Dalle trame al dimenticatoio | L'Irsap è ancora senza vertici - Live Sicilia

Dalle trame al dimenticatoio | L’Irsap è ancora senza vertici

Dall'addio della Brandara 18 mesi fa l'Istituto è senza un commissario con pieni poteri.

Aree industriali
di
5 Commenti Condividi

Già, l’Irsap, e chi ci pensava più? In settimana Claudio Fava ha chiesto al governo regionale di dire una parola su Maria Grazia Brandara, già alter ego dell’ex assessore di Crocetta Mariella Lo Bello, già commissaria dell’Irsap, già, e anzi, ancora, al vertice di Ias, società siracusana che si occupa di depurazione e di cui l’Irsap è socio di maggioranza. Brandara, attualmente sindaco di Naro (Agrigento), è indagata nell’inchiesta nissena che ruota attorno ad Antonello Montante e recentemente è stata rinviata a giudizio per un’altra vicenda (l’accusa è di inquinamento ambientale).

Secondo Fava non dovrebbe restare al suo posto. La Regione, ha detto il deputato e presidente dell’Antimafia, se non può esautorarla può almeno esercitare un’azione di moral suasion attraverso l’Irsap per farle fare un passo indietro. Fava a sostegno della sua richiesta ha richiamato dei passi della sentenza di condanna di Montante in cui si fa riferimento alle manovre per influenzare l’Ias. Al di là del merito della richiesta di impallinare la politica agrigentina perché indagata, l’interpellanza di Fava fa riaffiorare nel dibattito pubblico l’Irsap, il dimenticato istituto regionale che ha preso il posto dei vecchi consorzi Asi. Un pezzo quanto mai strategico per le politiche regionali sullo sviluppo e le attività produttive. Tanto strategico da essere rimasto sostanzialmente acefalo dai tempi della Brandara.

L’Istituto regionale per lo sviluppo delle attività produttive nacque ai tempi dei governi di Lombardo. La riforma portò la firma dell’allora assessore Marco Venturi, esponente confindustriale nisseno ai tempi molto vicino a Montante di cui poi divenne il principale accusatore. La riforma mise ordine nel ginepraio dei consorzi Asi che gestivano le zone industriali ma sin da subito l’Irsap divenne terreno di scontro politico. E il suo destino fu strettamente legato alle vicende dell’assessorato regionale alle Attività produttive, per anni guidato da esponenti confindustriali (Venturi e Vancheri) o in qualche misura vicini ai vertici di Confindustria (Mariella Lo Bello) come in seguito si apprese. Prima ci furono gli scontri tra Lombardo e Venturi (e arrivò la nomina di Luciana Giammanco, che rimase per poco), poi la stagione di Crocetta con la nomina a commissario di Alfonso Cicero, un ritorno, contestata dagli avversari politici, con una lunga bagarre anche all’Ars che sfociò in una mozione di censura all’allora assessore regionale Linda Vancheri. Infine, dopo la rottura tra Cicero e Crocetta e Confindustria, che portò alle denunce dell’ex commissario, centrali con quelle di Venturi nella vicenda giudiziaria di Montante (in quelle carte di Irsap si parla), cominciò l’era di Maria Grazia Brandara, prima come commissario ad acta e poi come commissario straordinario. Fino alle sue dimissioni quando fu nominata commissario a Licata..

Nello Dipasquale

Arrivava la stagione del governo Musumeci. Che per l’Irsap un nome lo scelse. Ma non fu una scelta felicissima, visto che finì in un cul de sac. La giunta individuò Giovanni Occhipinti, nome pescato nel Ragusano, politicamente vicino a Diventerà Bellissima. Ma subito, l’ex sindaco di Ragusa e parlamentare d’opposizione Nello Dipasquale (Pd) contestò la scelta. Sostenendo che mancassero i requisiti richiesti nel curriculum del designato. Eravamo nel settembre del 2018 e la situazione si incartò subito. Dipasquale scrisse agli esponenti del governo, all’antimafia e a una serie di procure mettendo in guardia sui rischi che si correvano sotto un profilo giuridico nell’avallare la nomina sulla base di quanto dichiarato nel curriculum da Occhipinti. Nelle more della definizione delle procedure di nomina, il governo nominò un commissario che momentaneamente si occupasse dell’ente fino all’insediamento di Occhipinti. Si scelse Giovanni Perino, funzionario regionale, che già a giungo era arrivato all’Istituto come commissario ad acta. Lo si prorogò per tre mesi. Era l’ottobre del 2018 e si trattava appunto di una nomina provvisoria. Perino ancora lì sta. Quindici mesi dopo è sempre commissario ad acta “per il compimento degli atti indifferibili e di urgenza”, si legge nel decreto di nomina pubblicato sul sito dell’Irsap, datato 10 ottobre 2018. Di altri provvedimenti sul web non c’è traccia: “Le Funzioni (chissà perché in maiuscolo, ndr) di Commissario sono attualmente svolte dal Commissario ad Acta Dr. Giovanni Perino”, si legge nella scarna pagina del sito internet dell’Irsap alla voce “commissario straordinario”. Nessuno, a parte Dipasquale che sollevò la questione, pare ricordarsene più.

E dire, che nel frattempo, dalle parti dell’Irsap sono passate pratiche tutt’altro che ordinarie, non ultima la vicenda della privatizzazione di Sac, la società che gestisce lo scalo di Fontanarossa, di cui Irsap è uno dei soci. Non solo. Poco più di un mese fa, il commissario Perino incontrando il vicepresidente degli industriali siciliani Alessandro Albanese, concordò con lui sull’opportunità di creare un tavolo permanente a riforma dell’Istituto. Le criticità emerse in quell’incontro furono diverse, a partire dagli ex consorzi Asi tuttora in liquidazione a distanza di sette anni dall’avvio delle procedure. Chissà se prima di apparecchiare il famoso tavolo, l’Istituto sarà dotato di una governance non più provvisoria.

L’assessore alle Attività produttive Mimmo Turano sottolinea il buon lavoro svolto dal commissario Perino e fa sapere che la Regione è al lavoro per insediare il nuovo cda dell’Irsap, ora composto da tre membri. E anche sulla vicenda Brandara-Ias Turano annuncia novità: “Approvati i bilanci si nomineranno i nuovi vertici della società”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

5 Commenti Condividi

Commenti

    L’importante che l ‘uomo della legalità l’ha messa in liquidazione…..basta andare a Brancaccio e c’è una struttura che vale milioni di euro abbandonata. Perché? Non si sa….

    Viene da ridere a crepapelle quando si parla in Sicilia di un istituto per le attività produttive, cerchiamo di essere concreti quando si parla di simili istituzioni in Sicilia si parla esclusivamente di poltrone da affidare all amico di turno o al politico trombato per garantire una super retribuzione in maniera da fare contenti gli amici degli amici , reattasi di tutto tranne di attività produttive d altronde la Sicilia credo sia la primissima regione italiana addirittura europea come aziende che investono e rendono ricco il territorio l unica attività produttiva che effettivamente svolge l risaputo è quella di produrre poltrone quelle sì che sono produttive eccome se sono produttive

    bandara insostituibile le indagini lo dimostrano

    Intanto le quote IAS non sono dell’IRsap ma del Consorzio ASI di Siracusa. L’irsap continua a stare in vita solo in quanto stazione appaltante ( gare in varie zone industriali)Gli ex Consorzi ASI non gestiscono praticamente nulla ( strade, impianti di depurazione pubblica illuminazione) tutto è stato ceduto.L’irsap è un ente senza beni ( tranne l’aeroporto di catania scippato all’asi di Catania) Unici interessi aereo porto di Catania e spartizione incarichi per i lavori in itinere. Giace in terza commissione un disegno di legge già bello è pronto di riforma Dell’irsap ma non interessa a nessuno. L’ente ( inutile) va chiuso le competenze ai comuni il personale in un ruolo unico ad esaurimento…… ma la politica non è interessata a tutto questo meglio lasciare tutto com’è e continuare a “ mangiare”

    Così come continuano inspiegabilmente ad essere senza vértice il Policlinico di Palermo, quello di Catania e l’A.S.P. Di Agrigento…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *