Palermo, Lagalla: "Sui manifesti raccolti elementi" - Live Sicilia

Il caso manifesti a Palermo, Lagallla: “Raccolti elementi per le indagini”

La rivelazione del candidato di centrodestra
COMUNALI
di
1 Commenti Condividi

PALERMO – Nuova puntata nel caso dei finti manifesti elettorali di Forza Italia e Dc inneggianti alla mafia, spuntati questa mattina a Palermo. Il candidato sindaco del centrodestra, Roberto Lagalla, rivela: “In merito alle affissioni dei manifesti diffamatori nei confronti di Forza Italia e Dc i componenti del mio staff hanno raccolto degli elementi che potrebbero essere utili alle indagini e li hanno responsabilmente trasferiti alla Digos”.

Il botta e risposta Miceli-Lagalla

Parole che arrivano al termine di una giornata contrassegnata da un nuovo battibecco tra Lagalla e il suo avversario di centrosinistra, Franco Miceli. “Ci abbiamo messo 30 anni di impegno e battaglie per scrollarci di dosso l’etichetta di capitale della mafia – era stato il commento via social di Miceli alla notizia dei manifesti -. Lagalla in un mese è riuscito a vanificare tutto, riabilitando personaggi come Cuffaro e Dell’Utri. Vergogna“. Frasi alle quali ha subito controreplicato l’ex rettore: “Piuttosto che prendere le distanze dai vandali che hanno imbrattato la nostra città, denunciando le volgari illazioni contenute nei manifesti, si diletta ad additarmi come male assoluto di Palermo. L’ennesima caduta di stile da parte di chi, privo di contenuti e idee, tenta di delegittimare l’avversario politico pur di ottenere un briciolo di visibilità”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Addirittura scomodare la Digos 🙂 si vede che è nervosetto il professore Lagalla. Che poi, se ricordo ed ho letto bene da qualche parte, i goliardi si sono pure firmati… e infine… se ne dovrebbero lamentare Forza Italia e la DC, no?

    La vicenda mi ricorda di quando i poster di Miccichè (la forza di Miccichè) furono (per così dire) completati da Pasquini locali.

    E pure mi ricorda gli slogan inizialmente anonimi di Addiopizzo.

    Ecco, a Catania, città ridotta ad un cimitero mentale, queste cose non accadono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.