Detenuto resta in carcere otto giorni in più: chiesto il risarcimento - Live Sicilia

Detenuto resta in carcere otto giorni in più: chiesto il risarcimento

La scarcerazione è avvenuta dopo la pronuncia da parte della magistratura
IL CASO
di
1 Commenti Condividi

PALERMO – Per divergenze interpretative sul dispositivo della sentenza emessa dalla seconda sezione penale del Tribunale di Palermo, che ne ordinava l’immediata scarcerazione, un 53enne romeno, Ioan Hurjui, residente a Montelepre, in provincia di Palermo, processato per maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale ai danni della moglie, è rimasto in carcere otto giorni in più del dovuto.

L’uomo è stato condannato a tre anni e mezzo di reclusione per i maltrattamenti e assolto per l’ipotesi di violenza sessuale. Il pm aveva invocato la condanna, per entrambe le imputazioni, a otto anni e tre mesi di carcere.

Recluso al “Pagliarelli”, il romeno non è stato scarcerato, se non dopo otto giorni dalla pronuncia della magistratura, e a seguito di un chiarimento interpretativo da parte del presidente del collegio giudicante, perché l’ordine di remissione in libertà è stato scritto nella parte relativa al capo d’imputazione per il quale è stato assolto.

Per il carcere, quindi, l’ospite doveva rimanere tale sulla base del fatto che era stato condannato per i maltrattamenti in famiglia. La situazione si è sbloccata a seguito del “pressing” operato dall’avvocato difensore, Antonino Rallo, del foro di Marsala, che adesso sta preparando la richiesta di risarcimento per ingiusta detenzione.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    E perchè no un sussidio a vita?Un rdc? Un posto di lavoro?Poveretto ha subito un’ingiustizia.Un premio ci vuole per questo “galantuomo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *