Forestali, un 'esercito' | da trentamila uomini - Live Sicilia

Forestali, un ‘esercito’ | da trentamila uomini

Chi sono i lavoratori di un settore che grava pesantemente sulle casse della Regione Siciliana.

L'identikit
di
49 Commenti Condividi

PALERMO – L’esercito dei forestali in Sicilia conta quasi trentamila addetti. Sono numeri importanti, in calo rispetto agli scorsi anni, che però pesano parecchio sulle casse dell’erario regionale. La cifra ufficiosa che riguarda i loro stipendi sfiora quota 700 milioni di euro all’anno. Un vero e proprio tesoro che per la Regione Siciliana pesa parecchio, e che l’assessore all’Economia, Luca Bianchi, dovrà tenere in considerazione per la stesura della legge finanziaria per l’anno 2013.

Fra i dipendenti del Dipartimento regionale Azienda foreste demaniali, oltre a dirigenti e funzionari, ci sono 803 operai a tempo indeterminato ed oltre 22mila lavoratori stagionali. Di questi 2.645 hanno come garanzia occupazionale 151 giornate lavorative annuali, altri 6.206 hanno la garanzia occupazionale di 101 giornate lavorative, mentre sono 13.798 coloro i quali hanno 78 giornate lavorative come garanzia occupazionale all’anno. Questi forestali fanno riferimento all’assessorato alle Risorse agricole, guidato da Dario Cartabellotta. Non sono però i soli. A loro vanno infatti aggiunti gli operai anti-incendio che invece sono incardinati presso l’assessorato al Territorio e ambiente. Sono poco più di ottomila unità: 750 sono coloro i quali fanno parte del Corpo forestale, oltre settemila invece hanno i compiti di sorveglianza anti-incendio.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

49 Commenti Condividi

Commenti

    un uomo per albero……non male

    Crocetta ha innescato un meccanismo che non torna indietro. Lui che non conti nulla sta per distruggere la Regione Siciliana che è sempre stato un ammortizzatore sociale. Mandiamolo a casa prima che faccia ulteriori danni, tanto la maggioranza non ce l’ha.

    Quanta confusione sulla forestale siciliana, facciamo un po di chiarezza, non sui numeri, ma sulle qualifiche, definire forestali i braccianti agricoli stagionali che lavorano alle dipendenza dell’Azienda regionale alle foreste non ha senso, cosi come anche degli operai, stagionali impiegati nell’antincendio. Il Corpo Forestale Regionale in sicilia svolge funzioni e compiti del Corpo Forestale dello Stato ed è una Forza di Polizia, gli appartenenti alla FORESTALE in Sicilia sono 750, un numero al quanto esiguo, essi sono distribuiti, in maniera capillare sul territorio Regionale, dopo i Carabinieri sono la forza di Polizia che ha più caserme, queste per la maggior parte sono ubicate in zone montane, gli Agenti della FORESTALE, sono gli unici che conoscono in maniera capillare il territorio

    credo che il vero problema delle Sicilia, sono i politici!

    La Sicilia si sta desertificando……magari avessimo le foreste…..

    La spesa c’è non v’è ragione di nasconderla, però le altre regioni Italiane, per la manutenzione dei boschi hanno poco personale, ma tutti i lavori vengono affidate a gare d’appalto.
    E’ vero che sono tanti, MA non c’è dubbio che svolgono un lavoro usurante, tutte queste persone (prima delle garanzie delle fasce occupazionali) inizialmente erano iscritti semplicemente come braccianti agricoli al collocamento, dopo hanno chiuso le graduatorie e hanno istituito le fasce occupazionali.
    Tutte queste persone sono state avviate tramite SELEZIONE dell’ufficio di Collocamento.
    Damanda quanti di Quei ASU e di Lavori socialmente utili (che sono negli uffici con mansioni di categoria A e B) sarebbero disponibili a diventare Operai Forestali? ebbene la risposta è nessuno!! nessuno va a tagliare erba, a sfalciare rovi, a fare muretti a secco etc etc, tutti vogliono una sedia dietro una scrivania.
    Lo sapete quanti Asu vi sono negli uffici con qualifiche A e B ebbene tanti e tanti, e lo sapete che possono essere adibiti a pulire ville, scuole, uffici, etc etc, ma se glielo chiedete vi rispondono che non è compito loro.
    Ma che fanno tutti questi Asu negli uffici visto che hanno qualifiche corrispondenti ad A e B, quindi al massimo lavori manuali ed archivio??
    Quindi il finanziamento ai forestali non solo è necessario, ma è dovunto.
    i politici invece di fare filosofia queste risorse bisogna metterle in atto già nei primi mesi dell’anno invece di cercare di correre ai ripari adesso.
    Con questo andazzo le prossime richieste di operai non potrà essere effettuata in breve termine, bensì fra maggio e giugno.

    asu, pip e altre categorie di elettori hanno invaso gli uffici regionali con il proprio stile inimitabile e stanno seduti nelle portinerie e nei piani senza fare niente e al solo fine di fornire un’immagine ultradegradata delle istituzioni, altro che divisa di usciere o portiere fra un po col caldo cominciano le tappine infradito e le canottiere, mentre i dirigenti generali si trastullano in accordi di potere e pettegolezzi politici.
    Povera Patria!!!

    Hai ragione, ma con tutto questo personale non deve succedere nessun incendio ed avere tutti boschi e le aree a verde super pulite da rischi incendi. Tutto ciò non accade, allora sarebbe meglio responsabilizare il personale assegnando loro delle aree e qualora dovesse scoppiare l’incendio tutti a casa, allora si che finiscono forse gli incendi pur di conservare il posto di lavoro.
    Inoltre tenuto conto che forse abbiamo più mare che foreste potremmo impiegare qualche forestale come bagnino sulle coste non controllate, ed aumentare la sicurezza in mare, anche facendo rispettare le distanza dei natanti dalla riva o dei pescatori in zone vietate.

    bravo

    COME NEI COMMENTI PRECEDENTI RIBADISCO ANCORA CHE 80%DEI 26MILA OPERAI FORESTALI HANNO IL DOPPIO E IL TRIPLO LAVORO L’ALTRO 20% SONO DEI POVERI DISGRAZIATI CON BASSO REDDITO,ECCO E’ ARRIVATO IL MOMENTO DI DECIDERE AD OGNI OPERAIO SE FARE SOLO L’OPERAIO FORESTALE O DISDIRE IL CONTRATTO CON LA REGIONE SICILIA,E CON I DOPPI E TRIPLI LAVORI LASCIARLI AI GIOVANI DISOCCUPATI CHE NON HANNO NULLA O QUASI.

    noi a caltagirone abbiamo un bosco…in quasi totale abbandono…un numero sconfinato di forestali che in piena estate con mille piccoli incendi…sai dove li trovi? sotto l’abero a giocare a carte tutto il santo giorno! Non voglio generalizzare ma la maggior parte di questi numeri mostruosi sono assistenzialismo gratuito e inutile, ben venga la proposta del governo crocetta, non licenziamoli teniamoli pure, ma lavorino e si guadagnino li stipendio curando non le foreste (che in sicilia non esistono) ma tutto dai giardinettin alla pulizia delle strade, poi vediamo se hanno ancora voglia di fare i forestali o cominciano proteste e manifestazioni varie!

    La forestazione in Sicilia è uno scandalo planetario non tanto perchè la Sicilia non abbia un enorme patrimonio forestale e naturalistico quanto per l’incredibile e fallimentare impiego di mezzi e di risorse umane utlizzate per un inesistente progetto di sviluppo e di valorizzazione del predetto patrimonio.
    Patrimonio forestale che accuratamente promosso e valorizzato potrebbe creare una quantità straordinaria di occasioni di lavoro e di reddito con beneficio di tutte le popolazioni residenti in prossimità delle aree forestali.
    Purtroppo la realtà attuale di un esercito di 30.000 pseudo braccianti impiegati nella forestazione, merce di scambio per tutte le consultazioni elettorali in Sicilia, sono il prodotto di una politica assistenziale e truffaldina che ha tradito le potenzialità di sviluppo dell’isola.
    Caro Presidente Crocetta prova ad invertire la rotta, così come hai cominciato a fare in altri settori dell’amministrazione regionale dove,sei stato più fortunato con gli Assessori; Quello dell’Agricoltura, ancorchè camuffato di ” alta professionalità ” sembra moilto legato ai vecchi schemi di cui peraltro è figlio!!!!!!!!!!

    Gentilmente potete evitare di confondere i braccianti agricoli con il corpo forestale?
    Come si fa a scrivere tali inesattezze? Prima di scrivere é il caso di verificare l ‘esattezza dei contenuti per evitare di fare perdere di credibilitá alla vostra autorevole testata.

    FACCIAMOLI LAVORARE !!!!! DOPO IL FAMOSO TURNO NON DEBBONO AMBIRE ALLA DISOCCUPAZIONE , PERCHE’ NON SONO DISOCCUPATI , HANNO UN DOPPIO LAVORO IN NERO, MAGARI CON UNA IMPRESA INTESTATA ALLA MOGLIE O AD UN FIGLIO .
    ADESSO BASTA !!!!! CHI LAVORA VERAMENTE NON PUO’ VEDERSI DECURTATO LO STIPENDIO OGNI MESE DEL 50% TRA IRPEF ED ADDIZZIONALI VARI, PER SOSTENERE TUTTA QUESTA GENTE CHE MANGIA A DUE BOCCONI.

    Ennesimo scandalo tutto siciliano(tra l’altro noto da tempo).
    migliaia di persone pagate per non fare nulla.
    l’assistenzialismo ha rovinato questa terra, prima finisce questo schifo e meglio sara’ per tutti ( ovviamente tranne che per i parassiti che di assistenzialismo ci campano!)

    Ma che articolo fuorviante e pieno di inesattezze. Gli operai stagionali, OTI o OTD, non hanno nessun rapporto giuridico con la Regione Siciliana, ne quindi tantomeno con il Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali. Questi lavoratori vengono chiamati dalle liste del collocamento, percipiscono quindi l’indennità di disoccupazione, attraverso progetti che vengono svolte in amministrazione diretta. I forestali, invece intesi coloro che fanno parte del Corpo Forestale sono gli omologhi di quelli Statali, cioè una Arma dello Stato alla stessa stregua dei Carabinieri, Militari, Polizia.ecc, ecc.
    Oggi il Corpo forestale regionale versa in una situazione di mancanza di uomini e forse di guida. La riforma ed il suo rilancio è auspicato da tutti.

    Ma licenziateli tutti! ne basta il 20% che lavori seriamente.

    30.000 X 4 VOTI A FAMIGLIA= 120.000 VOTI DI SCAMBIO!!!!!!! Chiamate questo fenomeno come volete ad esempio, CLIENTELISMO, MAFIA, INGIUSTIZIA, LATROCINIO. ECC…. 700.000.000 DI euro l’anno MA SAPETE QUANTI SONO!!!! Se avessimo investito questi soldi nelle imprese per creare LAVORO VERO invece di foraggiare questi PARASSITI come sarebbe oggi la Sicilia???? 700.000.000 SETTECENTOMILIONI all’anno ….. Ma sapete quanti sono!!!! E li bruciamo per questi galoppini assunti SENZA CONCORSO dai loro politici!!!! 700.000.000 di euro quante imprese avrebbero salvato e quanti posti di lavoro ci sarebbero ora???? BASTA!!!! BASTA FORESTALI DI SCAMBIO, BASTA 118 DI SCAMBIO, BASTA FORMAZIONE DI SCAMBIO, BASTA ARTICOLISTI DI SCAMBIO!!!! BASTA!!! CONCORSI FACCIANO I CONCORSI!!!!

    Finiamola di fare la supercazzola con i numeri dei forestali. Quelli sono stagionali, quegli altri sono annuali, poi ci sono quelli stagionati, quelli triploccupati, quelli multiorari e quant’altro. La realtà è che in Calabria ci sono poco meno di 10.000 forestali, e in Sicilia circa 23.000; in Trentino, che vanta una superficie boschiva pari a quella di Calabria e Sicilia, ce ne sono circa MILLE. In sicilia ogni forestale ha adottato un albero. Gli ha dato un nome, lo va a trovare di tanto in tanto, lo conforta quando è triste, gli toglie le foglie secche, gli presenta i figli quando nascono, lo saluta quando va in vacanza. Magari quando torna dalle vacanze lo trova incenerito, ma da bravo siculo fatalista se ne fa una ragione, e poi comincia a litigare con i colleghi per adottarne un altro, perché si sa, gli alberi non bastano per tutti.

    A casa dobbiamo mandare tutti questi mangia pane a tradimento!!!! Crocetta sta solo sistemando quello che questi politici mafiosi hanno combinato con il VOTO DI SCAMBIO!!!! La Sicilia non deve continuare ad essere un ammortizzatore sociale, QUESTO LO PUO’ DIRE SOLO UN PARASSITA!!!, la Sicilia deve diventare la perla de mediterrano e ne ha tutte le caratteristiche!!!

    Ki sono? A belmonte mezzagno tutti i pastori che nmno ci vanno a lavorare e nessuno dice niente in quanto pluri indiziati

    Bisogna sapere utilizzare gli operai forestali, non solamente nei boschi ma nelle aree comunali e provinciali intervenendo nelle aree a verde, ville, strade, fiumi ecc… Pertanto si invita il presidente crocetta ad intervenire con una riforma legislativa che permetta loro una dignita lavorativa ed utile per la collettivita attingendo alle risorse economiche del fse.

    Con pochi mesi di “lavoro”, tra disoccupazione, malattia e assegni di famiglia, prendono quasi quanto un dipendente pubblico di medio livello a tempo indeterminato: circa 22.000 euro l’anno.

    Non male…………. ma chi me l’ha fatto fare a studiare?

    è bene non confondere il Corpo Forestale che è un corpo di polizia ed i braccianti agricoli . I Primi dovrebbero svolgere funzioni di Polizia Giudiziaria, i secondi hanno un contratto agricolo e che si dovrebbero occupare di ordinaria manutenzione dei boschi e riserve naturali gestite dall’ Azienda Reg .Foreste. Altra cosa sono le effettive Manzoni che svolgono , per amicizie con la casta. In effetti ci sono poche pattuglie che controllano il territorio e pochi operai che a
    ncora piantano alberi. Il vero cancro sono è la Dirigenza a servizio effettivo della politica che non imposta nulla della difesa del nostro territorio. A loro interessano i voti e le clientele politiche.

    per non parlare degli ex pip……vergognatevi!

    e se la passano meglio di te perchè tutto il resto dell’anno lavorano e tu invece con le tue tasse gli paghi il lavoro e pure l’esenzione ticket . E quando torni in paese ti guardano la macchina (vecchia). Loro hanno i suv.

    Mizzica, tonino è verissimo!
    E io pensavo che era un fenomeno solo della mia città, ma a quanto pare i Suv e l’esenzione ticket ce l’hanno moltissimi forestali stagionali.
    E bravi i forestali stagionali : una categoria di gente che fa la “pacchia” e non conosce la crisi perchè la maggior parte di loro ha anche l’azienda agricola, magari intestata alla moglie o alla madre.

    ma non sarebbe opprtuno che il giornalista consumasse un passaggio al Dipartimento Azienda foreste demaniali per farsi dare i reali numeri dei forestali, perchè posso affermare che non sono affatto questi e che anche i costi di cui si parla sono altamente sovradimensionati. come anche cercare di capire su che cosa e su quale territorio si agisce. chi dice che in sicilia non vi sono foreste dice il falso o non sa di cosa parla.

    Forse a causa di questa pletora d’estate la Sicilia va in fiamme, meglio pochi ma buoni.

    Ma che cavolo scrivete? intanto sui numeri bisogna essere chiari al massimo si arriverà quest’anno a 22000 unità di cui 11000 quindi la metà, lavora per 78 gg all’anno, dico 78 GIORNI VOI GENI Dal dito facile a scrivere BAGGIANATE, ci vivete lavorando 78 giorni all’anno ECCOVI SPIEGATO IL LAVORO NERO troppo facile vero? Molte zone montane e non solo in Sicilia sono a rischio desertificazione con relativo impatto serio SUL dissesto idrogeologico. Il lavoro di noi braccianti in moltissimi casi ha recuperato aree montane e collinari lasciate allo stato d’abbandono impiantando alberi e conifere producendo la prima cosa essenziale che alcuni di voi consumano inutilmente solo per le minchiate che affermano mi riferisco ALLA FUNZIONE essenziale che ogni albero svolge trattenendo anidride carbonica che ognuno di noi produce e rilasciando”OSSIGENO” se non sapete leggete che un po di cultura sull’argomento male non vi fà mi riferisco anche al premio pulizer che per questo articolo sarà assegnato al grande giornalista di live sicilia. Sapete cosa vuol dire per l’ambiente circostante dal nulla impiantare un bosco? quali benefici complessivi ne ha la collettività. Se nei paesi di Giampilieri o Saponara sarebbe stata attuata una seria politica di gestione programmata del territorio utilizzando anche l’impianto dei boschi forse alcune vite si sarebbero salvate non fate demagogia c’è molto da rivedere e riformare nel settore ma certamente non si può prendere di mira una categoria con un articolo che è parziale è non affronta seriamente la questione snoccialando numeri che lasciano il tempo che trovano e che suggerirei di giocarli a lotto..smettiamola per cortesia e siate informati prima di aprire la bocca o digitare con le dita.

    vergognati e cercati un lavoro vero. PARASSITA!!!

    Capisco che lei “dall’alto” della sua “posizione” si senta indignato ad essere equiparato a dei comuni braccianti, ma proprio il fatto che sia lei stesso a rimarcare questa “inettitudine” verso i suoi confronti non le porta certamente “onore”, anzi esattamente il contrario.
    Il suo “pensiero” è estremamente irritante e offensivo……., scenda dal suo piedistallo.

    certo!!!!!
    i braccianti agricoli fanno il lavoro sporco che dovrebbero fare i forestali.
    arca di scienza , sei sicuro che il concorso delle guardie forestali sia stato vinto senza nessuna raccomandazione?

    sarebbero contenti di mangiare con un solo boccone
    ma tutto l’anno.
    ma sei sicuro che non lavorano?

    La cosa più tragica che il vero lavoro di questi famosi forestali non lo conosce veramente nessuno, nemmeno chi li paga o li paga per che cosa???questo e’ un fondo spesa mercenario e la cosa ancora più tragica che e’ garantita sempre da tutti i “governi” …..cogliamola al volo questa “grande occasione” perché di occasioni la Sicilia non ne ha più!!!!

    Almeno lavorano????

    ma come si fa a scrivere che la regione sicilia come istituione deve diventare un ammortizzatore sociale ,,, la regione deve creare i presupposti per investimenti e creare le condizioni per fare sviluppare le tante risorse dellla nostra meravigliosa isola

    Ma come ti permetti? vorrei sapere che lavoro fai tu genio della lamapada non ho nulla da vergognarmi io pezzo di ignorante

    Si si lo sappiamo che i “forestali” in divisa sono altra cosa, non si preoccupi non tema di essere equiparato a quegli “inetti”.
    Visto che vuole operata questa netta distinzione, le faccio una rinfrescatina di memoria per ricordarle da quale sistema è figlio lei ,in DIVISA, mi dica sinceramente dal profondo della sua coscienza come ha superato il Concorso Regionale ????? Merito e bravura, mi risponderà lei !!!!!
    La realtà purtroppo è ben diversa, lo sa lei, lo so io, lo sanno in tanti……, in questa nostra Sicilia poter ambire a certi impieghi si richiedono ben altre cose.., che non sono sicuramente il merito o l’attitudine.
    Lei è parte della casta, lei ha avuto la “fortuna” di ritrovarsi “miracolato” rispetto ad altri che non hanno avuto la sua stessa “opportunità”.

    Non paragoni i Corpi dello Stato per piacere, perché in nessun Corpo Statale si viene promossi a colpi di Decreti Regionali……, ad esempio i lettori sanno che in Sicilia non esistono Guardie Forestali semplici??(per capirci),….infatti tutto il Corpo Forestale Siciliano, tramite decreto, è stato promosso a ispettore, come dire tutti Generali……senza la truppa.
    Bella questa.

    30mila forestali e in estate incendi in tutta l’isola che non si contano! A casa e se vogliono farli lavorare che indicano i concorsi!

    30.000 fannulloni con la doppia attività, vergogna

    ma allora questi 27000 di cui si parla tanto chi sono? E cosa fanno?

    Gli ammortizzatori sociali sono per un tempo prestabilito, questi in parte è gente stabilizzata che sommata ai dipendenti regionali, leggermente in esubero per non parlare dell’esercito di dirigenti….come vedi sono questi che stanno prosciugando le casse della regione sicilia, ci vuole lavoro vero, che produca ricchezza per la comunità. Non la solita elemosina a spese dei contribuenti

    mi trova quale norma vieta di svolgere una seconda attività a persone che vengono assunte di anno in anno e per periodi temporali stabiliti per legge? ovviamente purchè i periodi non si sovrappongono e si paghino tasse e contributi?

    30.000 forestali = 39 milioni di euro / mese = 468 milioni di euro/ anno per gli stipendi, e quando purtroppo in estate si verificano gli incendi, chiamano pure i stagionali che verranno pure ( ed è giusto ) pagati.

    Caro fabri “I” stagionali come li chiami tu costano un fottio di MILIONI DI EURO al mese perchè la MAFIA E LA POLITICA in Sicilia hanno deciso così
    !!! Gli incendi che “purtroppo ” si verificano in estate … Chiediti ED È GIUSTO chi li provoca…… ED È GIUSTO COSA? QUESTO SISTEMA MAFIOSO FINANZIATO DA NOI SICILIANO ONESTI?!!!

    Diodoro Sicuro.
    Il significato del mio purtroppo era proprio quello di evidenziare il fatto che gli incendi sono di natura dolosa, poi il punto se è giusto , intendevo appunto che chiamando ” gli ” stagionali, che svolgeranno il lavoro che spetterebbe ai forestali , una volta che li chiami e questi lavorano, li devi pagare, se mi sono espresso male, mi scuso, se non è stato compreso bene da lei, non è colpa mia.

    E UNA vergogna tutta siciliana mantenere questi sfaticati, quasi tutti gli operatori stagionali svolgono un attività in nero, per non parlare del lavoro che svolgono su in montagna, conosco gente che ci lavora e si vantano pure delle grigliate che organizzano, i piu volenterosi lavorano al massimo un ora, molti dicono che molti stagionali vivono con 11.000 euro l’anno e quindi per forza devono fare un secondo lavoro, il problema non e lo stagionale che se ne va a fare il cameriere la sera, quello ci puo anche stare ma il vero problema sono tutti quei stagionali propietari di macellerie att. artigianali distributori di benzina ecc. tutta questa gente ruba i posti di lavoro a tanti veri disoccupati.

    TROVATEGLIELA VOI UN’OCCUPAZIONE A QUESTA POVERA GENTE ONESTA …PARLO DEGLI OPERAI FORESTALI…CHE E’ DA TRENTANNI CHE SONO PRECARI O STAGIONALI CHIAMATELI COME VOLETE ..CON LA SPERANZA DI 78-101 GIORNI DI LAVORO PER MANTENERE SE E LA FAMIGLIA…E’ IL SISTEMA VERGOGNOSO CHE CI HA RIDOTTO COSI’…IL DANNO SONO GLI STIPENDI MACRO DI DIRIGENTI E DEI POLITICI CHE IN TEMPI “NERI” NON FANNO ANCORA LE RINUNCE CHE DOVREBBERO…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *