Di Maio: "Presto andrò a Corleone | Ma via il simbolo M5s agli eletti" - Live Sicilia

Di Maio: “Presto andrò a Corleone | Ma via il simbolo M5s agli eletti”

Il vicepremier a Palermo torna sul caso Pascucci: "Avviata la procedura di espulsione. Lo Stato non tratta con la mafia" FOTOGALLERY

Il caso scoppiato a due giorni dal voto
di
11 Commenti Condividi

PALERMO – “Presto sarò a Corleone ad incontrare i cittadini onesti. Non voglio generalizzare. Se lunedì ci sarà un solo eletto del consiglio comunale di Corleone io ritirerò il simbolo. Non posso rischiare che si pensi che il M5s sia appoggiato dalla mafia”. Lo ha detto Luigi Di Maio in visita i cantieri navali palermitani di Fincantieri incontrando i giornalisti prima del sopralluogo.

Il caso Corleone, scoppiato con la foto che ritirare il candidato sindaco M5s con un parente del boss Bernardo Provenzano, è il tema più caldo dopo che ieri Di Maio ha deciso di non partecipare al comizio conclusivo della campagna elettorale del candidato appoggiato dal Movimento. “Prima di essere il capo politico del Movimento Cinque Stelle – ha spiegato – io sono un ministro della Repubblica e non intendo far passare minimamente il dubbio che lo Stato possa andare d’accordo con la mafia. Quella foto comunica che il M5s è vicino al nipote di Provenzano. Poi – ha continuato – sarei dovuto essere sul palco con il candidato sindaco accostando così il Movimento a questa gente. Ho voluto tagliare questo cordone ombelicale”. Di Maio poi ha raccontato che è già stata avviata la procedura di espulsione del candidato Pascucci. “Dobbiamo solo – ha concluso – essere vicini alle famiglie delle vittime della mafia”.

Poi il ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro ha parlato della Sicilia ritornando sul tema delle strade, già oggetto della visita del ministro per le Infrastrutture Danilo Toninelli qualche giorno fa. “Qui – ha affermato – serve un commissario straordinario per le strade provinciali e per quelle statali. Le infrastrutture buone sono fondamentali. Mi aspetto che il presidente Musumeci invii al più presto la richiesta di nomina del commissario. I soldi ci sono. Dobbiamo dare subito i poteri necessari per realizzare le opere. Con i poteri ordinari non si risolve nulla”.

Il titolare del ministero del Lavoro si è anche occupato degli investimenti di Fincantieri per Palermo. Da anni nella città non si costruisce una nave e così Di Maio risponde così a chi glielo fa notare: “Io sono qui per dire al management di Fincantieri che le aziende di Stato nel Sud hanno sia funzione economica ma anche funzione sociale. Per questo gli investimenti nelle aree con più alta disoccupazione devono aumentare”.

Infine, la prossima legge di Bilancio. Nessun ridimensionamento per il reddito di cittadinanza e per “quota cento”. “Siamo arrivati qui – ha detto Luigi Di Maio – per cambiare tutto. Se ridimensionassimo le misure avremmo perso 5 mesi di tempo”. Il leader pentastellato parla della disponibilità al dialogo con l’Unione Europea. Una disponibilità però a far crescere i tagli alla spesa e alla vendita degli immobili inutili”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

11 Commenti Condividi

Commenti

    Ridicolo … semplicemente ridicolo.

    È stato un “errore” la foto!

    un segnale di intransigenza di un Ministro della Repubblica che possiede il suo valore intrinseco.
    Gli effetti della condotta del ministro sulla persona e sui familiari specialmente se la persona interessata non e’ coinvolta con i mafiosi pur avendo la disgrazia di essere parente di uno di essi sono tutti a loro carico.
    Il mio pensiero va alla figlia, giovane coinvolta in un evento traumatico e doloroso che
    si ritrova ad essere suo malgrado “macchiata”.
    IO penso che il cittadino deve ripudiare le mafie con la condotta, con il comportamento, esercitando la propria esistenza alla luce della Costituzione, del Vangelo, della Legge, onorando cosi’ la memoria dei martiri caduti per impedire alle mafie l’annientamento della democrazia nel nostro Paese.
    In un paese e’ facile essere parenti dei mafiosi ma questo non deve gettare una luce sinistra sul parente senza valutare la condotta esistenziale della persona.
    Spero non me ne voglia il mInistro di Maio che apprezzo per la adozione di una misura, il reddito di cittadinanza che ritengo provvidenziale per la promozione della persona esclusa, emarginata, vittima del sottosviluppo del sud, fattore facilitante per lo sviluppo delle mafie.

    In pochi mesi Di Maio e Salvini vi siete nangiati la ricchezza degli Italiani. Andate a lavorareeeeeeeeee.

    Di Maio, ma dove li hai questi soldi? Batti moneta nelle ore serali.

    ma il nipote di provenzano è indagato/incriminato/condannato per mafia o altri reati?

    Non appoggiano il candidato perchè amico del nipote di Provenzano.
    Peccato che il nipote di Provenzano è incensurato, invece di fare retorica, fate una legge per la pena di morte per coloro che hanno la sfortuna di avere un parente delinquente.

    Altro commissariamento in vista per il comune di Corleone

    Una persona incensurata padre di famiglia , parente acquisito di Provenzano (marito della nipote), viene umiliato e deriso senza avere nessuna colpa.
    Di Maio vergognati, il tuo unico obiettivo è quello di fare propaganda per raggiungere i tuoi meri e squallidi scopi.

    Se passasse alla camera e al senato il reato di “Parente di Mafioso o crimini similari” andremmo tutti in galera e resterebbe forse solo Dio libero di girare.

    ma se hai tutti questi soldi da spendere per le strade siciliane spendili e non aspettare che nessuno ti chieda di nominare un commissario, ma nominalo assieme al tuo amico toninelli e sistema la viabilità siciliana!!!!!!!! con le parole passerà anche questo governo e ancora noi siciliani aspetteremo strade degne di questo nome

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *