Il caso Ciem-Irfis, Malafarina: | "Si faccia subito chiarezza" - Live Sicilia

Il caso Ciem-Irfis, Malafarina: | “Si faccia subito chiarezza”

“Presenterò un’interrogazione – annuncia il deputato – per verificare la fondatezza di quanto letto su Livesicilia. Se i fatti corrisponderanno a quanto scritto dal giornale, chiederò che gli atti siano consegnata alla Procura contabile per verificare eventuali responsabilità”.

Il parlamentare del Megafono
di
9 Commenti Condividi

PALERMO – “Quanto ho letto mi pare sconcertante. Bisognerà verificare se qualcuno ha effettivamente delle responsabilità”. Le parole sono del deputato del Megafono Antonio Malafarina, e il riferimento è al caso del ricorso del Ciem contro l’Irfis, raccontato da Livesicilia.

“Presenterò un’interrogazione – annuncia Malafarina – per verificare la fondatezza di quanto letto su Livesicilia. Se i fatti corrisponderanno a quanto scritto dal giornale, chiederò che gli atti siano consegnata alla Procura contabile per verificare eventuali responsabilità”.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

9 Commenti Condividi

Commenti

    e quindi, prima la deve scrivere, poi deve essere annunciata in aula, poi trasmessa al governo, poi iscritta alla rubrica per essere trattata in aula, un anno, e c’è bisogno? faccia direttamente un esposto alla procura della corte dei conti e così fa prima! l’ennesima dimostrazione che malafarina non è cosa!!!

    Bravo Accursio, per fortuna ci sono le tue inchieste! Così i poveri parlamentari possono accorgersi cosa accade intorno a loro…

    Ma non esiste l’obbligo della mediazione, prima del ricorso all’azione civilistica, quando si tratta di uffici della Regione ?
    Mi pare ci fosse una circolare del precedente Governo in tal senso all’interno di un decreto che regolamentava le partecipate.
    Mi sembra un principio di buona amministrazione, a meno che non lo si metta in pratica per Fare pagare le solite consulenze per i soliti avvocati.
    Sarebbe interessante capire e SAPERE infatti quanti incarichi hanno (E QUANTO VALGONO) gli avvocati A. e P. e (i loro studi) e se non si configuri un conflitto di interessi considerato che sono sposati o consulenti delle due più alte cariche della regione…
    Ma temo che la giustizia/l’onestà/il senso della misura/il senso dell’opportunità sia bello ma non davanti la porta di casa propria…

    Un deputato di maggioranza e in stretto rapporto col presidente della regione ha bisogno di una interrogazione a cui il governo risponderà fra 30 giorni per verificare la “fondatezza”??? Finché la politica rimane nelle mani degli “improvvisatori” non c’é speranza!!

    mamma mia c’è da tremare fa sul serio! e giá che c’è perchè non si occupa di qualche altro “leggero” conflitto di interessi dalle parti di palazzo d’orleans…

    davanti a

    Questo, unitamente agli altri componenti del Megafono, quando apre la bocca rompe i muri. Ma non meravigliamoci perché il pesce puzza dalla testa. La colpa non è vostra ma di chi vi ha votato.

    onestamente 68 persone che lo votano secondo te lo hanno fatto convinte di eleggerlo? non possiamo sempre infierire sugli elettori, di fatto a malafarina non lo voleva nessuno: ” u cielu u ittò e l’assemblea apparò”, certo se si potessero pagare ad un euro al mese per ogni voto conseguito….. potrebbe essere una buona aplicazione di spending review

    mi sa che malafarina non ha le idee chiare su cosa siano le interrogazioni…..sono atti ispettivi nei confronti del governo del suo presidente e metterebbero in luce situazioni problematiche del suo presidente (peraltro molto ovvie, a prescindere dall’interrogazione…)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *