Muore il palermitano Lo Porto | "Lasciatemi con il mio dolore" - Live Sicilia

Muore il palermitano Lo Porto | “Lasciatemi con il mio dolore”

Giovanni Lo Porto

Il palermitano Giovanni Lo Porto è rimasto ucciso nel corso di un raid americano contro al Qaida nel gennaio scorso, al confine tra Pakistan e Afghanistan. Le scuse di Obama: "Mi assumo tutta la responsabilità". Il fratello: "Scuse? Grazie". Mattarella: "E' stato portatore dei nostri valori di dialogo e pace". La telefonata di Renzi. La Casa Bianca: "Risarciremo le famiglie degli ostaggi uccisi". Chi era il cooperante ucciso (all'interno il video). LiveSicilia aveva raccontato la sua storia (LEGGI). (Nella foto di Monica Panzica l'abitazione di Lo Porto a Palermo)

Nel gennaio scorso
di
8 Commenti Condividi

di Stefano de Paolis (Ansa)

NEW YORK (USA) – Un’operazione della Cia, piena di errori, è costata la vita a Giovanni Lo Porto, il cooperante italiano rapito in Pakistan nel 2012: è stato ucciso a gennaio da un razzo sparato da un drone dell’Agenzia contro un covo di al Qaida in Pakistan, non lontano dal confine afghano. E nello stesso raid è stato ucciso anche un altro ostaggio, un americano, Warren Weinstein, che era stato rapito nel 2011. “A nome del governo, porgo le nostre più profonde scuse alle famiglie”, ha detto Obama in una dichiarazione in diretta tv. “Come presidente e comandante in capo – ha aggiunto – mi assumo la piena responsabilità delle nostre operazioni antiterrorismo” e di quanto è accaduto. Il premier Matteo Renzi, che è stato informato ieri direttamente da Obama, ha espresso “profondo dolore per la morte di un italiano che ha dedicato la sua vita al servizio degli altri”.

“La responsabilità della morte di Lo Porto e di Weinstein è integralmente dei terroristi, contro i quali confermiamo l’impegno dell’Italia con i nostri alleati”, è stato invece il commento del ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, che ha espresso tristezza per “il tragico e fatale errore dei nostri alleati americani, riconosciuto dal presidente Obama”. E gli errori non finiscono qua. Nello stesso raid è stato ucciso anche un altro americano, Ahmed Farouq, che però era un leader di al Qaida. E non basta, perché pochi giorni dopo è stato ucciso, in un’operazione simile, a breve distanza, un terzo americano, un altro alto esponente di al Qaida, Adm Gadahn, già portavoce di bin Laden.

Ma il fatto è che la Cia non sapeva della presenza degli ostaggi, né tantomeno di quella degli altri americani, quando ha deciso di bombardare. “Sebbene Farouq e Ghadahn fossero membri di al Qaida, nessuno dei due è stato specificamente preso di mira, non avevamo informazioni che indicassero la loro presenza nei siti delle operazioni”, ha detto la Casa Bianca, precisando che il sito preso mira era stato monitorato per settimane. “Sulla base di informazioni di intelligence che avevamo ottenuto, tra cui centinaia di ore di sorveglianza, abbiamo creduto che fosse un covo di al Qaeda e che nessun civile fosse presente”, ha riferito anche Obama. I fatti hanno dimostrato alcuni giorni fa il contrario, e Obama ha deciso di diffondere più informazioni possibili, “perché le famiglie meritano di sapere la verità”, ha detto. Prima di annunciare la notizia, Obama ha informato ieri telefonicamente Renzi. “Aveva l’età mia”, ha sottolineato il premier parlando al telefono con la madre di Lo Porto. In segno di profondo rammarico, la Casa Bianca ha prontamente reso noto che gli Usa pagheranno un risarcimento ad entrambe le famiglie degli ostaggi uccisi nel raid. E ha anche annunciato che Obama ha ordinato la revisione dei protocolli che vengono seguiti per le operazioni che prevedono bombardamenti con i droni, per valutare se siano necessari dei cambiamenti.

“Faremo tutto il possibile per evitare che si ripeta” un errore come questo, ha promesso Obama, precisando tuttavia che l’operazione è stata condotta in maniera “totalmente conforme” con le linee guida per casi del genere. Il portavoce della Casa Bianca Josh Earnest ha fatto sapere che il presidente non ha invece “alcun rimorso” per l’uccisione di due americani membri di al Qaida. Tuttavia, quanto accaduto riaccenderà una serie di polemiche mai sopite sull’uso dei droni per eliminare i terroristi all’estero, soprattutto se americani e se lontano da zone di guerra.

*Aggiornamento
Dolore e sgomento in casa Lo Porto a Palermo
dove abita la famiglia del cooperante sequestrato nel 2012 e rimasto ucciso nel corso di un raid americano contro al Qaida nel gennaio scorso, al confine tra Pakistan e Afganistan. Nell’appartamento al piano rialzato del palazzo di via Pecori Giraldi, nel quartiere periferico di Brancaccio, mamma Giusi fa sapere che non vuole parlare con nessuno: “lasciatemi con il mio dolore…”. Attorno a lei è un un via vai di persone, amici, parenti, molti dei quali restano in attesa nell’androne. “Conosco Giusi da 38 anni – dice un’amica di famiglia, Rosa Lo Nardo – per me e’ come una sorella. Ho avuto la notizia dal telegiornale. E’ distrutta non vuole parlare con nessuno. Da tre anni e 3 mesi non vedeva il figlio, ma aveva sempre la speranza nel cuore di riabbracciarlo”.

Il Presidente della Repubblica ha appreso con dolore la notizia della morte di Giovanni Lo Porto, rapito in Pakistan più di tre anni fa. “Lo Porto – ha detto Sergio Mattarella – si trovava in una terra lontana in missione di solidarietà. È stato un portatore dei nostri valori di pace e di dialogo internazionale. Partecipo al grande lutto della famiglia e sono vicino al mondo della cooperazione internazionale che, per l’aggravarsi delle situazioni di crisi, è sempre più esposto a insidie e rischi gravissimi”.
Le autorità americane pagheranno un risarcimento ad entrambe le famiglie dei due ostaggi di al Qaida uccisi in un raid Usa, l’italiano Giovanni Lo Porto e l’americano Warren Weinstein: lo ha detto il portavoce della Casa Bianca, Josh Earnest, senza al momento dare altri dettagli in proposito.

GUARDA IL VIDEO DA YOUTUBE.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

8 Commenti Condividi

Commenti

    E RENZI IN TUTTO QUESTO DOV’E’ ????

    OBAMA E’ IL SUO DELEGATO ??

    Sarebbe bene che Renzi ricordasse a Obama che non è la prima volta! E’ già successo a Baghdad il 4 marzo 2005, quando un militare statunitense di origine italiana sparò contro un’autovettura dei servizi segreti italiani con a bordo Nicola Calpari che fece scudo a Giuliana Sgrena, che aveva appena liberato da un sequestro organizzato anche allora dalla Jihad islamica, venendo colpito in fronte. Anche allora si disse tragico errore! Ma sono certo che non ci sarà alcuna protesta italiana.
    Come si può dire “non sapevamo che nel compound ci fossero i due sequestrati”?! Che intelligence hanno gli USA?! Non si può bombardare senza saper prima chi c’è! lo stesso valga per le azioni mirate allo smantellamento della flotta di carrette del mare lungo le coste libiche che ritengo necessarie ma, se sono mirate, non dovranno colpire migranti né pescatori libici né chi non ha nulla a che vedere con i trafficanti di morte.

    Renzi ha appena comunicato a Obama, senza che nessuno glielo abbia richiesto, che resteremo altri due anni in Afghanistan mentre gli USA hanno programmato il loro rientro. Ma come può dire una cosa del genere senza che il Parlamento si sia pronunciato?!!

    perché comunicarlo con tre mesi di ritardo?!

    E lo dicono solo adesso?, vergognoso

    almeno Obama si assume la responsabilità……c’è un politico italiano che si assume la responsabilità per qualche cosa????

    Fatto ahimè preventiva bile . Credo che un cooperante che vada in zone di guerre , non di sola povertà , abbia consapevolezza del rischio che corre la propria vita .
    Nessuno penserà di certo che una delle due parti in causa eviterà di lanciare bombe se vi sono dei civili .

    Sapere prima chi c’è ? Ma vuol dire ? Metterebbero un civile in ogni dove e non sparano più ? Il stile palestinese ! Prima le donne, poi i bambini e dietro i kalashnikov . Diciamo agli assassini di smetterla , piuttosto che a chi li lotta di non sparare !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *