Il ficus abbattuto al Foro Italico | Susinno: "Motivi di sicurezza" - Live Sicilia

Il ficus abbattuto al Foro Italico | Susinno: “Motivi di sicurezza”

Marcello Susinno

Il consigliere di Sinistra Comune: "No alle polemiche, ora il Comune provveda a nuove piantumazioni"

Palermo
di
2 Commenti Condividi

PALERMO – “Solo sterili polemiche per un abbattimento legato alla tutela della pubblica incolumità”. Così in una nota il consigliere comunale di SInistra Comune a Palermo, Marcello Susinno, in merito all’abbattimento di un albero al Foro Italico, dal quale si erano staccati dei grossi rami. “Quando è messa a rischio la sicurezza dei cittadini occorre intervenire per evitare potenziali situazioni di pericolo – aggiunge -. Scelta dolorosa quella di sacrificare un albero, ma se si evidenzia l’assenza di sufficienti margini di sicurezza della stabilità, allora bisogna intervenire e farlo pure in fretta. Una Amministrazione attenta ha il dovere di attivarsi per tempo e non serve – dice ancora Susinno – trovare soluzioni postume, sotto l’influenza mediatica. Occorre pertanto evitare – conclude Susinno – anche il ripetersi di incidenti come quelli accaduti nel 2009 e nel 2013 proprio al Foro Italico. Adesso occorre al più presto mettere a dimora nuove piantumazioni adatte al contesto del Foro Italico”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Ma almeno avere la decenza di stare in silenzio voi di sinistra comune…continuato a tacere al fianco del vostro “nobile” padrone

    Se c’era qualche (minimo) dubbio sul ruolo e sulla funzione della presunta Sinistra Comune, con questa vergognosa dichiarazione di “ossequio” ce l’hai definitivamente tolto. Almeno abbiate la decenza di chiamarvi solo Comune, perchè di sinistra non vi è rimasto proprio nulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *