Figuccia attacca Catania: | "Usi di più il tram, non l'auto blu" - Live Sicilia

Figuccia attacca Catania: | “Usi di più il tram, non l’auto blu”

Angelo Figuccia

La replica dell'assessore alla Mobilità: "Figuccia mente sapendo di mentire".

7 Commenti Condividi

PALERMO – Il tema caldo dell’assistenza ai disabili oggi sbarca anche all’assessorato comunale ai servizi demografici guidato da Giusto Catania. A scagliarsi contro l’assessore è il consigliere comunale Angelo Figuccia che accusa Catania di utilizzare costantemente l’auto a disposizione dell’ufficio anagrafe per motivi istituzionali, auto che dovrebbe servire invece ai funzionari del Comune per offrire il servizio di rilascio e rinnovo dei documenti a domicilio a tutti quei cittadini che non possono recarsi autonomamente agli uffici preposti.

“Insomma, chi deve rinnovare la carta d’identità deve sperare che Catania non abbia impegni – attacca Figuccia – l’assessore abbia il coraggio di rinunciare alla sua auto blu, si muova con il tram, con gli autobus o con una bella bici, che fa bene pure alla salute, e permetta al funzionario di svolgere il proprio servizio al meglio”.

Giusto Catania non ci sta e risponde: “Figuccia mente e sa di farlo solo a fini propagandistici. Se vuole attaccarmi lo faccia con argomenti seri”. L’assessore spiega che a seguito della spending review sono state eliminate molte delle auto di servizio degli uffici comunali e che quindi, ormai da quattro anni, l’unica auto a disposizione della segreteria dell’assessorato di cui è a capo mette a disposizione il mezzo non solo all’ufficio anagrafe ma anche a quello al traffico e per la consegna della posta alle circoscrizioni: “Nonostante tutti i tagli i servizi dell’anagrafe ad oggi non hanno accumulato un solo giorno di arretrato – sottolinea Giusto Catania – Figuccia si informi meglio”.

La controreplica di Figuccia. “L’assessore Giusto Catania – afferma il consigliere azzurro – si dice disponibile a trovare una soluzione sulla vicenda dei cittadini disabili o impossibilitati a muoversi da casa costretti a non poter ricevere la visita del funzionario dell’Anagrafe perché privo dell’auto di servizio. Prendo atto della buona volontà dell’assessore Catania di non usare l’auto di servizio, e mi auguro che al più presto questo importante servizio di notifica e rilascio domiciliare delle carte d’identità possa riprendere a pieno regime e che i disagi finora patiti da decine di cittadini diventino soltanto un triste ricordo del passato. Sono contento che la mia segnalazione abbia contribuito a risolvere un problema che finora aveva interessato decine di cittadini e di aver dato così la possibilità a Catania di precisare la propria estraneità alla vicenda”.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

7 Commenti Condividi

Commenti

    ecco chi e’ Giusto Catania il comunista che corre in auto blu dai rom e immigrati E NON SI CURA DEI DISABILI PALERMITANI

    Figuccia chi???

    bravooooohhhh Figuccia !

    Un argomento così importante , dove nel bene o nel male , viene coinvolto l’assessore
    al ramo , stimola la curiosità di approfondimento di quasi 700 cittadini , vuol dire che
    sono giunti alla frutta

    Giusto Catania non si vergogna? ecco l’assessore mai eletto amico di rom e immigrati e snobba i disabili palermitani

    giusto catania, uno dei peggiori assessori che il comune di palermo abbia mai avuto..

    Un sistema per farlo ricredere ci sarebbe, fare ad esempio aspettare all’assessore Catania il 101 in una fermata di sua scelta della via Libertà. Almeno si renderebbe conto, dopo averlo atteso per più di mezzora come tutti noi cittadini, di come si viaggia sui mezzi Amat.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.