"Furbetti" alla Salute, i sindacati: | "Danneggiano i lavoratori onesti" - Live Sicilia

“Furbetti” alla Salute, i sindacati: | “Danneggiano i lavoratori onesti”

E il Codacons chiede il licenziamento degli impiegati che saranno riconosciuti colpevoli.

LE REAZIONI
di
5 Commenti Condividi

PALERMO – “Se saranno accertati gli illeciti ipotizzati, i furbetti del cartellino scoperti, dalla Guardia di Finanza di Palermo, all’interno dell’assessorato regionale alla Salute di piazza Ottavio Ziino a Palermo, dovranno risarcire i cittadini per i danni loro arrecati”. Lo afferma il Codacons sull’operazione antiassenteismo all’assessorato alla Sanità della Regione Siciliana. L’associazione di consumatori chiede “il licenziamento immediato dei dipendenti assenteisti e l’avvio di azioni di recupero delle retribuzioni ingiustamente percepite, soldi che dovranno rientrare nelle disponibilità della collettività”.

E in una nota la Cisl Fp Sicilia scrive: “Confidiamo nel lavoro delle forze dell’ordine e della magistratura affinché chi è colpevole paghi, così che le colpe di alcuni ‘furbetti’ non debbano ricadere sull’intera categoria dei dipendenti regionali”. “Il nostro impegno costante – afferma Paolo Montera, segretario della Cisl Fp Sicilia – rimane quello di difendere i diritti e la rispettabilità di tutti quei lavoratori che ogni giorno dimostrano professionalità e responsabilità nei confronti dell’amministrazione e di tutti i cittadini siciliani”.

“Chiediamo, a nome di tutti i lavoratori e le lavoratrici oneste – aggiungono il segretario generale Gaetano Agliozzo e la segretaria regionale Clara Crocè della Fp Cgil – che la magistratura sia rapida nelle indagini per definire le eventuali responsabilità con le relative sanzioni, ripristinando così l’immagine dei dipendenti della Regione Sicilia. E chiediamo alla Magistratura, ma anche all’opinione pubblica, di non fermarsi di fronte alle responsabilità dei singoli lavoratori, perché sono chiamati a rispondere anche i dirigenti rispetto al mancato controllo e all’omessa vigilanza. Condanniamo con chiarezza e con fermezza tutti i comportamenti che violano le regole, perché non solo si arreca un danno a tutti i cittadini che sostengono il mantenimento dei servizi pubblici ma, soprattutto, si danneggiano tutti gli altri lavoratori e lavoratrici”.

“Abbiamo fiducia nella magistratura e chiediamo che si faccia chiarezza al più presto. Condanniamo questi episodi di assenteismo che danneggiano la maggior parte dei lavoratori onesti – dicono Claudio Barone, segretario generale della Uil Sicilia,  ed Enzo Tango, segretario generale della Uil Fpl Sicilia -. Oltre a stigmatizzare eventuali comportamenti criminosi e’ necessario aggiornare il sistema di controllo della Pubblica amministrazione per rendere più difficili comportamenti illeciti”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

5 Commenti Condividi

Commenti

    esistono ancora i sindacati?

    ma non cambiano mai queste persone sono 30anni che leggo i soliti commenti, in notizie similari, dalle solite persone, … sempre le stesse …

    Ma se sono i primi a favorire questi furbetti.Ricordiamoci che il Presidente Musumeci ha parlato di 2500 dirigenti sindacali nell’organigramma regionale che non possono essere spostati o trasferiti,è vero ?Chi li protegge questi?Anche questo è lassismo assenteismo collusione.

    GIUSTO CHE I SINDACATI DICANO CHE I COMPORTAMENTI DEGLI ASSENTEISTI DANNEGGIANO I LAVORATORI ONESTI.
    E ALLORA, UNA VOLTA TANTO LA FINISCANO DI IMPEDIRE IL LICENZIAMENTO DEI DISONESTI, IN QUESTO MODO RENDENDO ONORE VERAMENTE AGLI ONESTI.
    DA SEMPRE I SINDACATI HANNO TUTELATO COLORO CHE NON LO MERITANO, FACCIANO IL SALTO DI QUALITA’ UNA VOLTE PER TUTTE, PERCHE’ IL SINDACATO CHE SIAMO ABITUATI A CONOSCERE FIN’ORA HA FATTO TUTT’ALTRO.

    anchio nella pubblica amministrazione e quando chiedo un giorno di malattia in quanto più anziano un acciacco non mi molla mi sento colpevole e tutto il giorno vivo ore di angoscia perché non sono in servizio e mando avanti le pratiche, e questi soggetti non solo non lavorano ma anche sono presenti con l’aiuto di altre bestie che li coprono, non hanno il senso di colpevolezza e magari in fase istruttoria chiederanno i danni morali ed economici perché loro sono stati denunciati. boh boh e io che mi colpevolizzo per una richiesta che mi è dovuta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *