Papa Francesco incontra i giovani:| "No a mentalità mafiosa e malaffare" - Live Sicilia

Papa Francesco incontra i giovani:| “No a mentalità mafiosa e malaffare”

Piazza Politeama saluta il Papa

Ultima tappa della giornata palermitana di Bergoglio. LA DIRETTA

1 Commenti Condividi

ore 18:15
Il Papa rilancia il suo no alla mafia: “Per essere costruttori di futuro vanno anche detti dei no: no al muro dell’omertà, un ‘ecomostro’ che va demolito per edificare un avvenire abitabile. No alla mentalità mafiosa, all’illegalità e alla logica del malaffare, veleni corrosivi della dignità umana. No ad ogni violenza: chi usa violenza non è umano”. Lo ha detto papa Francesco incontrando i giovani in Piazza Politeama a Palermo. 

ore 18:00
Il Papa tocca il tema dell’immigrazione:Sognate in grande, perché nei grandi sogni troverai tante parole del Signore. Voi siete un popolo frutto dell’incontro tra popoli e culture. La fede si fonda sull’incontro. Dio vuole che ci salviamo insieme, non da soli. Che ci salviamo come popolo. Voi siete un popolo con una identità grande. E dovete essere aperti ai popoli che come in passato vengono da voi. Quel lavoro di accoglienza e di rispettare la dignità degli altri non sono buoni propositi di gente educata, ma i presupposti dell’essere cristiano. Chi non è solidale non è un cristiano. Dovete essere uomini e donne di incontro in un mondo di scontri”.

ore 17:50
Ancora Papa Francesco: “Gesù ci chiama a prendere il largo. Gesù non vuole che rimani in panchina, ti invita a scendere in campo. Non ti vuole dietro le quinte a spiare gli altri. Mettiti in gioco. Tutti ne abbiamo fatte tante… perdere la faccia non è il dramma della vita. Il dramma è non metterci la faccia. Meglio cavalcare i sogni belli con qualche figuraccia, che diventare i pensionati del quieto vivere. Meglio buoni idealisti che pigri realisti. Meglio Don Chisciotte che Sancho Panza”.

ore 17:45
Il Papa prende la parola davanti alla folla in piazza Politeama:Sono contento di incontrarvi al culmine di questa giornata stancante ma bella. Grazie palermitani. Dio crede in voi, più di quanto voi crediate in voi stessi. Dio vi ama più di quanto voi amiate. Lui vi aspetta. Fate gruppo, fatevi amici, fate camminate e incontri, fate Chiesa così, camminando. Il Vangelo è scuola di vita. Gesù ha detto: cercate e troverete. Ma dove cercare? Non sul telefonino, lì le chiamate del Signore non arrivano. Né in televisione: il Signore non possiede nessuna televisione. Né nello sballo, né davanti allo specchio, dove restando soli, rischiate di rimanere delusi da quello che siete. Quell’amarezza che ti porta alla tristezza, no… in cammino, sempre in cammino. Non cercate il Signore nella vostra stanzetta, pensando al passato. Dio parla nella relazione con gli altri”.

 

PALERMO – Il momento tanto atteso è arrivato. Papà Francesco è in piazza Politeama. La piazza è strapiena. Via libertà invasa dalla folla. 

Il papà accolto al grido di “Ciccio Ciccio”. L’arcivescovo Corrado Lorefice spiega al Pontefice che la folla lo acclama pronunciando il suo nome in dialetto. Poi, lo ringrazia per la forza che ha trasmesso alla Sicilia: “Giovani non abbiate paura della vita non ritiratevi nel disincanto. Prendete in mano la sicilia. Giovani siate voi germi e lievito si speranza essere giovani vuol dire avere tempo. Francesco ti vogliamo bene prega per noi”.

LA DIRETTA

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Ho trovato un Papa grande, stanco, profondo. Credo vada riascoltato con attenzione, per la capacità di non essere superficiale.
    Anche sul tema delle migrazioni, molto efficace e non scontato (come invece sono le tifoserie).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.