De Zerbi al bivio con l'Udinese| Tre punti per salvare la panchina - Live Sicilia

De Zerbi al bivio con l’Udinese| Tre punti per salvare la panchina

Una vittoria contro i bianconeri rilancerebbe le quotazioni dell'ex Foggia finito sotto la lente d'ingrandimento del patron Zamparini.

calcio - serie a
di
4 Commenti Condividi

PALERMO – In altri tempi, magari nei primissimi anni di gestione Zamparini in Sicilia, staremmo a parlare dell’ennesimo allenatore giovane e di belle speranze che dopo ottimi proclami, e magari qualche buono scampolo di gioco fatto intravedere, è stato costretto a sottostare alla dura legge del patron rosanero a fare le valigie in una sorta di rito di passaggio per la quasi totalità della categoria dei tecnici italiani. E invece Roberto De Zerbi dopo due ko consecutivi, rispettivamente con il pesante passivo di 4-1, con il suo Palermo farcito di giovani e falcidiato dagli infortuni è ancora in sella, magari non saldamente come due settimane fa, alla panchina siciliana.

I primi campanelli d’allarme di un amore in bilico fra l’ex tecnico del Foggia e il presidente friulano possono essere ricercati nelle recenti parole del numero uno di viale del Fante, che ha invitato il suo allenatore ad avere maggior coraggio anche quando il risultato è ampiamente compromesso come accaduto ad esempio con la Roma. Di contro Zamparini non ha sconfessato il credo calcistico della giovane guida rosanero, addebitando gli scarsi risultati ad un gruppo che non segue come si deve le indicazioni di De Zerbi.

A fare da spartiacque fra un percorso di crescita, o un’improvvisa scelta di prendere strade diverse, arriva dunque il match di giovedì sera contro l’Udinese che al ‘Barbera’ in passato ha dato più dolori che gioie ai rosanero (famosi il 5-1 del 2004 e il 7-0 del 2009, ndr). Gli effetti benefici di una vittoria, che in casa tarda ancora ad arrivare con ben quattro sconfitte consecutive record negativo dei rosa nella massima serie, o quantomeno un pari porterebbe infatti giovamento non solo al rapporto di stima reciproco esistente fra De Zerbi e Zamparini ma sopratutto ad un gruppo di giovani che, mai come quest’anno, necessita della calorosa spinta che solo il pubblico di Palermo è in grado di fornire.

Nemmeno a dirlo se invece dovesse arrivare la quinta sconfitta di fila al ‘Barbera’ per Il tecnico rosanero la sfida di Cagliari potrebbe non essere sufficiente per riportare il sereno in un gruppo che avrebbe perso uno scontro diretto per la salvezza contro diretta rivale. Ecco perché, nonostante un progetto tattico che tarda a mostrare i propri frutti, a Diamanti e soci serviranno tre punti a tutti i costi, pena il più che prevedibile secondo cambio in panchina in appena dieci giornate di campionato, sulla carta già meglio del campionato record della passata stagione con Iachini che lasciò i rosanero dopo quattordici giornate posto poi tornare in pieno girone di ritorno senza incidere.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    Non ci credo. Zamparini ha detto che De Zerbi resterà per almeno altri 4 – 5 anni!
    E se lo dice lui non ci sono dubbi.
    AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH

    Ma ci voleva molto a capirlo? Zamparini che dice di intendersi di calcio non ha afferrato un concetto così elementare? Un allenatore che finora ha allenato in serie C non può essere catapultato all’improvviso in serie A! Non ha alcuna esperienza e conoscenza della serie maggiore: chiunque abbia un minimo di conoscenza delle leggi del calcio lo aveva già intuito. Ma perchè lo ha ingaggiato?

    Intanto dall’affermazione dei 4-5 anni si capisce che i cinesi sono un’invenzione. Poi io non credo che lo esoneri, poichè vuole un allenatore che fa per filo e per segno ciò che vuole lui (schierare i più scarsi per perdere), per portare in porto il progetto B-paracadute, cosa che non gli è riuscita l’anno scorso. I “ribelli” eroi della salvezza infatti sono stati tutti cacciati invece di essere confermati.

    Lo ha ingaggiato per retrocedere. E’ solo una figura messa lì che deve tacere e fare la comparsa. Le formazioni, perdenti appositamente, le fa il friulano, per portare in porto il progetto B-paracadute. Io non credo che lo esoneri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *