Dirigente sanitario revocato| "Il manager paghi 161 mila euro" - Live Sicilia

Dirigente sanitario revocato| “Il manager paghi 161 mila euro”

Il Policlinico di Messina

Condannato Carmelo Caratozzolo, ex direttore generale del Policlinico di Messina

CORTE DEI CONTI
di
0 Commenti Condividi

PALERMO  – Una revoca che costa carissimo. I giudici della corte dei Conti, presieduti da Guido Carlino, hanno condannato Carmelo Caratozzolo, ex direttore generale del Policlinico di Messina a risarcire l’azienda ospedaliera con 161 mila euro per aver revocato senza giusta causa il mandato al direttore amministrativo Vincenzo Santoro prima della scadenza.

La nomina avvenne il 3 novembre del 2005 con scadenza il 13 settembre del 2007. Il primo gennaio del 2016 Caratozzolo con una delibera revocò l’incarico “per lesione del rapporto fiduciario – si legge nella sentenza – ascrivibile ad asseriti e gravi inadempimenti del Santoro”.

Contro questa decisione l’ex direttore amministrativo si è rivolto alla sezione lavoro del tribunale di Messina che ha ritenuto illegittima la revoca e disposto il risarcimento del danno. La sentenza è diventata irrevocabile e l’azienda sanitaria ha pagato il 29 marzo del 2018 la somma di 161 mila euro.

Il pm contabile “ha stigmatizzato il comportamento del convenuto, il quale ha revocato il predetto incarico sia in assenza di un sostanziale contraddittorio, sia con travisamento dei fatti, non potendosi rilevare nella condotta del Santoro né gli estremi della responsabilità dirigenziale, né quelli necessari per operare un recesso per giusta causa”. Per il procuratore della Corte dei Conti si trattava di danno erariale. Da qui la citazione in giudizio di Caratozzolo. La sentenza è di primo grado e può essere appellata. 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *