioè non inserito nei ruoli nominativi regionali, anche se riveste il ruolo di dirigente regionale.

    Ebbene vero! Applausi a Crocetta e a chi lo ha tenuto e lo tiene ancora lì. Sono schifata, vergognata, nausea e annichilita da cotanta sfacciataggine.

    Purtroppo queste sono le regole. Si potrebbero cambiare però così non si aggirano più “gli ostacoli”.

    Ma quali carciofi sino ad ora solo cavoli amari

    Vergogna!

    Siamo alle comiche finali.Ma a parte voi nessuno parla?

    LO SPOIL SYSTEM CONSENTIRA’, AL PROSSIMO GIRO, DI CACCIARLI TUTTI !!!CORAGGIO CHE GIA’ CI SIAMO!!! LA LIBERAZIONE E’ VICINA !!!!

    Puo’ aggirare tutte le leggi che vuole e dare inacrichi a chiunque.Ma non potra’ aggirare la legge delle urne.Ormai e’ finalmente alla fine

    mi piace sottolineare che il “raggiro” significa uno stipendio da dirigente e un’indennità da presidente, per cui non é solo creare una condizione “legale” ma soprattutto economica.

    Alla faccia della legalità.

    Gli amici del cuore vanno aiutati

    Evidentemente per gli amici di politica le risorse sono illimitate così come gli espedienti,
    Ma possibile che in questo modus operandi nessuno ci abbia ancora visto qualche anomalia ?
    Già, dimenticavo, lui impersona l’antimafia !! Allora sicuramente è giusto ….. !!

    Già solo per quanto riguarda l’economico, restano esterni all’amministrazione regionale quindi devono passare dal vaglio dell’ARS. Ma visto la pochezza istituzionale di molti componenti il Parlamento siciliano dubito che capiscano quello di cui si parla…siamo piccoli uomini in un grande laghetto….

    Al livello di competenze, mia pare che il tunisino non sia un arca di scienza, potrei capire fosse un siciliano, il che equivarrebbe a portare voti, la nomina quindi farebbe parte della strategia da compagna elettorale….
    Quindi :escluso la competenza, escluso il portare voti, ma…. quale può essere il motivo per cui crocetta tenga “tanta”considerazione per il sami…?

    Ho la nausea.

    Ho visto un bellissimo film intitolato This must be the place, questo deve essere il posto….la Sicilia. Una bellissima canzone all’interno del film è suonata dai Piece of SHIT…la traduzione ve la risparmio.

    Quando governa la sinistra è una iattura.

    Terzimondisti. Eravate abituati a vedere i tunisini solo nelle spiagge d’estate. Oggi invece c’è gente molto preparata e la Tunisia ha fatto un balzo notevole in avanti e quindi mi sembra normale mandare cervelli catanesi a dirigere ad Harvad e qui prendere i Tunisini. Altrimenti come faremo a farci superare dal Burkina Faso?

    L’amore non ha confini ne barriere!

    Palermo Tunisi…solo andata speriamo!

    Crocetta fa e disfa a suo piacimento,d’accordo,ma gli alleati cosa fanno?Tutti si lamentano e fanno gli schifati,però di contro continuano a restare incollati alle poltrone.Il Faraone,ad esempio,cosa ne pensa? E’ strano che da qualche mesetto se ne stia zitto e tranquillo.Che stia sbocciando un nuovo “amore”?

    poi ci chiediamo perchè le banche in italia falliscono?

    Per costoro le case regionali sono sempre piene. Per trasferire i soldi a province e comuni invece non abbiamo un euro. dovete provare solo vergogna. anche il popolo siciliano che prono a 90 gradi vi continua a mantenere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.