Focolai in Spagna, “incubo” giovani: “Aiuto Farnesina” - Live Sicilia

Focolai in Spagna, “incubo” giovani: “Aiuto Farnesina”

"I nostri figli - dice un padre a LiveSicilia - si trovano in quarantena in Spagna, isolati, alcuni senza cibo, chiediamo aiuto alla Farnesina”
ULTIMA ORA
di
6 Commenti Condividi

PALERMO – “Stiamo vivendo un incubo, i nostri figli si trovano in quarantena in Spagna, isolati, alcuni senza cibo, chiediamo aiuto alla Farnesina”.

Sono le parole, rilasciate a LiveSicilia, da uno dei genitori degli 8 palermitani che si trovano in quarantena in Spagna, dopo essere risultati positivi alla Variante Delta.

LEGGI: ALLERTA INTERNAZIONALE VARIANTE DELTA: DOCUMENTO INTEGRALE

Tutto è iniziato ai primi di luglio, quando un gruppetto di tre palermitani, in vacanza in Spagna, doveva rientrare in Italia per il decesso di un nonno. Dopo la positività al tampone è iniziato un vero e proprio “incubo”, i contagi sono avvenuti a causa dei focolai tra giovani nelle zone turistiche.

“Due genitori – racconta a LiveSicilia il padre dei palermitani – sono andati in Spagna, siamo in stato di allerta”.

E ancora: “Un ragazzo si trova in isolamento, in una stanza da 100 euro al giorno, senza cibo”

I ragazzi partono per una località a Ovest di Barcellona, al terzo giorno uno di loro sa che è morto il nonno. Fa il tampone per tornare in Italia e, una volta positivo, inizia la quarantena.

“I sette giovani più fortunati – continua il genitore – li hanno portati in un luogo isolato a spese nostre, con un taxi e il rischio di essere denunciati. Una madre volata in Spagna ha acquistato 7 saturimetri, 7 termometri e 7 dosi di antibiotico”.

Ma non basta, i genitori temono che, senza l’aiuto della Farnesina, possa peggiorare la situazione:

“Ci minacciano che tra 10 giorni i ragazzi, per regolamento europeo, se ne devono andare e non sappiamo dove, senza un certificato di avvenuta guarigione”.

IN AGGIORNAMENTO


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

6 Commenti Condividi

Commenti

    Ma perché non fanno una vacanza in Italia,ora chiedono aiuto prima se le vanno a cercare e genitori che lo permettono.Fatevi le vacanze in Italia teste ottuse altrimenti non piangete dopo

    In piena pandemia con la pericolosa variante delta in agguato è da irresponsabili viaggiare fuori dal proprio paese. Posso capire per lavoro per studio per salute ma rischiare per vacanza non ci sono giustificazioni. Il divertimento è rimandabile la salute no.

    sono giovani e da giovane ci si crede invincibili e capaci di affrontare qualsiasi avversità. purtroppo la realtà ci mette i piedi a terra

    Sapendo del pericolo di contagio, quindi di quarantena, meglio scegliere mete vicine e comunque italiane.

    Almeno per questa estate, si potevano fare le vacanze all’interno del nostro territorio. Non si capisce la necessità di andare oltreconfine, visto che le località turistiche da noi non mancano

    Leggo post assurdi, io sono in Spagna da 10 giorni, mi controllo non faccio eccessi, sono trattato benissimo ed ho un appartamento e ci vengo ogni mese, se passa quello che stanno passando è perchè escono senza responsabilità, non vedo il motivo di rimanere in Italia, io non lo faccio da almeno 30 anni, svegliatevi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.