Dubbi sulla piscina della Sgarlata | Crocetta all'attacco, poi frena - Live Sicilia

Dubbi sulla piscina della Sgarlata | Crocetta all’attacco, poi frena

La piscina dell'assessore Sgarlata a Siracusa (Foto Antronio Condorelli)

Livesicilia vi mostra in esclusiva la piscina diventata un caso (Foto Antonio Condorelli). Nella relazione che ha portato alla sostituzione del sovrintendente Basile, dubbi sull'autorizzazione alla costruzione di una piscina nella villa dell'assessore. Che commenta: "Metodo Boffo contro di me". E gli ambientalisti la difendono. Crocetta: "Ha sbagliato. Io mi sarei già dimesso". Ma poi frena: "Ho applicato il metodo garantista, non significa affatto che l'assessore sia colpevole"

La piscina
di
98 Commenti Condividi

SIRACUSA – Un’altra tegola sul governo Crocetta. Stavolta al centro della polemica l’assessore al territorio Mariarita Sgarlata. La notizia, già raccontata nei giorni scorsi dagli organi di informazione siracusani, riguarda una piscina prefabbricata che l’assessore ha realizzato in una sua villa a Siracusa. Secondo gli ispettori del dipartimento dei Beni culturali su quei lavori e quelle autorizzazioni ci sarebbero delle ombre. Che hanno portato alla sospensione del sovrintendente Beatrice Basile, sostituita nei giorni scorsi con Calogero Rizzuto. La novità, raccontata oggi dai quotidiani, sta nell’invio in procura (i pm avevano aperto un fascicolo per un esposto) di tutte le carte da parte del presidente della Regione Rosario Crocetta. Che a Repubblica dice: “E’ ovvio che se i pm ravvisassero elementi per portare avanti un’inchiesta non potrei più esimermi dal rimuovere l’assessore. Ma io, fossi in lei, mi sarei già dimesso. Questo voglio che sia chiaro”. Poi, all’Ansa, aggiunge: “L’assessore ha peccato di leggerezza politica”.

Il governatore spiega di avere ricevuto la relazione due settimane fa e di avere convocato la stessa sera l’assessore che all’epoca in cui si riferiscono i fatti aveva la delega ai Beni culturali. “Mi ha detto che secondo lei non ha commesso irregolarità – afferma Crocetta -. Ma io non potevo agire altrimenti, per rispetto del popolo siciliano. In 40 anni di attività politica non ho mai costruito piscine né ho mai abitato in ville stile liberty”.

Parole che pare abbiano colto di sorpresa l’assessore, già responsabile dei Beni culturali, oggi al Territorio in quota Pd area Renzi. La Sgarlata si è già difesa dalle accuse in questi giorni, parlando di “metodo Boffo” ai suoi danni. “Nessun abuso è stato commesso”, ripete l’assessore, che parla di “castello maldestramente costruito su una piscina prefabbricata”. La relazione degli ispettori mette i riflettori su una “accelerazione ingiustificabile” nell’esame della pratica della Sgarlata e su una serie di altre presunte violazioni.

La relazione degli ispettori ha portato il dirigente Rino Giglione a sollevare la Basile, che già era apparsa la più in bilico tra tutti i sovrintendenti nominati dalla Sgarlata e “congelati” dall’assessorato ora guidato da Giusy Furnari. Che è espressione del Patto dei Moderati. Di cui fa parte Michele Cimino, il politico più vicino a Giglione. La sostituzione della Basile è stata oggetto di una guerra a Siracusa, con gli ambientalisti e altri esponenti politici che hanno fatto quadrato attorno alla sovrintendente, oggetto a loro dire di un attacco da parte dei cementificatori. Non solo, gli stessi ambientalisti avevano portato prima ancora gli atti in procura. “Le notizie calunniose relative alla costruzione di una piscina abusiva nella casa di mia proprietà – aveva scritto nei giorni scorsi la Sgarlata, inquadrando nel contesto di uno scontro tutto politico la vicenda della piscina – sono il frutto di un attacco di natura politica che inevitabilmente segna il momento finale di uno scontro che a Siracusa in questi anni ha visto protagonisti associazioni, cittadini a difesa della città e del suo inestimabile paesaggio da una parte e alcuni imprenditori, tesi a garantirsi porzioni di quel territorio per nuove edificazioni, dall’altra”.

Gli ambientalisti non ci stanno: “Il governatore Crocetta arriva tardi, le associazioni ambientaliste di Siracusa insieme ai Verdi e al “suo” Partito Democratico, hanno depositato un esposto alla Procura della Repubblica di Siracusa per richiedere gli accertamenti necessari su una vicenda che ha il sapore di una resa dei conti solo politica”, scrive il leader dei verdi di Siracusa, Giuseppe Patti.

“Nessun abuso è stato commesso, come è già stato accertato da un’ispezione del Corpo Forestale dello Stato, nella villa dell’assessore Sgarlata, solo un eccesso di zelo per alto senso del rispetto del paesaggio da parte dell’assessore, un’ingenuità da parte degli uffici, sono tutte opere edilizie non soggette ad alcuna autorizzazione, poichè temporanee ed amovibili in qualsiasi momento. Non si utilizzi il ‘Metodo Boffo’ per infangare un alto dirigente dell’amministrazione regionale, con ampi meriti a tutela e difesa del paesaggio e dell’ambiente”, aggiunge l’esponente dei Verdi.

Ma Crocetta non difende il suo assessore: “Un amministratore deve mantenere sobrietà anche perché altrimenti sottopone ad attacchi e polemiche l’intero governo. L’assessore Sgarlata sa come la penso perché l’ho convocata formalmente dopo avere ricevuto il dossier sulle presunte irregolarità che avrebbe commesso nella costruzione di una piscina nella sua villa. Non le avevo detto che avrei mandato gli atti alla Procura di Palermo, ma lo faccio sempre in questi casi e un assessore non è diverso dagli altri”,  dice all’Ansa il governatore.

“Ho ricevuto il dossier degli ispettori nella mia posta riservata e avrei potuto mantenere la segretezza – afferma Crocetta – ma per me il Palazzo deve essere trasparente, così ho trasmesso la documentazione ai magistrati per le loro valutazioni, spetta alla Procura stabilire se è stato commesso un reato. Sicuramente dal punto di vista politico l’assessore ha sbagliato e non penso come dice lei che sia vittima del ‘metodo Boffo'”. Il posto della Sgarlata è da tempo in bilico anche per ragioni politiche. Si è sempre fatto il suo nome nelle ipotesi di rimpasto come casella da liberare per l’ingresso di un altro esponente del Pd.

Aggiornamento 14:55“Sulla vicenda dell’assessore Sgarlata non permetterò strumentalizzazioni politiche, il governo ha le carte in regola”. Così all’Ansa il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, torna sul caso dell’assessore Mariarita Sgarlata, al centro di una inchiesta della Procura di Siracusa che indaga sulla costruzione di una piscina nella villa dell’esponente di governo, quando la stessa aveva la delega ai Beni culturali, poi consegnata al governatore al momento del rimpasto, e ricevendo la delega all’Ambiente. La questione è finita anche in una relazione degli ispettori dei Beni culturali consegnata al governatore Crocetta che ha l’ha inviata alla Procura di Palermo. “Trasmettendo gli atti alla Procura – afferma Crocetta – mi sono limitato a fare il mio dovere, impedendo che chiunque potesse speculare su questa vicenda e garantendo in questo modo l’onorabilità del governo e dello stesso assessore”. E aggiunge: “E’ evidente che questo da parte mia non significa alcun giudizio di responsabilità, in presenza di una procedura complessa dal punto amministrativo e rispetto a presunte infrazioni la cui valutazione spetta ai tecnici”.

“Nei confronti dell’assessore – precisa il presidente della Regione – ho applicato il metodo garantista che applico con tutti, e non significa affatto che l’assessore sia colpevole. Semplicemente, inviare gli atti ai magistrati contribuisce a fare un’operazione di verità”. Dimissioni assessore? “Non c’è alcun problema politico, in assenza al momento di infrazioni”.

La nota dell’assessore Sgarlata


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

98 Commenti Condividi

Commenti

    Come dice il saggio: il livello è basso, ma basso.

    Anvedi Saro di Gela, la Sgarlata per un presunto abuso di piscina avrebbe già dovuto dimettersi, mentre la Monterosso, Saruzzo dixit, con un danno accertato di oltre 1 milione di euro può (o deve?) stare tranquillamente al suo posto e la Corsello con un rinvio a giudizio per peculato e con tutto il danno fatto alla formazione assieme ai suoi collaboratori non è ancora sotto provvedimento disciplinare o di responsabilità dirigenziale. Mixxxia coerenza!!!!!!!

    Crocetta afferma “Ma io, fossi in lei, mi sarei già dimesso. Questo voglio che sia chiaro”.
    Lui che sta portando in rovina la Sicilia, non si è ancora dimesso. Da quale pulpito arriva la predica.

    L’esponente dei “Verdi”, che verde è pallido. pisello, oliva o altro?
    “temporanee ed amovibili in qualsiasi momento”, dice il “verde”.
    Stiamo parlando di una piscina sgonfiabile ???????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????

    non conosco l’assessore e politicamente sono lontano da lei anni luce.. ma ha tutta la mia solidarietà !!! con questa misura dovrebbero eliminare il cerchio magico

    La Sgarlata senza dubbio dovrebbe dimettersi, ma la Scilabra, se possibile, ancora di piu’!!!!!

    Il Presidente si sarebbe dimesso. E la Scilabra?

    Una piscina fuori terra per la scilabra….
    Avremmo risolto un serio problema.
    Affami la gente,sbagli tutto e resti al tuo posto..
    …fai una piscina fuori terra e ti devi dimettere….
    che ipocrisia….

    Crocetta, hai fatto di peggio, dimettiti anche tu!!!!!

    è veramente malato di mente, serve urgentemente curarlo ed interdirlo

    a mio modesto avviso si tratta di capire se il tipo di intervento è (o non è) soggetto ad autorizzazioni o comunicazioni.
    se i regolamenti per questo tipo di intervento non prescrivono di richiedere autorizzazioni allora stiamo parlando del NULLA…se così non è allora ci troviamo davanti ad un abuso con le conseguenze del caso….incluse le dimissioni.

    stiamo assistendo ad un attacco mafioso portato avanti dai soliti noti per rimuovere personaggi scomodi dai vertici della soprintendenza di sr….mi spiace che crocetta così attento all’antimafia, si sia fatto sfuggire di mano la situazione oltretutto facendosi pubblicità su qualcosa che non esiste. aspetto con ansia che la magistratura faccia il suo corso per scoprire chi si nasconde dietro gli autori di tanta porcheria, che hanno pure il coraggio di farsi chiamare moderati….

    Ha trovato utile mandando gli atti alla procura di far dimettere l’Assessore.
    Ha un altro posto libero in giunta, da poter comunque con la rotazione, di conservare per la Scilabra.

    Vox dei, vox populi è meglio che vada via l’intero governo regionale che in quasi due anni ha solo causato danni alla Sicilia diventata l’ultima Regione d’italia

    La montagna ha partorito il topolino …

    Ma tornatene a Gela o vai all’Euro Parlamento dove non potrai più combinare danni. Mi raccomando fatti accompagnare dalla Scilabra.

    se ci ho capito, da assessore ai beni culturali ha chiesto il nulla osta per una piscina prefabbricata e da assessore al territorio il corpo forestale che è alle dipendenze politiche dell’assessore al territorio, fa l’ispezione che accerta la mancanza di abusi, magari se diventa assessore alle infrastrutture ottiene il nulla osta del genio civile per le opere relative al solarium, e se passa alla formazione organizza i corsi di formazione per sub nella sua piscina. hai capito la sgarlata……

    “Ma io, fossi in lei, mi sarei già dimesso” questa è l’unica cosa sensata che sento dire a Crocetta da parecchi mesi a questa parte!!!

    Crocetta autore di operette da …tre soldi. Non hanno vergogna?

    crocetta si appella alla sobrietà dei politici.ma perchè lui crede di essere sobrio?mi facci il piacere.risolva la questione dei tanti contratti individuali da tempo firmati dai dirigenti del dipartimento beni culturali e non ancora registrati.la cordata furnari -giglione-cimino perchè non provvede alla registrazione dei contratti?ci sono forse interessi oscuri intorno alla registrazione dei contratti?

    Probabilmente serve quel posto di assessore per qualche altro segretario.

    un politico senza villa con piscina non si è mai visto.

    Eh, com’è vero che esistono figli e figliastri. Vero Rosario? L’avesse fatta Nelly la piscina, anche nel bel mezzo delle Latomie, non ci sarebbe stato nulla di male, perché si sarebbe sicuramente armonizzata col paesaggio, quindi senz’alcun pregiudizio.
    Evidentemente i rapporti con Montante si stanno deteriorando, e quindi…..
    Bravo Saro, avanti sempre così!

    Sgarlata: “Presidente, diciamocelo, il nostro governo fa acqua da tutte le parti!”
    Crocetta: “Acqua? … a proposito, ma tu ancora ce l’hai la piscina?”

    A saperlo che bastava una piscina fuori terra per farvi dimetere ve ne avremmo regalata una a testa.

    Ma Crocetta ci fa o è proprio così? Lui parla della Sgarlata e dice: “Al posto suo mi sarei già dimesso”.
    Diciamo che nel mondo (anche nel cosiddetto terzo mondo) al posto di Crocetta già si sarebbero dimessi 2 anni fa viste tutti i danni che sta facendo e che non ribadisco in quanto già ampiamente illustrati sopra.
    Ma si guarda allo specchio la mattina?

    lui abita direttamente negli alberghi degli amici 😛

    Verdi a convenienza.:)

    no serve per salvare il suo governo

    Crocetta si sarebbe dimesso così come si è dimessa la sua giovane essessora?
    Come mai a quella non ha chiesto le dimissioni dopo tutto il casino che ha combinato?
    Ma questo gelese capisce il senso delle parole che pronuncia?

    La Sicilia affonda ,imprese al collasso, lavoratori e cittadini alla canna del gas
    Crocetta dovrebbe essere li per trovare la soluzione ai problemi e invece non passa giorno che non si assista a barzellette e pantomime tutte ,ahimè, ai danni dei cittadini siciliani,escluso naturalmente ARS ovvero deputati, impiegati e varie dell’assemblea che vivono in un mondo tutto loro ,beccano stipendi corposissimi non risentono di crisi alcuna e se ne fottono altamente. La parola dignità in politica non esiste.
    P.S. visto che Cracolici scrive che trattasi di farsa cominciasse a dimettersi lui e i suoi sodali da deputato.

    Che triste figura, ma del resto da un esponente di questo governo (il minuscolo è d’obbligo) cosa aspettarsi. La Scilabra per far lavorare italia Lavoro, questa con le autorizzazioni, l’Assessore al Lavoro che vuole i privati al posto dei collocamenti, l’Assessora all’agricoltura che ha combinato quel che ha combinato con i forestali per poi silurare l’Ing. Di Rosa da comandante del Corpo Forestale, non parliamo di eolico, MUOS, autorizzazioni a 4 soldi per la ricerca del petrolio, petrolchimico di Gela, precariato, ecc. ecc. un governo peggio delle 7 piaghe d’Egitto tutte insieme (soprassiedo su grandi statisti come l’Assessora al turismo e se qualcuno sa dirmi se è stato nominato un assessore al bilancio che ad oggi non se ne ha notizia)!!!

    c’entra nulla la circolare della Lo Bello n. 2 del 31/01/2014 emanata in simbiosi con Crocetta e l’Ufficio Legale e l’Urbanistica e poi revocata dall’Ass.re Sgarlata subentrata per attirarsi le simpatie degli ambientalisti e dei grillini inviata ai Comuni e non alle Sovraintendenze che in virtu’ della revoca del 26 giugno 2014 sono rimaste ferme al punto di partenza anche se l’Ass.to ai Beni Culturali e Ambientali disponeva il contrario e cioè di adeguarsi al parere del CGA giusta la circolare n. 3 del marzo 2014? Credo ci sia una guerra aperta nella maggioranza gli uni contro gli altri senza tenere conto del bene che dobbiamo esprimere per questa nostra bella terra di Sicilia, VERGOGNA! che la magistratura faccia chiarezza….. c’è troppo marcio……. e la revoca della circolare la dice lunga anzi non dice nulla ma ha disorientato …… lasciando perplessi tutti gli enti preposti e noi siciliani…..

    Ma che sono sempre i contratti ad personam fatti non si sa perchè e sempre bocciati dal commissario dello stato di gente che senza concorso pubblico vuole diventare dipendente regionale? ma come dice Lei (con un italiano sgrammaticato che denota la levatura culturale di chi è coinvolto in questa vicenda) “mi facci il piacere”.

    Come no? la Sgarlata prima di diventare assessore…..opss non era un politico prima era solo l’amica di confindustria

    Chiedo anticipatamente scusa per la volgarità, ma certe espressioni non sono altrimenti sintetizzabili.

    Minchia ambientino che c’è alla regione.

    Bell’aria che tira tra i palazzi del potere siciliano.

    Indipendentemente da chi ha torto o ragione, se questi sono i soggetti con cui fare la rivoluzione, bene siamo messi.

    Comunicazione di servizio, gli uffici della procura si sono TEMPORANEAMENTE TRASFERITI DA PALAZZO DI GIUSTIZIA AL PALAZZO DEL PARLAMENTO UFFICIALMENTE PER VERIFICARE UN PAIO DI COSETTE.

    LA PROCURA HA COMUNICATO CHE SI TRATTERRA’ IL TEMPO STRETTAMENTE NECESSARIO ( 20 ANNI CIRCA).

    Certo questa difesa a spada tratta da parte dei Verdi….ma i Verdi chi? aspetta aspetta….i Verdi…..forse quelli che combattono gli abusi edilizi, il MUOS, le cattedrali nel deserto, le opere inutili, che preservano la flora e la fauna, che tutelano il territorio, che si prodigano contro gli incendi che contrastano le autorizzazioni alle trivellazioni alla ricerca del petrolio, che chiedono la bonifica dei poli industriali, che tutelano il mare, le riserve naturali, i beni paesaggistici architettonici e archeologici? Ma questi in Sicilia non si sono mai visti….. NO NO I VERDI CHE TUTELA NO LA SGARLATA PER IL RESTO CHI SE NE FREGA!! Che tristezza infinita

    Allora vorrei sapere se stiamo scherzando o no!!!!! CI HAI AFFAMATO a noi della Formazione e qui si parla di PISCINE????
    Hai costruito cosi la tua Fama caro Presidente, facendo denunce ed altro!!! HAI ROTTO!!!! CI STANNO SBATTENDO FUORI DAL LAVORO PER COLPA TUA E DI NELLINA!!!!!
    BASTAAAAAAAAAAA DIMETTITI!!!!

    Molti lavoratori sono allo stremo! Gli operatori ex sportelli stanno portando avanti lo sciopero della fame! Crocetta ci sei? Capisci cosa sta accadendo!?!?!!?

    Inutile parlarne e folle

    ….assicutatilu…!
    Oramai ‘u Prisirenti straviri … Un ci sta chiù ca’ testa…!!

    stiamo parlando di una vasca non interrata che riempi d’acqua, mica vi sono opere murarie o scavi.

    Ma quanto vengono pagati questi geni della regione per tentare di farsi le pulci a vicenda?

    per la cronaca la stessa vasca è presente sul lungomare dell’Addaura al lido LA MARSA.
    Ora, visto che tutti i lidi hanno avuto di recente le visite della capitaneria di porto e della sovrintendenza per la verifica sulle concessioni, che hanno eccepito su una piscina fuori terra?

    Assessore sgarlata, si sbaglia, non stanno applicando il metodo boffo, ma il metodo rimpasto di giunta stile crocetta

    Una piscina a 150 metri dal mare e tutto sto casino contro la Basile.
    Ma per favore.
    Ma allora chi ha autorizzato la costruzione di una mega villa di 300 metri quadri con discesa sulla spiaggia, a soli 20 metri dal mare, quasi sul bagnasciuga di Pantanello, ad Avola, provincia di Siracusa, sul lungomare Aldo Moro, a 50 metri dalla vecchia tonnara di Marevecchio i cui lavori sono iniziati lo scorso mese di giugno 2014.
    Possibile che tutti la vediamo e la Soprintendenza, la Capitaneria di Porto, l’ufficio provinciale del demanio, il comando dei carabinieri e dei vigili urbani di Avola, l’ufficio urbanistica e tutti gli organi annessi e connessi non ne sappiano proprio nulla ?
    Ma allora sì che si può costruire a 20 metri dal mare e sulla spiaggia. O no ?

    in ogni caso una piscina è sempre necessaria in ogni villa, ma leggo nell’articolo che non necessitava di alcuna autorizzazione, ma allora che era una di quelle piscine in gomma di cui 3/4 dell’acqua vanno fuori appena si gettano in essa i classici panzoni (??), sgarlata, potevi fare di meglio…………………

    In ogni caso, li pappagone o giufà di sicilia, crocetta, sta recitando la ennesima messa in scena nel suo stile, da buon opportunista, aveva architettato tutto, metodo boffo, per eliminare la sgarlata, poco avezza ai suoi ordini e molto più avezza a quelli del PD, quindi fondamentalmente scomoda ed imposta.

    La rimozione segue los tile delle deportazioni del personale, limitate, chirugiche, e dosate, effettuate a gennaio 2013, eliminazione nazista di soggetti inaffidabili e scomodi, e i giudici stanno a guardare, anzi a prendere il caffè con sariddu, per le cozze si sono già prenotati faraone, lumia, lo bello e fellandelli.

    Se vi levate tutti dalle balle vi regaliamo una piscina prefabbricata a testa.

    Comunicazione per
    il Sig. Presidente della Regione,
    il sig. Assessore, dr.ssa Sgarlata,
    La Sovrintendenza ai BB.CC.

    allego alla presente copia di una recente sentenza del TAR VENETO per una analoga vicenda su area vincolata dalla Sovrintendenza.

    http://venetoius.it/wp-content/uploads/2013/12/sentenza-TAR-Veneto-1394-del-2013-mot1.pdf

    Presidente della Regione, stia sereno, anche questa volta è stata scongiurata la possibilità che Lei abbia ragione.

    Mi domando quanta paga i Suoi mega collaboratori per farLe fare tutte ste figure di ………………….

    La Scilabra fa acqua da tutte le parti. Altro che piscina della Sgarlata…!!!

    Vedrete per trovare spazio ai cuperliani, fuori dalla giunta Stancheris e Sgarlata ( fuori dal cerchio magico ) IMPORTANTE non toccare Nelly Scilabra !

    Non bastano al Presidente i sondaggi per rendersi conto che la Sua popolarità e al minimo, ditegli di uscire in strada e vedrete quanti lo avvicineranno….

    Posso dire che della piscina della Sgarlata non me ne frega un emerito tubo?
    Questo è il peggiore moralismo allo stato puro. Che faccia l’assessore e che sia giudicata solo per questo. Poi se la piscina era abusiva che la demolisce. Ma chi se ne frega!!

    Dovrebbe indignarsi l’intero PD per i fatti avvenuti e le dichiarazioni di un Presidente che usa due pesi e due misure.

    Un Presidente che si circonda di uomini e donne oramai note ai più per incapacità manifesta.

    Speriamo che il Partito Democratico comprenda che è venuto il momento di salvarsi scaricando il traditore del cambiamento lasciandolo solo con il suo megafono.

    Siamo oltre le barzellette……………..non entro nel merito di questa vicenda della quale bisognerebbe leggere le carte, ma oramai è fuor di dubbio che crocetta è alla ricerca di qualunque “foglia di fico”, anche la più banale, per alzare polvere e nascondere la sua incapacità amministrativa e politica!

    come sempre e come usava fare l’altro unto dal Signore, ha ridimensionato e cambiato versione. L’assessoressa non si deve dimettere!
    Meglio una gita in barca!

    Premesso che è un governo scarsissimo fatto da squallidi e mediocri personaggi, tuttavia questo e’ evidente che a questa devono fare pagare e dimostrare un rigidità che con la Scilabra non c’è stata! Ormai crocetta e la sua corte dei miracoli ci ha abituati a questo! Ormai è una prassi

    vattinni a gela e nun turnari chiu’

    infatti si è già rimangiato tutto, lo ho detto che è malato.

    POVERA SICILIA, in che mani sei finita

    Secondo Crocetta, la Sgarlata dovrebbe dimettersi per una indagine in corso….i CONDANNATI, ad esempio, dalla corte dei conti per danno erariale invece no……mah: misteri gelesi…..

    forse le sfugge che non siamo in presenza di area vincolata ma all’interno di una fascia di rispetto (150 m) entro la quale vige l’inedificabilità assoluta e se autorizzazioni si rilasciano solo ed esclusivamente per cose provvisorie, limitate nel tempo e con il vincolo di rimessa in pristino dei luoghi (vedi lidi balneari).detto questo se il manufatto non ha bisogno di essere autorizzato, perchè quindi fare istanza? poi non mi pare si parli di locale tecnico ma di solarium, ma l’aspetto se mi consente più inquietante è quello legato ai 22 giorni dalla data dell’istanza al rilascio del nulla osta. posso pensare che tutto questo è fatto in barba all’ordine cronologico delle istanze, al diritto dei cittadini che non sono assessori di avere risposte alle loro istanze nei tempi giusti e congrui? per cui se il problema politico c’è o non c’è per crocetta, resta risibile perchè il vero problema politico resta crocetta nel suo complesso. Ma chi è fedele nel poco lo è nel molto, e non c’è dubbio che se i fatti sono questi la Sgarlata ha agito al pari del marchese del grillo, e questo personalmente mi da fastidio.

    Presidente Crocetta, mi domando dove ha trovato un assessore alle attività produttive cosi poco serio, che non sa che questa mattina doveva essere alla prefettura di Catania per parlare del problema Myrmex, da questo comportamento deduco che sicuramente al suo assessore non gli ne importa niente di 69 lavoratori che rischiano di essere licenziati ma Lei è come il suo assessore oppure c’è ?

    la domanda sorge spontanea……e se si fosse trattato di Nelli?

    Qui il problema comincia a farsi serio. La caccia agli untori é ormai aperta e si procede in i modi e con tutti i mezzi: il chiacchiericcio tra i corridoi, i fantomatici dossier, i sussurri di palazzo, il sensazionalismo dei paladini della legalitá, gli imbarazzi a comando del Governo ecc. ecc… Il buon Manzoni con la sua “Storia della colonna infame” e il buon Sciascia, per rimanere dalle nostre parti, nulla ci hanno insegnato. Egregio Sig. Presidente della Regione, come avrá constatato dalla lettura dei molti commenti che mi hanno preceduto, i suoi rituali, le sue “sirene a comando”, il suo disilluso “candore” non incantano piú nessuno! D’altra parte é stato fin troppo evidente il suo defilato e prolungato silenzio nei giorni caldi del “Piano Giovani”, quando la sua malcelata consapevolezza sugli “affari” delle partecipate, sugli incarichi plurimilionari a Italia Lavoro e Sviluppo Italia (per le quali la preventivata gestione dei servizi inhouse, si traduce sistematicamente in lauti affidamenti di consulenze esterne per foraggiare il parassitario habitat di sottogoverno) il disagio nel trovare giustificazioni plausibili per qualche amico l’hanno indotta a “ponderare” le cose…. fin quando quella bestia feroce e sfuggente della burocrazia, incarnata dalla superburocrate ferita nell’orgoglio ed emotivamente, direi quasi istintivamente, indotta a dire “tutta la veritá, nient’altro che la verità”, non le ha offerto la sponda per sbottare contro il nemico comune: la burocrazia, il male endemico che Lei, solo Lei e la sua cordata politica poteva schiacciare, come fa l’Immacolata Concezione col serpente tentatore. Credo che peró d’immacolato nella sua condotta ci sia ben poco o, peggio, niente. Abbia il coraggio di mandare tutti a casa rinnovando meritocraticamente tutto il suo establishment. Dia un segno tangibile della sua tanto celebrata “rivoluzione”, anche a costo di amplificare la sua giá larga platea di nemici, ma con la certezza di trovare consenso e apprezzamento nella Sicilia onesta e fiduciosa (sempre più disillusa). Altrimenti, come dice qualcuno del suo stesso rango, “ci tolga dall’imbarazzo”.

    Crocetta: “Ha sbagliato. Io mi sarei già dimesso.
    Prima fai dimettere l’assessore alla attività produttive D.ssa Linda Vancheri in quanto persona poco seria che non ricorda di mantenere un impegno preso con il prefetto di Catania, anzi non si è neanche preoccupata di comunicare al prefetto che oggi non sarebbe stata presente per un incontro presso la prefettura riguardo l’azienda Myrmex di catania.

    Entro i 150 metri dalla battigia non può essere autorizzato un bel niente ad uso privato. La cosa infatti grave ē l’affermazione della Sgarlata quando afferma che quel tipo di piscina non abbisogno di autorizzazione confondendo l’aspetto edilizio con quello paesaggistico. Grave che faccia l’assessore tecnici, grave che abbia avuto deleghe al territorio ed ai beni culturali. Che tecnico!

    per dissolvere tutti i dubbi, visto che è una cosetta da niente, basta scattare le foto e mostrarle!

    Crocetta vergogna continui ancora ad umiliarci come Partito, a quelli del Megafono non li vuoi toccati alla Sgarlata che è del PD la vuoi fare dimettere come hai fatto con la Corsello che aveva trovato una buona soluzione per noi della formazione. Vergognaaaaaaaaaaaaaa vai a casa anzi andate tutti a casaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

    E vabbè….poi si faranno una bella nuotata insieme nella piscina, un bel drink al tramonto, e tornerà tutto a posto.

    Come si vede dalla foto è movibile e può essere trasportata sul tetto di una Panda. Tanto clamore per nulla, io hai miei bambini ne monto una uguale ogni giorno al lido Il Pesciolino.

    Non è per nulla paragonabile il caso della questione veneta con quella sicula. Qui sussiste il divieto assoluto in quanto siamo all’interno dei 150 metri dalla battigia. E poi legga bene la piscina veneta si piega e si smonta a fine stagione mio caro roba da matto!

    Ci sono tante guerre. appare evidente che ognuno parteggia per i propri interessi. A me sembra che la ridente provincia di siracusa oggi stia mostrando di esprimere una classe dirigente viperina, velenosa, scorpionina. Anche la vicenda dello scandalo dei voti e la rivotazione ha la sua valenza e mostra l’acredine dei siracusani. Poi è chiaro che tutti gli assessori non eletti dal popolo saranno sempre oggetto di attenzioni particolari. Vedasi Zichichi, Battiato, Bianchi, Agnello, Scilabbra, Stancheris, Sgarlata ecc. ecc.La crisi è nei valori, la crisi è nell’aver persa la bussola della convivenza e del rispetto del bene comune. Chi ha da sparare qualche colpo lo farà volentieri pur di arrivare al proprio scopo. Infatti adesso mi aspetto che finirà sotto mira il dirigente artefice di tutto questo.

    ART 1 : il deputato con piscina e’ incandidabile

    sordo alle sirene, ti sbagli
    il livello non e’ basso, e’ nano come i mega collaboratori di crocetta. ( mega x compensi, mica x competenze, figuriamoci).

    lei non capisce la differenza fra interesse privato e quello pubblico.

    Art. 2 Assessore tecnico assimilato all’art 1

    Mi sembra assolutamente ridicolo quanto è dichiarato dal presidente Crocetta nei confronti dell’Assessore, al territorio poiché farebbe bene a rivedere tutta la sua giunta poiché il mestiere che il presidente interpretra e’ quello di portare a conoscenza della procura tutto e di più dimenticando ad esempio qualche sua protetta.
    Il presidente dovrebbe occuparsi dei veri bisogni dei Siciliani. Non credo che al momento sia prioritaria la piscina
    Dell’Assessore.
    Veda di fare cose per l’economia dell’isola
    Grazie per la gentile ospitalità

    Signori non c’è nessuna responsabilità politica è un problema gestionale e burocratico(si fa x stemperare)

    Ah, quella della foto non è sgonfiabile e nemmeno gonfiabile.
    È!

    Questo governo siciliano esiste solo per evitare di affrontare e risolvere i problemi dei siciliani e per fare ciò si occupa solo di aria fritta come la piscina dell’assessore di cui ai siciliani non interessa ma che è argomento di dibattito politico (aria fritta) quando basterebbe l’amministrazione comunale di competenza a stabilire se la piscina è regolare o è da demolire.

    Il Governatore Crocetta sta malamente cavalcando la querelle sulla piscina prefabbricata sopra terra dell’Assessore Sgarlata per distogliere l’attenzione dei siciliani sulla ben più grave questione legata alla formazione e all’Assessore Scilabra!!!!sta cercando di usare rigore e integrità nei confronti di chi non ha commesso alcun abuso nè reato mentre si mostra comprensivo paterno e protettivo nei confronti di chi ha commesso gravissimi errori sia di tipo amministrativo che politico!!!crocetta avrebbe fatto cosa gradita a tutti se invece di stare ad ascoltare il dirigente generale del dipartimento dei beni culturali, Dott. Giglione, su simile inezie gli avesse detto di occuparsi fattivamente della tutela conservazione e fruizione del patrimonio culturale dell’isola abbandonato al suo triste destino!!!

    E’ proprio brutta questa piscina, molto dozzinale nella realizzazione! Sembra quasi una gebbia di campagna rivestita e riadattata ad altro uso. Rispecchia il gusto di chi l’ha voluta cosi?

    Ma siete proprio sicuri che sia una piscina e non una gigantesca riserva idrica per irrigare l’arido terreno circostante? O una vasca per di pesci rossi?

    Caliamo a 1.000 euro/mese gli stipendi di tutti gli assessori… e non potranno più costruirsi le ville con piscina e comprarsi le macchine di lusso a spese dei contribuenti!!!

    Una piscina smontabile per fare il rimpasto in giunta che vergogna!!

    Si concordo, senza togliere nulla alle malefiche esquallide intenzioni di crocetta, non mi sembra una struttura che si può smontare a fine stagione e riporre in uno sgabuzzino……………ma sicuri che non necessitava di autorizzazione (???), non ci capisco più niente.

    Ahhaahha troppe risate con questo governo…

    Concordo fabio, stai parlando forse della preistoria, verdi in sicilia (????) come le associazioni ambientaliste (????), tutti i colori tranne il verde.

    Per quel che mi riguarda non mi sembra che l’argomento sia degno di tanto interesse. Sarebbe mooooooolto più interessante scoprire se, in casi analoghi, la sovrintentenza ha avuto comportamenti simili , oppure ha posto veti invalicabili, come solitamente accade per chi non ha santi in paradiso.

    Arrendetevi, fatevene una ragione……..il “CUFFARISMO” è finito!

    A prescindere dal caso specifico, è quantomeno curioso che un sovrintendente venga rimosso perché troppo rapido nell’esprimere un parere. A mio avviso è molto più utile per la Sicilia rimuovere tutti quei funzionari che perdono mesi per esprimere un parere… Ripeto, a prescindere dal caso specifico.

    Mio caro Luciano, permettimi di spiegarti un concetto vecchio di millenni, e che a te, persona sicuramente in buonissima fede, sarà sfuggito. Da noi, in Sicilia (ma anche in Italia se vuoi), le cd. autorizzazioni rilasciate dalle… Autorità competenti, sono obbligatorie se si tratta di richieste avanzate per esplicare le sole attività esercitate dal POPOLO, per la propria sopravivvenza (il bancarellaio, il fornaio, il venditore di luppina etc.). Quindi, su una popolazione di QUATTROMILIONI E MEZZO di abitanti circa, ne sono vincolati appena…in QUATTROMILIONIECENTOMILA cittadini, ai quali non solo non si concede nulla, ma gli si rende difficile la vita anche se sguazzano nella legalità e nel diritto più assoluti. Per gli altri quattrocentomila, “baroni”, “lacchè”, “viddani arrinisciuti”, “delinquenti a servizio” e, in ultimo, “COMUNISTI con smanie di POTERE DEMOCRISTIANO” (si, quegli stessi che componevano il politburo del “PARTITO per eccellenza” e che qualche anno luce fa criticavano il SISTEMA…degli altri, perchè avrebbero voluto attuarlo a proprio uso e consumo) non v’è bisogno di nulla. Tutto è gratuito e legale, e se non lo è, si varerà subito una leggina dai mille lacciuoli per farlo diventare. A proposito! Per le spocchioserie dei “Viddani arrinisciuti” e degli “Pseudo Comunisti di ieri con le pezze nel culo”, volete che non gli si trovino le formule idonee per permettergli i piaceri della Nobilitate che tanto hanno combattuto…per invidia???!!! Domandate a Sariddu (e company) che gusto prova oggi nel trovarsi al posto dell’ANCIEN RÉGIME che faceva finta di combattere al grido di El pueblo unido jamás será vencido? LA STORIA E’ VERAMENTE MAESTRA DI VITA, E RITORNA SEMPRE, CON TUTTI SUOI PERSONAGGI, COMPRESO QUEL MASANIELLO DIVENTATO AMICO… DEGLI SPAGNUOLI!

    Come sempre Crocetta si distingue: quello che dice alle 10 se lo rimangia alla 10,05.
    Sarà sicuramente il successore di Obama a Presidente degli USA-

    La piscina è stata censita in catasto ed ha aumento la rendita catastale ed il classamento dell’immobile o è sconosciuta ai registri immobiliari?

    dalla foto pubblicata si vede una struttura che circonda la piscina (oltre un altro spazio) che è dotata di una scaletta formata da 6 alzate. Facendo alcune proporzioni fotografiche possiamo affermare che hanno una altezza complessiva compresa tra 90 e 99 cm!!!!!!!!!!
    Si installa una piscina per 90 centimetri d’acqua? mi sembra strano, molto strano! forse non ci voleva il permesso per poggiarla sul terreno, ma non è stato eseguito nessuno scavo? A che serve una piscina con 80-90 cm d’acqua??????????????????????

    Sembra un incubo!! Ma in le mani siamo finiti? Siamo diventati la barzelletta d’Italia ! Crocetta ci hai fatto toccare il fondo tu è tutti quegli incapaci che ti porti appresso!! Dimettiti x restituire un po’ di decoro ai siciliani!

    Giusto claus@. Il capriccioso che ….”in tanti anni di attività politica non ho mai posseduto ville liberty o piscine in villa”, ricordi a chi legge le sue fanfaronate che esiste una “camera d’arte” all’ Atelier albergo museo a Tusa, a lui dedicata, che “vanta” sulla porta di ingresso il suo nome, con vista, da lui pretesa, sulle eolie perché si desti , il capriccioso di sé inebriato , rasserenato dal panorama….Certo, il buen ritiro gli è stato offerto, regalato, lui non voleva… lui, anima proletaria, avrebbe preferito l’eremo o la capanna nella “riserva” della guadagna dove il suo spirito narciso si sarebbe ristorato nei tramonti sul fiume oreto con abluzioni mattutine propiziatorie…tra galli confusi che cantano a mezzogiorno e surci grossi come cunigghi…ed invece la Sgarlata cosa va a combinare? Lei , nume tutelare del Territorio, lo deturpa innestandovi una immonda vasca da irrigazione che anche il cattivo gusto del bolscevico non può condividere….e non se la è fatta nemmeno regalare , offrire , come l’attico di Scajola o la stanza dell’Atelier…che ingenuotta. Allora si che avrebbe potuto professare stupore, ignoranza, angoscia politica per quella “bazzecola” del vincolo ambientale che in Sicilia è rispettato come i semafori rossi a Napoli. Ovviamente l’assessore si deve dimettere, pur consapevole di essere stata incastrata dai compagnucci duri e puri. Si deve dimettere perché è troppo grossolano il paradosso di un responsabile del Territorio che ignori, per personale anche se ridicolo vantaggio, le regole della sua tutela. Ovviamente non si dimetterà. E perché dovrebbe? Per dignità politica? Per questa non avrebbe dovuto partecipare nemmeno a questo laboratorio talebano. E poi, dice la Sgarlata guardandosi attorno, quale altro esempio avrei dovuto seguire?

    MA PURE BRUTTA BRUTTA STA PISCINA … CHE CATTIVO GUSTO …
    E QUESTA DOVEVA DIRIGERE I BENI CULTURALI SICILIANI????

    MA NON L’AVEREBBERO VOLUTA MANCO COME VETRINISTA ALL’OVS

    il chiacchiericcio tra i corridoi, i fantomatici dossier, i sussurri di palazzo, il sensazionalismo dei paladini della legalitá, gli imbarazzi a comando del Governo ….. un vero “CURTIGGHIU”, un gran cortile dei magna magna

    malaffare politico, cambiare tutto per non cambiare un cavolo. i soliti ATTORI politici falsi,in galera li vogliamo vedere tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *