I lavoratori in piazza: | "Intervenga il ministero" - Live Sicilia

I lavoratori in piazza: | “Intervenga il ministero”

La manifestazione a difesa dei posti di lavoro dei 600 operatori del call center paternese.

#siamotuttiqe
di
1 Commenti Condividi

CATANIA – Come promesso sono scesi in strada per gridare tutta la loro disperazione i lavoratori del call center Qè: l’azienda entrata in crisi che ha messo praticamente alla porta oltre 600 figure professionali. Quest’oggi si è svolta un’eclatante manifestazione che ha visto la partecipazione dei dipendenti riunitisi nella prima mattinata in piazza Roma da dove è partito il corteo. La marcia di protesta dopo aver attraversato via Etnea è proseguita fino a Palazzo Esa. L’obiettivo è di coinvolgere nella trattativa il ministero del Lavoro chiamato a gran voce a impegnarsi con senso di responsabilità verso una vertenza così dolorosa.

Ad accompagnare i lavoratori c’erano gli esponenti delle sigle Fistel Cisl e Slc Cgil, le istituzioni fra cui il primo cittadino Mauro Mangano, il sindaco di Belpasso Carlo Caputo, l’onorevole del Pd Concetta Raia e il senatore Ncd, Salvo Torrisi. Quest’ultimo proprio ieri ha presentato un’interrogazione al ministero dello sviluppo Economico e al ministero del Lavoro.

“Occorre quanto prima – ha detto Torrisi a LiveSiciliaCatania – convocare un tavolo nazionale il cui obiettivo è duplice: innanzitutto capire se al di là di una crisi dell’azienda che appare oramai irreparabile, sia possibile individuare un imprenditore che abbia voglia di insediarsi e scommettere nel territorio di Paternò. L’altro obiettivo è di attivare quanto prima le procedure necessarie affinché ai lavoratori vengano garantite le mensilità arretrate e gli ammortizzatori sociale. Stamane ho sentito il dottor Castano, il responsabile nazionale che si occupa delle vertenze che arrivano al Mise il quale sta esaminando il dossier sul Qè. A breve scopriremo la data in cui si svolgerà il tavolo”.

“Il call center Qè non deve chiudere – ha detto Concetta Raia – si darebbe un colpo troppo forte a 600 famiglie e a una intera comunità togliendo la speranza di una occupazione: si svuota un territorio. Il Mise deve intervenire, ma anche il governo regionale unitamente alla città metropolitana sono chiamato in causa per trovare una soluzione ad un problema che non è stato causato dai lavoratori. Personalmente ho già chiesto un intervento al presidente della commissione attività Produttive della regione siciliana affinchè si sensibilizzino tutti i livelli istituzionali e non avvenga quello che tutti temono”.

“Solo tramite il sostegno del ministero potrebbe diventare possibile spostare le commesse all’interno del territorio e salvare così i posti di lavoro” – ha ribadito Antonio D’Amico, segretario Fistel Cisl. Per mercoledì la deputata nazionale Luisa Albanellla è riuscita ad ottenere un incontro a Montecitorio fra una delegazione dei sindacati e Cesare Damiano, presidente della commissione Lavoro.

Nel corso della manifestazione i lavoratori hanno sfogato la loro rabbia nei confronti dell’intestatario delle varie società in cui rientrerebbe anche il Qè. L’amministratore, Argenterio, avrebbe in sospeso diversi conti con il fisco e accumulato un debito che sfiorerebbe i sei milioni di euro.

L’accorato appello di una lavoratrice:  “Ho lavorato per più di dieci anni al Qè – racconta – Ho costruito la mia vita, la famiglia e acceso un mutuo grazie anche questo piccolo stipendio. Al momento è difficile andare avanti. Stiamo lottando perché le istituzioni ci vengano in aiuto e non ci lascino senza più un’occupazione. Abbiamo aderito al contratto di solidarietà negli scorsi mesi, c’era stata la cassa integrazione. Credevamo bastasse. Ma non avremmo mai pensato si potesse venire a creare una situazione simile”. Senza contare che fino a oggi l’azienda Qè ha rivestito una grandissima importanza dal punto di vista occupazionale in un territorio stremato dalla disoccupazione, come è Paternò. Insomma, i lavoratori del Qè non hanno nessuna intenzione di mollare.

Al termine della manifestazione, una  delegazione di lavoratori e sindacalisti sono stati poi ricevuti da Giuseppe Caudo, dell’Ufficio di Gabinetto della Presidenza della Regione. “Abbiamo chiesto che la Regione si faccia carico di parlare con i committenti  di Qè, Sky, Wind, Enel ed Inps, perché in questi giorni di volumi di traffico indeboliti si sforzino di capire le ragioni dei lavoratori – proseguono i segretari di Slc Cgil e Fistel Cisl di Catania, Davide Foti e Antonio D’Amico- inoltre abbiamo chiesto un incontro al Ministero dello Sviluppo economico. Crediamo che questa protesta stia creando le condizioni per aprire il caso e trovare nuove soluzioni”. Presente anche l’assessore comunale Angelo Villari che ha comunicato la decisione del sindaco Enzo Bianco di indire subito un incontro sul caso Qè.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Prima sa rubbano Santaita e poi ci ficiru i porti di ferru.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *