Pride 2013, la parata in città| Centomila persone presenti - Live Sicilia

Pride 2013, la parata in città| Centomila persone presenti

Maria Grazia Cucinotta in uno dei carri del Pride

Dal mare, il corteo festoso arriva al gay village dei Cantieri culturali alla Zisa, passando per due ali di folla che applaude.

Palermo
di
113 Commenti Condividi

PALERMO –  “Ti vogghiu bene”, “L’amore è un diritto universale, lottiamo per riprendercelo”, “Amare, costruire una famiglia, sposare la persona che desideriamo, vogliamo solo vivere come tutti gli altri”: questi e tanti altri i cartelli, in tono più o meno serio, esposti nel corso della parata del Pride 2013 targata Palermo. Il corteo che segna il culmine della manifestazione ha preso il via dal Foro Italico attraversando le principali arterie cittadine: da via Cala a corso Vittorio Emanuele, da via Roma a piazza Luigi Sturzo colore, bandiere arcobaleno, musica e allegria hanno fatto da padrone nel corso dell’intera sfilata.

Tanti i giovani presenti all’evento che, sotto il sole cocente hanno dato vigore a suon di balli e cori alla giornata più attesa nel capoluogo siciliano. “Questo Paese potrebbe essere bellissimo, eppure, le discriminazioni e i pregiudizi da abbattere sono ancora tanti – tuona con parole accorate un giovane che tiene per mano il compagno – Sono omosessuale dovrei vergognarmi di questo? Qualche tempo fa accadeva, è vero, i giudizi e gli sguardi della gente mi terrorizzavano e mi impedivano di uscire sereno da casa. Avevo smesso di sorridere, mi sentivo sbagliato e diverso, poi ho ripreso in mano le redini della mia vita e ho capito che devono vergognarsi coloro che ci etichettano come diversi”. Tra le novità principali quest’anno anche la presenza di una Triumph Spitfire che ha partecipato alla Targa Florio.

Venti i carri esposti nel corso della giornata nazionale dei diritti Lgbt tra cui quello del Coordinamento Palermo Pride che ha aperto la parata. In prima fila, dietro il lungo striscione arcobaleno presenti il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, il leader di Sel Nicky Vendola, il leader di Rifondazione comunista, Paolo Ferrero e le madrine Maria Grazia Cucinotta, Eva Riccobono, Vladimir Luxuria e Barbara Tabita. Grande coesione e solidarietà tra le presenze eccellenti che hanno rimarcato, ancora una volta, la necessità di una legge ad hoc che garantisca pari dignità ed uguaglianza. Prime fra tutti l’ex deputata e showgirl Vladimir Luxuria che ha invocato contro “il potere eterosessista lo stesso coraggio che c’é stato nel contrasto alla mafia – e ha continuato – Palermo oggi urla uguaglianza dobbiamo avere il coraggio di scardinare malelingue e barriere socio-culturali. Siamo qui, siamo vivi, siamo felici cosa si potrebbe chiedere di più?”.

Non sono mancate neppure le critiche nei confronti del Family day di stamani al parco Cassarà, la due giorni della manifestazione in difesa della famiglia. Schegge di fuoco quelle pronunciate dal leader di Sel: “Non comprendo quest’ulteriore discriminazione, oggi è un passo di grande portata per Palermo e la Sicilia in generale e, piuttosto che creare ulteriori barriere, bisognerebbe integrare questi due mondi seguendo il filo conduttore dell’amore e della coesione – ha dichiarato Vendola appena giunto in città – L’uguaglianza, la famiglia, l’amore sono i nutrimenti principali della nostra vita. Non posso accettare il fatto che nel 2013 la gente debba avere ancora terrore di uscire fuori dalla porta di casa per paura di essere oltraggiato, deriso, picchiato come spesso accade ancora”.

Il chilometrico corteo in festa è giunto, infine, nei pressi del Pride village sito all’interno dei Cantieri culturali alla Zisa dove si svolgeranno le battiture finali di un evento destinato a rimanere nei cuori e nei pensieri dei circa centomila partecipanti.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

113 Commenti Condividi

Commenti

    to be different……to be equal’………to be hypocritical caro Ollando.

    Di buono c’è che questo teatrino poco apprezzabile sta per finire.

    una buffonata tutta italiana… anzi, Palermitana… il GAY-PRIDE parte dalla capitale della disoccupazione, figuriamoci che da Palermo emigrano anche gli extra-comunitari.

    vattene in uganda allora

    Che c’entra Rifondazione comunista? E’ la solita strumentalizzazione politica?
    Non si era detto che si tratta di diritti?

    Agnello e sugù e finiu……

    qualcuno potrebbe spiegarmi se per RIVENDICARE diritti CIVILI…è NECESSARIO uscire col C*LO DI FUORI….ridicolizzarsi…e scadere nella assoluta VOLGARITA’ ???
    Carri ALLEGORICI…servono a rivendicare…cosa ??? Solo RIDICOLAGGINE….
    SOLO travestiti…non gay !!!!!!!!!!!!

    Mah…!!!

    @gianni : non finisce invece perché la Storia non si può arrestare

    Andare a Parco Urbano Ninni Cassarà per il Family Day – Giornata della famiglia.
    La risposta civile è questa: ORGOGLIO DELLA FAMIGLIA VERA.
    a DOMANI…….

    LE FAMIGLIE ANDRANNO AL FAMILY DAY CON LE CARROZZINE ED I BAMBINI CHE MAGARI DIVENTERANNO GAY …………
    LORO VANNO CON I “CARRI” IN PARATA ……………COME LE MASCHERE DI CARNEVALE E NON SE NE RENDONO CONTO.
    CONTENTI LORO ……………

    SE ERAVAMO 10.000 è già piu’ reale !!!

    Potete sfilare quanto credete,Il vostro Orlando vi puo’ sostenere quanto crede,ma le leggi le fa il parlamento,non certo Orlando,la maggioranza parlamentare non approverà mai il matrimonio omosessuale.

    Mi sta bene il gaypride ai cantieri della Zisa ma perchè paralizzare un’intera città il sabato pomeriggio? C’è gente che lavora tutta la settimana e il sabato pomeriggio lo dedica alla spesa e alle faccende domestiche. Il sindaco questo non lo sa. Lui probabilmente non è andato mai a fare la spesa.
    E questo vale per tutte le manifestazioni che bloccano il traffico cittadino come, per esempio, le varie maratone.
    Vadano alla Favorita dove c’è tanto spazio per loro e per chi vuole andarli a vedere.
    O forse c’è tanta voglia di esibizionismo?

    @Sonia Lombardo
    Se di storia si tratta, allora è proprio una brutta storia…

    di cui 8.000 per ridere alle loro spalle!!!

    Speriamo, Fabio… speriamo!

    Quello che non riesco a capire: qual è l’orgoglio ad essere gay o etero o quant’altro??? Non sarebbe stato meglio: l’orgoglio di essere se stessi?… e magari ognuno a casa propria?

    Bellissima manifestazione circondata dalla solita mala organizzazione…un tappeto di rifiuti lasciati a terra nella zona del foro italico da cui è partito il corteo, nessun aumento di cassonetti per aumentare la raccolta, venditori ambulanti ovunque che non rilasciavano nessuno scontrino. Insomma un quadro desolante per i turisti presenti

    non c’era nessun c*lo di fuori. Roby, mi spiace, ma non eri presente, quindi non dire cose che non hai visto e soprattutto FALSE!!!!!

    Una società positiva che ha saputo esprimere grande umanità e che da la certezza che il futuro sarà migliore per tutti.

    lupo, tornate nella steppa!

    il carnevale estivo è finalmente finito,orlando ci organizza anche il carnevale estivo,pensa al divertimento dei palermitani,ma che bravo,pero’ la prossima volta finanzi il carnevale estivo di tasca sua,se ci tiene,no con il denaro pubblico.

    “Amare, costruire una famiglia, sposare la persona che desideriamo, vogliamo solo vivere come tutti gli altri”! E CHI VE LO VIETA? MA NOI OMOFOBI ED ETEROSESSUALI POTREMMO ESSERE RISPETTATI, ALMENO PER LA NOSTRA SANA E NATURALE DIGNITA’? QUELLO DI CUI AVETE BISOGNO, ANDATELO A FARE NEI PAESI DOVE ESISTONO CULTURE SUPERIORI ALLA NOSTRA, LARGHE VEDUTE E CIVILTA’ PROGREDITA. NOI ITALIANI E SICILIANI “NORMALI” VOGLIAMO RIMAMERE COSI’, ARRETRATI, INTOLLERANTI E FIERI DI ESSERE ETEROSESSUALI.
    CHISSA’ SE QUALCHE COMMENTATORE/TRICE CRITICO/A COMMENTERA’ ANCHE QUESTO SECONDO IL SUO ACIDO E FRUSTRATO STILE DI PERSONA CONSAPEVOLE DI ESSERE AVVOCATO DELLE CAUSE PERSE. SIMPATICAMENTE CIAO A TE.

    quanta depravazione ho visto in giro…..!!!!!!!

    mhhhh… mi sai che hai torto, proprio torto, se non oggi, domani invece sì

    credo proprio che la causa non sia persa ma sarà vincente e anche quelli come te impareranno il rispetto del’altro: anch’io sono serenamente eterosessuale, sarà perché nessuno mi discrimina e mi dà dell’anormale che non ho bisogno di rivendicare il mio essere me stessa?

    quando tutti saranno rispettati allo stesso modo sì, non prima

    al family day ci sarà gente contro altra gente, al pride c’erano persone (anche tante eterosessuali) a favore di altre persone, la differenza è tutta lì

    @gianni _ il teatrino purtroppo sta per finire, Palermo dovrà accontentersi della tua presenza

    Cara Lorella, ha ragione roby, se il Gay-Pride è uguale in tutta Italia di culi e non solo, altrove se ne sono visti in abbondanza. Quindi non stiamo a dare le pagelle ai singoli partecipanti, la festa del carnevale… è nazionale. Quali diritti…

    se non vi piace andatevene in un’altra città dove vi sono usi e costumi che fanno per voi. Palermoè anche gay, che vi piaccia o no 😀

    prego la redazione di livesicilia di rimuovere i commenti omofobi dalla pagina. L’attività di moderatori consiste appunto in questo.

    Cara Sandra (Alice nel paese delle meraviglie), recitava una meravigliosa massima: “Da giovani s’impara a parlare, da vecchi a tacere.” Cioè, la differenza fra l’idealismo, di quando si è giovani che porta sempre a perdonare tutti, a sognare un mondo perfetto, diventare paladini dei deboli e invece, il pragmatismo di chi ha vissuto e ha dovuto, suo malgrado, constatare la natura doppia di certi uomini che usano a proprio favore la natura pulita e generosa dei primi. Non è mia intenzione deluderti, ma anch’io credevo in certi ideali e parlavo, parlavo… Crescendo (e non si finisce mai) mi accorsi che i miei migliori maestri erano quelli che avevano una doppia identità (Amici e carnefici). Non mi sono mai arreso, ma adesso opero in silenzio. Ho lasciato le piazze e le sfilate ai professionisti dell’ipocrisia e della falsità. Ricordati che dietro ogni eroe c’è sempre un mandante che lo sacrificherà per gli ideali e le giuste cause come il Gay-Pride.

    @ Lorella:Potessi, ci andrei subito.
    Comunque ricorda che la tua libertà finisce dove comincia la mia.

    Se questa è una lotta per i diritti, allora credo anche nella libertà di pensiero e di parola. Sarà compito di chi legge commentare e cimentarsi in una dialettica più convincente. Non si può ricorrere alla redazione perchè non piace ciò che non è in linea con i nostri pensieri. Si commetterebbe lo stesso errore imputato agli altri. Sono d’accordo nel censurare tutto ciò che è volgare e offensivo, ma credo che la redazione di LiveSicilia faccia già un buon lavoro, in tal senso.

    ma diego, futtitinni e rilassati….ea una festa, solo ieri, campa tranquillo!!!

    Molti dei commenti omofobi sono intrisi di paura e cattiveria, inaudita aggressività e immaturità. Comprendo il desiderio di dire la propria, di lasciare una traccia o di rispondere a pensieri diversi dal proprio, ma ritengo sia inaccettabile esprimersi con certi toni.

    Detto questo, alla fine credo che l’importante sia essere felici, non arrecando particolare danno all’altro, esclusi ovviamente i capricci, che dovrebbero essere ad esclusivo appannaggio dei bambini.

    La manifestazione di ieri è stata al contempo un inno alla sobrietà e alla felicità, alla gioia e alla voglia di stare bene insieme, anche cantando la propria voglia di ascoltarsi e di ascoltare.. non è stato sicuramente un sordo urlo per imporre il proprio modo di vedere come l’unico possibile.

    “Alcune persone sono gay. Fattene una ragione” penso riassuma perfettamente il giusto approccio da tenere. Bisognerebbe cercare di riuscire a vivere con felicità la propria vita, sperando con tutto il cuore che anche gli altri possano riuscire a fare altrettanto. La vita di ciasuno di noi è così breve che non merità di lasciarsi intossicare da gente che non vuole essere felice, o che forse non ci riesce, o, probabilmente, che vive una vita inconsapevole.

    Ieri, io e la mia ragazza, siamo stati al Pride, e venerdì e ieri sera al Village. E’ stato bello, gioioso ed emozionante.. ricco di luoghi ed eventi dove è stata creata, trasmessa e diffusa un bel po’ di felicità, e di sana e giusta consapevolezza di vivere..

    Quando non capisco qualcosa mi avvicino in silenzio.. e se continuo a non capirla, mi allontano con uguale silenzio.. non urlo per coprire la voce degli altri.. soprattutto se la felicità degli altri può abbracciare e sostenere la mia stessa felicità, fino a farne parte attiva.. non isolatevi nelle vostre convinzioni.. vivrete solo infelici.. o inconsapevoli..

    Le parole di Dario sono rilassanti e condivisibili, ma credo che la polemica che spesso sfocia in gazzarra è la reazione normale di chi vorrebbe dei giusti comportamenti bilaterali. Esempio: se uno deve reclamare dei diritti, lo potrebbe fare con i mezzi normali sfilando (non capisco perchè) senza creare disagi agli altri, potrebbe vestire in modo più sobrio senza destare l’attenzione di chi non ama le nudità gratuite, etc. etc. Una società civile che si è data delle regole (anche ipocrite) per non esagerare con i comportamenti che non fanno più parte dei diritti ma solo di puro esibizionismo, vorrebbe meno caciara e più buon gusto. Un esempio estremo potrebbe essere quello del tizio che pur avendo diritto di espletare i propri bisogni fisiologici, li fa all’aperto davanti a tutti, ribellandosi poi se gli altri per debolezza di stomaco gli vomitano addosso. La colpa non sarebbe di chi gli ha vomitato addosso, ma di chi ha provocato il vomito. Per evitare di vivere come gli animali, sono state create delle convenzioni proprio per non degenerare nel cattivo gusto. Che bisogno ho di dimostrare da Gay che amo il mio uomo baciandolo pubblicamente porgendogli 15 cm. di lingua, solo perchè ho dei diritti? Perchè devo esporre al vento delle tette non mie, solo per dimostrare che vorrei essere una donna? Questo è spettacolo gratuito e provocazione pura. Agli altri non gliene frega un bel niente di questa manifestazione, sicuramente gli eterosessuali non vanno a manifestare solo per dire che sono come Dio li ha fatti. Ognuno accetti umilmente ciò che la natura ha creato e tutto vedrete che funzionerà bene. Personalmente ho degli amici Gay che non condividono queste manifestazioni perchè si sentono paragonati più a dei pagliacci che a delle persone normali. Essi vivono la loro condizione serenamente e dignitosamente senza doversi nascondere e soprattutto la vivono con intelligenza e grande pudore. Vogliamo dire un’altra verità nascosta? Non pensate che dietro tutto questo c’è tanta, ma tanta politica?

    Ho sempre letto live sicilia ma sto notando che è frequentato da molti omofobi che dovrebbero curarsi.. la redazione dovrebbe provvedere ad eliminare alcuni commenti di gente ignorante e omofoba

    @lorella, non rispettare le idee degli altri perchè diverse dalle vostre già vi fa essere intolleranti come chi non rispetta i gay, non c’è bisogno di invitare il lupo a tornarsene nella steppa dileggiandolo solo perchè non ha la tua opinione, sei esattamente come tutti gli altri: vergognosamente intollerante!

    purtroppo è vero, ero in balcone e due ragazze si sono messe dietro una macchina a defecare, senza dignità, spero che avessero il sacchetto e la paletta per raccogliere come faccio io col mio cane!!!Non capisco cosa c’entri questo con l’orgoglio! Sono amica di gay dignitosissimi che non avrebbero mai fatto un’azione simile!!

    Ho notato che Samuele e Andrea, prima, chiedono alla redazione di Live Sicilia di rimuovere alcuni commenti, secondo loro, di gente ignorante e omofoba. E cosa interessante, dicono che si dovrebbero anche curare. Non sapevo che entrambi fossero due medici e che avessero la scienza infusa stabilendo che gli altri fossero ignoranti. E’ triste doversi confrontare con persone limitate e indottrinate fino al fanatismo. Pur di sostenere le loro discutibili tesi, sono capaci di farsi annebbiare la mente dall’odio fino a chiedere il sostegno della redazione di Live Sicilia, minacciandola in modo subliminale dicendo: “Ho sempre letto live sicilia ma sto notando che è frequentato da…..”, (caso contrario non la leggerò più!) Come i bambini viziati che chiamano papà per farsi difendere, perchè loro non sono capaci essendo stati abituati sempre a farsi i c…i propri. Un vero classico di chi difende a parole i Gay, ma non li ospiterebbe mai in casa propria. Veri sepolcri imbiancati.

    Fare di Palermo una città tollerante è cosa vecchia, ci aveva già pensato Federico II ma portarla adesso in una condizione di disoccupazione, dove 3200 famiglie si ritrovano senza soldi dopo aver lavorato 13anni, è tutto merito del presidente Crocetta. grazie Presidente per aver violato i nostri diritti, ed anche per sempre!

    Sono settimane che leggo commenti di omosessuali e amici di omosessuali. Tutti carini e rispetto con chi è d’accordo con loro. E giù insulti, invece, a chi con loro non è d’accordo: “omofobo”, “vattene in Uganda”, “Palermo dovrà accontentarsi della tua presenza”, “se non vi piace andatevene” quelli più carini. Sapete una cosa? Io rimango a Palermo alla quale ho dato il mio contributo di civiltà con il mio lavoro dignitoso.
    Date del razzista a chiunque e pretendete che tutti accettino le vostre idee strampalate. Siamo arrivati al punto che essere eterosessuale e tifare per la famiglia tradizionale è diventata quasi una colpa. Non è così, perché se il resto del mondo la pensa come voi (o fa finta) non significa che sia la cosa giusta.
    E la sapete un’altra cosa? I veri razzisti siete voi.

    @ Diego e 100.000 : evidentemente avete piu’ dati della prefettura……..patetici !!!

    @GAETANO58 : ” […] MA NOI OMOFOBI ED ETEROSESSUALI POTREMMO ESSERE RISPETTATI, ALMENO PER LA NOSTRA SANA E NATURALE DIGNITA’? QUELLO DI CUI AVETE BISOGNO, ANDATELO A FARE NEI PAESI DOVE ESISTONO CULTURE SUPERIORI ALLA NOSTRA, LARGHE VEDUTE E CIVILTA’ PROGREDITA. NOI ITALIANI E SICILIANI “NORMALI” VOGLIAMO RIMAMERE COSI’, ARRETRATI, INTOLLERANTI E FIERI DI ESSERE ETEROSESSUALI.[…] ” E’ evidente che tu hai bisogno di aiuto ,caro Gaetano58,in via Pindemonte esiste un ottimo CSM che il SSN mette a disposizione dei cittadini.Vacci al piu’ presto

    Il gay pride? fatelo nella russia di putin.

    ronny non eri presente quindi taci ed evita di mentire sapendo di mentire.

    @Vincenzo: Come no !!! Incitare all’odio,offendere senza pudore e minacciare per te é dialettica ? Io la chiamo VIOLENZA

    L’omosessualità è una malattia.

    @marco: della serie io non sono razzista ,ma……..da quell’autentico revisionista qual sei affermeresti che gli ebrei odiavano i nazisti ,Lucrezia Borgia era un’anticipatrice della chimica e magari Nerone era un incompreso

    L’unica patologia del giudizio abbastanza accertata è quella di chi pensa che l’omosessualità sia una malattia. La psichiatria sul tema è concorde, a parte qualcuno sospetto di forti pregiudizi ideologici. Saluti.

    Caro Gianni, se fai una piccola riflessione su come si è evoluta in peggio la vita a Palermo e altrove, ti renderai conto che una certa parte politica favorevole alla sistematica disgregazione dei valori tradizionali, usando l’arma delle parole come: razzisti, classisti, omofobi, il sociale, diritti, sciopero, capitalisti, etc., etc, hanno intimidito e condizionato la vita pubblica e come un cavallo di Troia si sono inseriti nella vita di ognuno di noi facendoci sentire in colpa per qualsiasi nostra azione. Il potere non lo stanno conquistando democraticamente, ma convincendo le masse che hanno solo diritti e niente doveri. Tutto ciò che prima era basato sulle regole, nel tempo è stato trasformato solo in diritti assoluti. Facendo leva sui bisogni delle masse e su un indottrinamento lento e inesorabile, li hanno scatenati contro coloro che teoricamente dovrebbero essere i nemici del popolo. Oggi, questo processo si sta realizzando anche con queste manifestazioni folkloristiche che sono il riconoscimento agli interessati di qualcosa che dovrebbe sostituire il naturale equilibrio di una società, fino a poco tempo fa funzionante.

    @Sonia Lombardo: Ho già conosciuto soggetti che detengono tutte le verità e lo scibile umano, ma come intellettuale e missionaria da salotto credo tu sia ancora alla ricerca di una serenità personale. Anche se sembri uscita dal pensiero di Kurt Lewin, l’argomento non merita tanto. Non sprechiamoci.

    Effettivamente se uno nasce masculo o fimmina… un motivo ci sarà!!! Sarebbe troppo bello essere come gli “Angeli” (senza sesso) e al momento opportuno potere scegliere!!!

    Questo Mario una fesseria più grande di questa cioè che l’omossessualità è una malattia non la poteva dire, ma certo che ignoranza così disarmante e difficile trovarla, complimenti. Se questo può essere interessante io sono una madre di due figli etero, ma se mai uno sei miei figli mi dicesse di esserlo, certo non rimarrei indifferente, ma lo amerei nello stesso identico modo di come lo faccio ora, ma certo proverei tanta amarezza pensando le difficoltà nella vita che hanno queste persone.

    palermo è gay, e ci mette la faccia anche il cool 😀 ahahahahha!!!

    vedere gli sviluppi psichici di un bambino che convive con 2 uomini uno dei quali lo chiamerà “mamma” o “compagno di papà”, lo spero davvero…ci tengo a capire se crescerà maturo o deviato….ma la risposta al 99% dei casi la sappiamo….e non c’entra un cazzo l’intolleranza….w i gay, io sono perchè convivano e si sposino, ma sui figli ecco non è una loro scelta, quindi come si rispetta voi rispettate un bambino che vuole una mamma e un papà.

    eventualmente a te cosa cambia?

    @Marco : senza scomodare la psicologia sociale io qui ti dico che ne riparleremo quando fra non molto verrà approvata le legge contro l’omofobia.quel giorno non ci sarà bisogno di “sprecarsi” perchè il tutto sarà un problema “di polizia “. P.S. : io sono una persona SERENISSIMA,caro Marco che crede nella Legge e nella coesistenza a differenza di te che puoi affermare la tua identità attraverso atteggiamenti “muscolari ( Come i bambini viziati che chiamano papà per farsi difendere, perchè loro non sono capaci essendo stati abituati sempre a farsi i c…i propri )

    ahahahhahahahhahahahahhahahahahahahahahhahahahhahah! illuso ahahahhahahah

    ma quanto ti rode?????!!!!

    allora dateci l’invalidità civile?!

    Ma veramente non capite che i diritti che chiediamo da tanto, troppo tempo, non li togliamo a nessuno?? Perchè nel paese in cui pago le tasso non avrei il diritto di non sposare la persona che amo? Perchè nel paese in cui vivo non posso entrare in un ospedale pubblico dove è ricoverato il mio uomo perchè non sono riconosciuto?? Perchè???????

    Se siamo malati voglio l’invalidità!!!!! Se io sono malato lei sig mario, è un ignorante!!

    Già caro Andrea, come non si può consentire che un utente può dare dell’omofobo, del retrogrado, del razzista, del nazista, dell’arretrato e via dicendo ad un altro utente sol perchè a quello non piace il Gay Pride o non condivide talune rivendicazioni degli omosessuali. Troppo comodo pretendere di leggere solo quello che piace, esistono anche il contraddittorio e le disparità di vedute….informati prima di chiedere alla redazione la censura di altre persone.

    Ero all’estero per motivi di lavoro, all’aeroporto ho ascoltato alcuni commenti sul gay-pride di Palermo, certo non molto edificanti, soprattutto sull’opportunità di sfilare per le pubbliche vie denudati e/o carnevalescamente bardati su carri allegorici.
    Ma c’è necessità di presentarsi alla città di Palermo, per ottenere dei “Diritti”, così vestiti (o meglio svestiti?).
    Sarebbe meglio affrontare il “problema” con dibattiti pubblici, dove tutti i partecipanti possano esprimere liberamente il loro pensiero, magari con l’aiuto di moderatori neutrali e professionisti (medici e psicologi) che riescano ad interpretare il pensiero…

    @Sonia Lombardo. Non mi ero sbagliato! Come soggetto corrispondi a quella categoria di persone che amano manipolare il contenuto di uno scritto, estrapolando una frase dal contesto originale e cambiandone il senso. E’ un’arte adottata da coloro che, feriti nel proprio orgoglio, non sanno come colpire chi non la pensa come loro e spargono fango e illazioni a destra e a manca, trovando conforto in eventuali consensi da parte di chi viene tratto in inganno leggendo il commento. Per alleviare la tua irritazione ti posso assicurare che non ho nulla contro i Gay e i loro diritti, infatti ho molti amici tra di loro. La differenza tra questi e quelli che si esibiscono in costume sui carri, consiste nella loro riservatezza, sensibilità e pudore. Mentre tutto ciò che viene urlato, esibito, sbattuto in faccia alla gente gratuitamente, è volgare e tendenzioso. Ma forse parliamo due lingue diverse a causa di esigenze diverse. Non ho mai amato le persone che parlano facilmente di polizia, di tribunali, di avvocati, di denunce, in quanto chi ha la minaccia facile, di solito specula sull’equivoco per trarne vantaggi di tipo economico o di notorietà a causa della propria tendenza alla spettacolarizzazione delle notizie. Pertanto, la nostra conversazione si chiude qui e lascio a te il salotto dove puoi intervenire senza contraddittorio. Auguri per una vita migliore in un mondo ancora più libero.

    Hai proprio ragione, ma non c’è più sordo di chi non vuole sentire. Loro vogliono cambiare il mondo accusando il genere umano di avere usurpato il loro posto e i loro antichi diritti. Fortunatamente per fare un figlio, a parte i laboratori, è necessaria una donna e un uomo.

    Caro Samuele, nessuno ti vieta di amare un altro uomo, anzi è una cosa bella. Tutti hanno diritto di amare, però la contestazione è riferita a questo spettacolo eccessivo, volgare, che invade la vita degli altri. Il tuo perchè??????? lo ribaltiamo con un altro perche??????? di chi non vuole spettacoli discutibili come quelli che danno i tuoi amici del Gay Pride. Per reclamare dei diritti, esistono canali meno costosi per l’amministrazione pubblica (cioè noi cittadini) e con meno disagi per chi vorrebbe una città meno incasinata dalla vostra manifestazione.

    Però c’ è da dire una cosa, va bene il commento positivo, va bene anche quello negativo, ma intanto, 100mila persone hanno partecipato, e non sono pochi.

    ”E Dio disse..”amatevi e moltiplicatevi”…ma evidentemente questo estratto biblico non ha valore ..sarebbe opportuno dire senza ombra di dubbio che a tanti gay la chiesa fa schifo anche per questo..la verità e solo una non ammetterete mai che siete un anomalia anzi vi sentite offesi e denigrati non che vittime,volete sposarvi.avere figli adottivi..Egoismo,le coppie sono coppie non copie!!!!

    @Marco : auguri anche a te caro Marco vedrai che nel mondo che verrà,cioè il mio, ti troverai bene……

    @Marco : “[…] ti posso assicurare che non ho nulla contro i Gay e i loro diritti, infatti ho molti amici tra di loro […]” E’ una frase che molto assomiglia a quelle pronunciate dai ricchi piantatori della Virginia nei confronti dei loro “amici” negri & schiavi di cui si legge nel capolavoro di Harriet Elizabeth Beecher Stowe. Perché vedi ho il sospetto che i cosiddetti gay per te possono essere “amici” ma ad una precisa condizione :che rinuncino alla propria identità e siano condannati ad un’esistenza invisibile.Poi caro Marco visto che io sono una così abile manipolatrice dei tuoi scritti perché non scrivi cose diverse, magari meno subdole e piu’ intelligenti ? Dai provaci…..

    @pidduzzu : ” […] la verità e solo una non ammetterete mai che siete un anomalia […]” . Di anomalo c’é solo la tua pervicace volontà a frammentare l’umanità .Comunque a giudicare da quello che ho visto sabato,sembrerebbe che Palermo si sia risvegliata città “anomala” !!!

    @Sonia Lombardo. ” Ogni riferimento a persone esistenti o a fatti realmente accaduti è puramente casuale ” THE END

    Almeno hanno contribuito all’economia locale.

    LE FAMIGLIE CON BAMBINI AL SEGUITO POSSONO TESTIMONIARE CHE NON C’ERA NESSUNA VOLGARITA’, NESSUNA INCIVILTA’, MA TANTA SANA ALLEGRIA E IMPEGNO CIVILE.
    MOLTO MEGLIO DELLA VOLGARITA’ E CERTE UMILIAZIONI DELLA DONNA CHE CI PROPINANO CERTE TV COMMERCIALI!
    E’ STATO UN TRIONFO DI NUMERI E DI PARTECIPAZIONE, DI SIMBOLI E DI SIGNIFICATI!
    CHI NON HA PARTECIPATO NON SA COSA SI E’ PERSO!
    PS: CON MIA SOMMA MERAVIGLIA HO INTRAVISTO UN GRUPPETTO DI GIOVANI DELLA EX FORZA ITALIA CHE SI DIVERTIVANO E SI SCATENAVANO NEL VILLAGGIO DEL PRIDE. MOLTO PIU’ APERTI DEI LORO POLITICI DI RIFERIMENTO E DEI LORO PARTITI DI RIFERIMENTO.

    LE UNICA MALATTIE ACCERTATE IN QUESTO CAMPO SONO L’OMOFOBIA, LA PAURA DEL DIVERSO, LA XENOFOBIA…SONO ATTEGGIAMENTI CHE DENOTANO IL PROFONDO STATO DI FRUSTRAZIONE, LA PROFONDA MISERIA MORALE E UMANA, IL PROFONDO FALLIMENTO ESISTENZIALE DI CHI E’ AFFETTO DA OMOFOBIA E RAZZISMO!
    W IL PRIDE!
    W LA PALERMO ANTIOMOFOBA E ANTIRAZZISTA!

    MI DISPIACE FAR NOTARE CHE AL FAMILY DAY, ERRONEAMENTE ORGANIZZATO IN CONTRAPPOSIZIONE E NEI GIORNI DEL PRIDE, C’ERANO SOLO 30 PERSONE, MENO DI QUANTO AVEVO PRONOSTICATO IO. I NUMERI SONO STATI IMPIETOSI COME AVEVO PRONOSTICATO IO E NONOSTANTE L’AMPIO SPAZIO DEDICATO DAI MEDIA A 30 PERSONE RIUNITE NEL FAMILIY DAY.
    MEDITATE GENTE MEDITATE E LA PROSSIMA VOLTA NON VI CONTRAPPONETE, PER EVITARE UNA NUOVA MALAFIGURA!

    ULTIMA COSA: PALERMO SI E’ DIMOSTRATA MOLTO PIU’ TOLLERANTE DI QUANTO VOLEVANO FARE CREDERE CERTI UTENTI OMOFOBI. E’ LA PROVA CHE LA REALTA’ E’ DIVERSA DALLA REALTA’ VIRTUALE.
    N0N C’E’ STATO PALERMITANO CHE HA CONTESTATO IL PRIDE AL SUO PASSAGGIO. TUTTI HANNO APPLAUDITO E SOLIDARIZZATO.
    I SOLITI 4 UTENTI OMOFOBI ERANO CHIUSI NEL CHIUSO DELLE LORO MENTI, DELLE LORO CASE E DEI LORO PREGIUDIZI!
    PALERMO BATTE OMOFOBIA 10 A ZERO!

    @Giuseppe il Rosso. Quanto ti hanno pagato per questo spot pubblicitario a caratteri cubitali? Addirittura 4 commenti sperticati con la bava alla bocca. Che tristezza……

    ERA URA…… CU STA’ BRUNILLATA!!!

    Mi fa piacere che hai visto tanti ragazzi che si divertivano al Gay Pride…e mica qualcuno sta dicendo che divertirsi è sbagliato…non siamo nè a Islamabad nè a Teheran.

    Ullallà…fallimento esistenziale solo perchè si esprime un giudizio su una manifestazione o si è contrari a certe rivendicazione dei gay? Una bella idea del comunismo la sua non c’è che dire….

    Al Family Day potevano esserci solo tre persone invece che trenta, senza la family non esisterebbero manco i gay…questioni tecniche. Comunque caro Giuseppe, l’idea della malafiura è molto soggettiva, ognuno si tiene la sua.

    E te credo, ora magari reputo il Gay Pride una colossale minchiata però ci vado per insultare e contestare…e vero e verità u maluchiffari…

    MI PERMETTO DI RISPONDERE MODIFICANDO IL TERMINE “MALATTIA” IN “PERVERSIONE SESSUALE”.

    MA CON TUTTI QUESTI PRONOSTICI, PERCHE’ NON MI DAI 6 NUMERI PER IL SUPERENALOTTO? PROMETTO CHE IL PROSSIMO GAY PRIDE VE LO FINANZIO IO SENZA, POI, TASSARVI COME FARANNO CROCETTA E ORLANDO. SALVE.

    Giuseppe il rosso… l’abbiamo capito a quale sponda appartieni ma ora riposati un po per favore… un fari chianciri i picciriddi!!!

    perversione, stupido, ignorante, bigotto, cafone…perverso sei tu! adesso cancellate il mio commento

    leggi, informati, sei la solita che dice le cretinate dette in giro, la scienza dimostra il contrario, pensa a te e tuo marito, pensa se tu sei una buona madre o un padre perfetto!

    hanno fatto una riunione contro il pride, sti rosiconi….siii sono intollerante contro gli omofobi e ne sono fiero siete una piaga!

    PERSONALMENTE AVREI VOLUTO CONFRONTARMI CON PERSONE MOLTO PIU’ SERIE SU QUESTO ARGOMENTO. HO CONDIVISO MOLTI COMMENTI INTELLIGENTI E PARECCHIO SOBRI AL RIGUARDO, GIUDICANDONE ALTRI, CON IL POLLICE SU’.
    QUELLO CHE PERO’ MI HA PROFONDAMENTE DISGUSTATO, SONO TUTTI QUEI COMMENTI DI COLORO I QUALI CREDONO DI AVERE UN’INTELLIGENZA SUPERIORE ALLE ALTRE E CHE SI RITROVANO, NON SO’ PER QUALE NEURONE CEREBRALE MANCANTE, INSIEME AD ALTRE CHE NON CAPISCONO NEANCHE QUELLO CHE DICONO.
    CON QUESTO COMMENTO VOGLIO CHIUDERE OGNI MIO INTERVENTO SU QUESTO ARTICOLO DICENDO A QUESTE PERSONE CHE: “IL SILENZIO E’ LA PIU’ ALTA FORMA DI DISPREZZO”.
    RINGRAZIO LIVE SICILIA ED I SUOI MODERATORI PER LA PAZIENZA DIMOSTRATA NEI MIEI CONFRONTI, AUGURANDO “BUON LAVORO”.

    ROSARIO, CREDO CHE LA TUA FRUSTRAZIONE SIA INVEROSIMILMENTE ARRIVATA AL
    PARADOSSALE! TIRA I FRENI E DIVERTITI COME VUOI. ILTUO ESSERE ACIDO E’ SIMILE A QUELLO DI TALE SONIA LOMBARDO E GIUSEPPE IL ROSSO. SIETE PATETICI E PRONTI AD ESSERE INTERNATI NELLA STESSA STRUTTURA CHE MI AVETE CONSIGLIATO PER UNA VISITA SPECIALISTICA.
    ALLE VOSTRE OFFESE GRATUITE VI RISPONDO CON IL MIO SINCERO “DIO VI ASSISTA”.
    SALUTI.

    Signor sindaco speriamo che x la nostra. Cara santuzza farai lo stesso .non ti tirare indietro x la festa dicendo che soldi non c’è sono

    diego, lei classifica le persone in base alle attitudini sessuali (ed io al posto suo mi fare qualche domanda); io utilizzo altri parametri e so bene a quale sponda lei appartiene (e le assicuro non è la mia certamente)

    @Prince. E quindi?

    Non hanno pubblicato un mio commento, che di offensivo, a mio modo di vedere, non c’era nulla. Anzi ho letto quà più offese gratuite che in tutti i post che ho letto da quando seguo livesicilia on-line.
    Ripropongo, magari riformulando la mia richiesta: ecco desideravo conoscere l’opinione della sig./sig.ra Sonia Lombardo circa il water a cielo aperto utilizzato da qualche graziosa donnicciuola durante la sfilata. Mi chiedo con semplicità: se mia figlia mi avesse chiesto il motivo per cui quegli esseri viventi avessero utilizzato la strada per defecare, io non avrei saputo cosa risponderle! E’ questa la libertà di espressione di cui si parla durante la sfilata gay? Beh e allora io non ci sto, perchè questa è una baggianata, non è una protesta…è solo un momento in cui ttti sono legittimati a compiere atti anormali. Perchè essere gay non significa ostentare il proprio orientamento sessuale, significa esserlo e basta. Le battaglie si combattono a muso duro e rimanendo seri, credendo veramente su ciò che uno si prefigge di ottenere.
    I carri, i vestiti grotteschi, i gesti estremi esposti al pubblico ludibrio fa dei gay dei veri e propri pagliacci e li rende poco credibili…e a volte depravati, si cara sig./sig.ra sonia -depravati-: perchè mostrare il gingillo o il seno siliconato o cagare per strada di fronte chiunque è un gesto depravato e pertanto i partecipanti “attivi” alla parata assumono i connotati predetti. Dove inizia la libertà di essere fuori controllo, finisce la mia libertà di onesto e cosciente essere umano, prima che cittadino.
    I gay, come peraltro normalmente fanno, perchè ho la fortuna di conoscerne qualcuno, si comportano in maniera diversa dagli egocentrici che hanno manifestato sabato. Penso questo perchè questa è la mia esperienza di vita. Se lei, sig./sig.ra sonia, valuterà il mio pensiero come un’offesa nei confronti del mondo omosessuale, avrò la prova provata che mi sto rivolgendo ad un essere vivente al quale manca il buon senso.

    P.S. le sue risposte sono violente e stizzite…si rilegga e provi a fare un esame di coscienza, grazie.

    @vomitai : se lei ha assistito effettivamente alla scena delle due ragazze che si sarebbero messe a defecare in pubblico, ebbene Lei ha pienamente ragione.In quel caso ci troveremmo davanti a due persone “disturbate” .Ma io non ho visto nulla di tutto cio’ e quindi la veridicità di tale episodio deve essere dimostrata,contesto invece nel modo piu’ categorico che nella manifestazione vi fossero persone con abiti discinti o “parti anatomiche” ben in vista.

    x diego: ti rassicuro, sono eterosessuale, ma non mi offendi certo dandomi del gay. l’omosessualita’ non e’ un’offesa. mi offenderei tantissimo invece se mi dessi dell’omofobo. comunque la cosa strana e’ che chi mi conosce di presenza non mi ha mai “sospettato” di essere omosessuale. lo ripeto non mi sarei certo offeso, ma sono eterosessuale. invece certi conoscenti omofobi sono “sospettati” di essere omosessuali latenti e nasconti! vedi come e’ strano il mondo.

    dio assista i bisognosi, e tu lo sei e lo sai…non siamo acidi, difendiamo la nostra vita e tu la mortifichi, sei solo una persona ignorante, che ci classifica come perversi. adesso taci, perché a quelli come te dico ad alta voce: le persone come voi rovinano il mondo e siete paragonabili ai razzisti ai sessisti, siete di serie z!!!! e adesso state zitti

    si prega live sicilia di pubblicare i miei commenti con insulti, perchè avete pubblicato quello in cui uno stupido ci classifica come malati o perversi, si chiama omofobia è più grave! adesso non pubblicate questo!

    Per Vomitai. La ringrazio per avere esposto così bene il pensiero di tante persone che la pensano come lei. La volgarità è diventata modo di vivere di chi non è mai riuscito ad allinearsi con le persone bene educate.

    10 giorni di dibattiti non ti sono bastati? forse non te ne basterebbero nemmeno 100

    ma quando mai? stai mentendo

    e le famiglie vere sono solo 30 persone?

    Secondo la Questura i partecipanti erano almeno 135.000. Vi invitiamo pertanto a rettificare l’articolo.

    Silvestro@ sei proprio “tordo” io non classifico nulla e nessuno… l’argomento è quello che è!!! Detto questo tu nella tua sponda ed io nella mia senza offese per nessuno.

    Ma questa Sonia Lombardo sa tutto di tutti e in questo Gay Pride era onnipresente. Un vero fenomeno!!!

    Questo lo dite voi! E chi ce lo garantisce? Quì potete dire che secondo il Papa erano 500.000, e se poi non corrisponde? Parole,parole,parole….

    @sonia Lombardo: scusi ma ieri non riuscivo ad inserire la risposta.

    No, non ero a Palermo sabato, ero con la mia famigliola a mare. Quando posso scappo dalla città, cosa che dovrebbero far tutti e che possono fare tutti, non mi mettete in mezzo le solite disquisizioni economiche, ma quello è un altro discorso.
    Ebbene io penso che se la gente denuncia un fatto lo fa -spero-con coscienza…se non è vero che sono state viste persone compiere gesti simili, e lo pubblicano per trollaggio o cortile beh tali persone andrebbero curate; tuttavia il mio doscorso vuole essere molto più generale. E’ la -concezione- del gay pride che ghettizza gli omosessuali rendendoli purtroppo diversi agli occhi degli etero.
    Ci sono correntemente gesti o manifestazioni estreme e tratti volgari in ogni gay pride, e so per certo che ce ne sono state anche sabato…ma questa spudorata ostentazione, oltre che per certi versi “sui generis” è anche controproducente: vede io pomiciavo (altri direbbero schiniavo) in maniera più o meno appartata per una questione intima, volevo condividere quell’intimità soltanto con la persona che amavo; le slinguazzate con annessa saliva e gesto sessuale incorporato, così per il gusto di manifestare apertamente il proprio indirizzo sessuale, oltre che volgare, è strumentale…non c’è niente che si possa chiamare AMORE in quel gesto.
    Capisco che la manifestazione è stata una cosa carina, ma per protestare, per chiedere a gran voce l’ottenimento di un diritto, la strada è un’altra. Io spero soltanto che le istituzioni capiscano che le coppie omosessuali sono una realtà vera e tangibile e che va “normata” omologandola ad una coppia di fatto con diritti e doveri: ma, -appunto-, il dovere dei gay è solo e soltanto di esserlo senza falso esibizionismo.
    Il pride secondo me è una festicciola e basta…non assume alcun valore simbolico. Serve solamente a rendere ridicoli gli omosessuali.

    Scettico, lo dice la questura!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.