Ex stabilimento Acque Pozzillo| Conclusa la mappatura - Live Sicilia

Ex stabilimento Acque Pozzillo| Conclusa la mappatura

Adesso si pensa al riuso dell'area.

I PRIMI DATI
di
0 Commenti Condividi

ACIREALE – Lo stabilimento più famoso della Sicilia Orientale anni ’80, quello delle acque Pozzillo, icona siciliana menzionata in tv e nel cinema, fino al fallimento. Poi la denuncia: “ Lo stabilimento abbandonato a se stesso, è una bomba d’amianto”. Il consigliere delegato Rito Greco, già nel 2010, percependo che l’area in totale stato di abbandono era esposta a vari rischi, lanciò l’allarme.

Dopo 7 anni, la svolta. Agli inizi di marzo 2017, la Guardia di Finanza, su disposizione dell’Autorità giudiziaria, aveva rimosso temporaneamente i sigilli ai capannoni, per consentire alla ditta incaricata dal Comune di Acireale di eseguire lo studio propedeutico all’intervento di rimozione. Come spiegato in occasione del primo sopralluogo all’interno dello stabilimento da Maurizio D’Angelo, geologo e tecnico senior della ditta, i materiali da rimuovere sono stati classificati e l’area è stata suddivisa nelle zone più o meno critiche con l’assegnazione della priorità in modo da ottimizzare nei tempi e nei modi l’intervento. Conclusa la mappatura dell’area, ieri sera, a Pozzillo, sono  stati resi noti alla stampa, i primi dati: “ Lo stato di degrado del materiale amiatifero è notevole, – ha detto il il geologo Maurizio D’Angelo – tuttavia non è stato riscontrato rischio di presenza di fibre aero disperse nell’area circostante fermo restando l’alto grado d’allarme all’interno dello stabilimento”.


Dopo la mappatura, si guarda avanti e già si pensa al possibile riuso 
dell’area –  “ L’area non è comunale – ha detto il sindaco di Acireale, Roberto Barbagallo – ma, la cosa più giusta da fare è pensare al riuso, in maniera partecipata. Tutti i cittadini sono invitati a proporre in modo da poter realizzare
 insieme quanto di più consono, grazie anche alle proposte degli studenti del Dipartimento di Architettura e Territorio dell’Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria pronti ad incontrare la comunità”. Grande la soddisfazione del consigliere Rito Greco: “ Eravamo all’interno di un buio tunnel, siamo 
ancora dentro, ma almeno, da questo momento, si inizia ad intravedere una luce. 
Attendiamo adesso i dati esatti da parte degli esperti che presto, saranno sul tavolo di questa amministrazione”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.