Arcigay contro il ddl di Fdi | "Pensino a tutte le famiglie" - Live Sicilia

Arcigay contro il ddl di Fdi | “Pensino a tutte le famiglie”

L'associazione per i diritti Lgbt contro la proposta di Fratelli d'Italia all'Ars.

ARCIGAY PALERMO
di
5 Commenti Condividi

PALERMO – “Siamo felici che l’Ars dia finalmente segni di vita e che lo faccia per promuovere le famiglie. Certo, sarebbe ragionevole pensare che la maggioranza abbia lavorato per adottare misure concrete di supporto e sostegno alle famiglie, ma a tutte le famiglie: senza esclusione e iniziando, magari, da quelle in difficoltà. Invece un partito della maggioranza del presidente Musumeci preferisce presentare un ddl inutilmente polemico oltre che discriminatorio e ideologico”. A scriverlo in una nota è l’associazione Arcigay Palermo, in riferimento al disegno di legge presentato dal deputato regionale Antonio Catalfamo, capogruppo di Fratelli d’Italia, che vuole istituire la “Giornata regionale della famiglia tradizionale”. 

“Ricordiamo ai deputati della maggioranza – prosegue la nota – che la campagna elettorale è terminata e che è arrivato il momento di risparmiare agli elettori tali gesti a effetto a cui la politica nazionale ci sta abituando, per concentrarsi invece a lavorare concretamente e impegnarsi per aiutare una Sicilia che continua a sopravvivere tra gravi difficoltà economiche, sociali e infrastrutturali”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

5 Commenti Condividi

Commenti

    Ah, ma allora è rimasto qualcuno con un pò di buon senso!
    Cosa ha fatto il governo Musumeci e i deputati regionali da quando sono stati eletti, per le famiglie o per chiunque?
    Basta con i proclami, basta con le sciocchezze: devono mettersi a lavorare.

    Non c’è il vostro sindaco alla guida della regione eh…

    Il potere politico regionale,nazionale non è piu’ a vostra disposizione,le cose sono cambiate.

    Secondo me all’ARS hanno commesso (come al solito) un errore grossolano.
    La dicitura “tradizionale” sembrerebbe legittimare l’esistenza di una “famiglia non tradizionale”. Ebbene così non è, le unioni legalizzate tra persone con lo stesso sesso non hanno niente a che vedere con la “famiglia”.

    La famiglia è una sola cioè uomo+donna+figlio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.