De Canio: "Paghiamo tutto" | Mihajlovic "dispiaciuto" - Live Sicilia

De Canio: “Paghiamo tutto” | Mihajlovic “dispiaciuto”

L'analisi del match da parte dei due allenatori.

Il dopopartita
di
3 Commenti Condividi

GENOVA. Ora la classifica si fa ulteriormente complicata. Queste le parole di miete De Canio a fine match: “Paghiamo a carissimo prezzo ogni minimo errore. Purtroppo, a questo va aggiunto il fatto che non riusciamo mai a giocare col gruppo al completo: lo dico non per cercare alibi ma perchè è una constatazione di fatto. Giocatori fuori ruolo? In questo momento, ognuno gioca dove è necessario. Io ho il mio metodo di lavoro ed il presidente lo vede: è lui stesso che può giudicare. Certo è che paghiamo un prezzo altissimo a livello psicologico”.

Il tecnico dei blucerchiati, Sinisa Mihajlovic, è ovviamente raggiante: “Abbiamo lavorato per riuscire a tirarci fuori dalla zona retrocessione. Abbiamo lavorato anche sulla testa, sull’elemento psicologico: ma non abbiamo fatto ancora nulla. La partita col Catania? Quello che dico ai miei ragazzi è sempre di non sbagliare atteggiamento: possiamo sbagliare un passaggio o un gol, ma non l’atteggiamento. Ed anche oggi, abbiamo avuto l’atteggiamento giusto. Mi dispiace moltissimo per il Catania: spero che si salvi assieme a noi. Il presidente Pulvirenti fa bene ad andare avanti con De Canio”.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    De Canio non ha responsabilità,le lacune della squadra sono evidenti.

    sarebbe interessante il COMMENTO di ORAZIO, ma forse è troppo impegnato ad AMMIRARE la striscia positiva del Palermo.
    ORà, tranquillo, come nel catch: NOI in A, ci battiamo la mano, voi in B.

    siete ridicoli!!!!!!!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.